Scoop Euractiv. Un governo "modello Draghi" o alla Grecia niente soldi del Recovery

Scoop Euractiv. Un governo "modello Draghi" o alla Grecia niente soldi del Recovery

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato blocco deciso da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura. Iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

 

Fonti della Commissione europea a Euractiv hanno fatto trapelare che - dopo l'esperienza difficoltosa nella negoziazione delle prime tappe della riforma per la prima tranche del Recovery Fund - sono in atto "discussioni e riflessioni" sulla promozione del modello Draghi anche per la Grecia.

La preoccupazione fatta emergere dalle solite fonti che vogliono restare anonime è che "il personale attuale del sistema politico greco non è in grado di effettuare i tagli profondi necessari affinché il paese possa voltare pagina".

EURACTIV prosegue sottolineando come l'argomento principale di Bruxelles sia chiaro: l'enorme quantità di denaro che affluirà nell'economia greca entro il 2026 crea il timore che il governo esistente sia "in balia di forti pressioni e impegni su un gruppo ristretto di uomini d'affari greci. Questo è un circolo vizioso che non consente all'economia di aprirsi agli investimenti europei e stranieri", hanno dichiarato le fonti.

Non è un caso, aggiungono, che a giugno 2021 il piano di ripresa greco sia stato l'unico a cambiare prima di ricevere il via libera di Bruxelles con Germania e altri Stati che chiedevano "chiarimenti" ad Atene sulla scelta delle imprese che avrebbero beneficiato dei prestiti agevolati.

"Ci sono scenari già pronti per rispondere a una possibile crisi politica che si innescherà se l'erogazione della prossima tranche del Recovery Fund sarà bloccata", ha sottolineato una fonte vicina alla questione.

Questo scenario diventa fondamentale per le prossime elezioni, soprattutto nello scenario di non governabilità nel "punto più critico delle riforme del Recovery Fund" molto forte.

C'è "intensa preoccupazione", sottolinea la fonte, soprattutto dopo gli ultimi apparenti casi di debolezza delle strutture di base dell'apparato statale greco a causa della bufera di neve. L'erogazione della prima tranche del Fondo è già stata ritardata. Atene intendeva presentare una richiesta per la rata lo scorso ottobre, cosa che non è mai avvenuta perché la Commissione ha chiarito che l'avrebbe respinta a causa del ritardo nelle riforme.

La stessa fonte ha detto che i messaggi che stanno ricevendo da Atene sono che le elezioni si svolgeranno a settembre. Sulla base di questo scenario, che sembra essere stato chiuso all'interno del governo, sembra improbabile che ci sarà un esborso della seconda tranche durante l'estate come originariamente previsto.

Di fronte allo spettro dell'ingovernabilità e del pagamento in sospeso della seconda tranche del Fondo, la Commissione, insieme con grandi Stati come la Germania e la Francia, spingerà per un governo di unità nazionale con tecnocrati di riconosciuto prestigio.

Il modello Draghi si appresta ad essere esportato in Grecia...

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato blocco deciso da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura. Iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti