Salari e inflazione: la ricetta nell'ultimo bollettino della Bce

Salari e inflazione: la ricetta nell'ultimo bollettino della Bce

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Sergio Cararo - Contropiano


Secondo l’ultimo bollettino economico della Banca Centrale Europea, nella zona euro “i salari reali sono sostanzialmente inferiori rispetto al periodo precedente alla pandemia”, e questo per la Bce potrebbe portare i sindacati a chiedere aumenti salariali più elevati nei prossimi negoziati, specialmente nei settori con retribuzioni più basse.

Ma quella che  sembra una misura dovuta e di buonsenso, visti gli aumenti dei prezzi, viene invece vissuta con allarme dalla principale istituzione finanziaria europea. Infatti secondo la Bce questa tendenza alimenta i timori che l’elevata inflazione (9,2% a dicembre) possa perpetuarsi “se la fissazione dei salari fosse adeguata all’andamento dei prezzi su base più permanente”.

Tant’è che la presidente della Bce, Christine Lagarde, ha recentemente affermato che di “fronte a questo rischio”, il dovere del Comitato esecutivo sarà quello di impedire che la spirale salariale influisca sulle aspettative sul carovita a lungo termine. Non solo. Il capo economista della Bce Philip Lane, ha sostenuto che ci vorranno diversi anni prima che i salari si adeguino completamente ai recenti shock sui prezzi e che dunque il monitoraggio delle retribuzioni da parte dell’istituto di Francoforte costituirà una parte importante della vigilanza sulla tendenza dell’inflazione.

Di conseguenza, la Bce interverrà come al solito con una ennesima frustata al rialzo sui tassi di interesse. Le stime su salari più alti nei prossimi trimestri fanno infatti aumentare le aspettative per un rialzo dei tassi di 50 punti base alla prossima riunione di febbraio e probabilmente un altro di uguale entità in quella di marzo. Il previsto rallentamento economico nell’Eurozona, insieme all’incertezza sulle prospettive economiche, secondo la Bce dovrebbe esercitare pressioni al ribasso sulla crescita salariale di lungo periodo.

Insomma la Bce agisce automaticamente (nel senso di come un automa, ndr) affrontando l’inflazione con il solito e inefficace sistema: bloccare i salari e aumentare i tassi di interesse. Lo fa dalla sua fondazione e non riesce a vedere né immaginare soluzioni diverse da quelle più dolorose per i lavoratori di fronte ad una inflazione dovuta ad agenti esterni (i prezzi energetici e delle materie prime) e non alla vivacità dei mercati.

Magari cercare di disinnescare, invece di alimentare, la guerra in corso in Ucraina potrebbe avere effetti assai più positivi sull’economia europea.

Le istituzioni europee fanno la stessa cosa da trenta anni, sin dal Trattato di Maastricht per combattere una inflazione che all’epoca era già largamente sconfitta. L’ossessione molto deutsche contro l’inflazione, ha prodotto il suo esatto contrario e, nonostante tale evidenza, la Bce continua ad agire esattamente nello stesso modo, consolidando e alimentando così un impoverimento sociale e salariale nell’Eurozona che sta diventando sempre più insopportabile per milioni di persone.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti