Sciopero Stellantis. "A Pomigliano un coraggio tra i lavoratori che non si vedeva da anni"

Sciopero Stellantis. "A Pomigliano un coraggio tra i lavoratori che non si vedeva da anni"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo lo sciopero interno di mercoledì scorso, una pratica molto in voga negli anni ’70, per bloccare con più efficacia la produzione e coinvolgere più maestranze nella protesta, nello Stabilimento Stellantis di Pomigliano la lotta non si ferma.

L’agitazione promossa da Fiom-Cgil e Slai Cobas ha coinvolto centinaia di operai comportando rallentamenti consistenti per la produzione dell’Alfa Romeo Tonale della Fiat Panda è proseguita anche oggi,

A Luigi Aprea, operaio Stellantis, del coordinamento provinciale Slai Cobas abbiamo chiesto cosa sta succedendo nello stabilimento di Pomigliano, laboratorio delle politiche antioperaie denominato "piano Marchionne" che fu da apripista al Jobs Act promosso dal Governo di Matteo Renzi.

Aprea oggi un'altra giornata di sciopero interno. Cosa sta succedendo a Pomigliano?

“Continua il percorso di lotta nella fabbrica. Il corteo di oggi è stato molto partecipato, anche lo Slai Cobas era presente al fianco dei lavoratori.”

Queste agitazioni erano impensabili fino a poco tempo fa. C'è una nuova consapevolezza di lotta?

“Prende sempre più concretezza la volontà dei lavoratori di rigettare tutto quello che è stato accettato in questi anni. Questa lotta in corso è in linea con le posizioni dello Slai da 20 anni a questa parte. Si riscontra un coraggio che non precedenti da parte dei lavoratori che guidano la protesta.”

In quali termini di partecipazione?

“Addirittura il corteo interno era così numeroso che sono stati bloccati i reparti lastrosaldatura e stampaggio dove vengono prodotti pezzi per altri stabilimenti italiani di Stellantis."

Gli iscritti dello Slai Cobas sono rientrati a Pomigliano da Nola dopo 15 anni dove erano stati messi nel reparto confino. Con una sentenza sul diritto antidiscriminatorio euroepo che riconosce che il vostro sindacato era stato discriminato dalla Fiat. La vostra presenza a Pomigliano darà una nuova spinta?

“Con il ritorno dal reparto confino di Nola dei nostri iscritti, i lavoratori hanno ritrovato coraggio per rivendicare i propri diritti. Oggi i ritmi di lavoro sono infernali, l’efficienza produttiva è fatta solo a danno dei lavoratori in termini sicurezza e di igiene. Lo Slai Cobas però è tornato vivo, presente e da orientamento nei cortei che si stanno facendo in fabbrica.”

Stellantis aveva annunciato, per domani un sabato lavorativo, per recuperare la produzione ma immediatamente lo Slai Cobas ha proclamato lo sciopero di otto ore per ogni turno lavorativo.

L’azienda è stata costretta, quindi, a revocare il sabato di straordinario.

I segnali di ripresa di lotta operaia che provengono da un sito industriale come quello di Pomigliano sono molto importanti e incoraggianti, dalle fabbriche partono sempre i grandi cambiamenti sociali, anche oggi, nonostante il mondo del lavoro sia molto diverso e variegato e soprattutto diviso.

Alle proteste e agli scioperi di questi giorni c’è da evidenziare la partecipazione di maestranze non solo iscritte alla Fiom e alla Slai Cobas.

C'è da aspettarsi che la prossima settimana continueranno. 

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti, fra i quali: Laurea in Lettere Moderne, Iscrizione all'Albo giornalisti pubblicisti della Campania dal 2010. Per molti anni mi sono occupato di relazioni sindacali, coprendo le vertenze di aziende multinazionali quali Fiat e di Leonardo Finmeccanica. Impegno di militanza politica, divenata passione, è il Medio Oriente. Per LAD Gruppo Editoriale ho pubblicato il libro 'Passione Pasolini - Un Viaggio con David Grieco', prefazione di Paolo Desogus. 

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti