Sale a 7 il numero delle vittime in Perù. Castillo chiede intervento della Commissione Interamericana per i Diritti Umani

Sale a 7 il numero delle vittime in Perù. Castillo chiede intervento della Commissione Interamericana per i Diritti Umani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Continua la dura repressione in Perù delle proteste popolari scatenate con la destituzione del presidente in carica Pedro Castillo. Repressione avallata dalle autorità ed evidentemente anche dal nuovo governo formato da Dina Boluarte, già vicepresidente di Castillo, subentrata in carica dopo la destituzione del maestro rurale da parte del Congresso. 

Nelle prime ore di mercoledì mattina è morto nell'ospedale di Abancay, nella regione peruviana di Apurímac, Cristian Alex Rojas Vásquez - 19 anni - ferito sabato scorso ad Andahuaylas durante le proteste che chiedevano la liberazione di Pedro Castillo, lo scioglimento del Congresso e la convocazione di un'Assemblea Costituente per riformare e democratizzare lo Stato peruviano che i settori popolari ritengono ostaggio delle èlite. 

La morte di Rojas porta a sette il numero di persone uccise durante le manifestazioni in cui i sostenitori di Castillo chiedono anche l'allontanamento dalla presidenza di Dina Boluarte.

Del totale delle vittime, cinque sono morte ad Andahuaylas, una nella provincia Apurimac di Chinchero e un'altra ad Arequipa. Oltre a Rojas Vásquez, i morti sono due minori di 15 e 16 anni, altri tre giovani di 18 anni e un uomo di 38 anni, secondo la Defensoría del Pueblo.

Nel frattempo, le proteste continuano a scuotere il Paese e l'azione delle forze di sicurezza non contribuisce ad allentare le tensioni, poiché in molti casi sfociano nella repressione e negli scontri con i manifestanti.

Martedì sera, il ministro della Difesa Alberto Otárola ha annunciato la dichiarazione di emergenza su tutte le strade del Paese, la protezione degli asset strategici da parte delle forze armate e lo stato di emergenza in tutte le regioni di Arequipa e Ica.

La mossa è arrivata dopo che Dina Boluarte, descritta da Castillo come un "usurpatore", ha dichiarato di non ritenere necessario portare l'esercito nelle strade, invitando alla calma, al dialogo e ad accelerare il processo per le elezioni anticipate.

In una lettera pubblicata sul suo account Twitter, Castillo, che si trova in carcere, ha invitato le forze armate e la polizia nazionale a "deporre le armi" per "fermare lo spargimento di sangue" contro la popolazione.

Ma Castillo non si arrende e dopo la richiesta di 18 mesi di detenzione preventiva nei suoi confronti avanzata dalla Procura Generale del Perù, ha chiesto alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani (CIDH) di intercedere per proteggere i suoi diritti politici.

In un tweet, Castillo ha anche chiesto la protezione dei diritti delle persone che sono scese in piazza per chiedere il suo reintegro al potere, nuove elezioni e la convocazione di un’Assemblea Costituente. 

"Ritengo i giudici e i pubblici ministeri responsabili di ciò che accade nel Paese. Milioni di ringraziamenti ai miei compatrioti per il loro amore e il loro sostegno", ha affermato il presidente spodestato. 

Un paese che resta in fermento e continua a popolare le strade e le piazze affinché sia rispettata la volontà popolare visto che Pedro Castillo è il presidente scelto dalla maggioranza dei peruviani alle ultime elezioni presidenziali. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti