Si conclude il vertice Cina-USA di San Francisco: sarà disgelo o le tensioni aumentaranno?

Si conclude il vertice Cina-USA di San Francisco: sarà disgelo o le tensioni aumentaranno?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Mercoledì, il presidente cinese Xi Jinping ha incontrato il suo omologo USA Joe Biden per un vertice nella tenuta Filoli, a sud di San Francisco. I due leader hanno avuto uno scambio di opinioni sincero e approfondito su questioni strategiche, generali e direzionali riguardanti le relazioni Cina-USA, nonché su importanti questioni riguardanti la pace e lo sviluppo nel mondo.

Le due parti hanno convenuto di promuovere e rafforzare il dialogo e la cooperazione in vari campi, tra cui l'instaurazione di un dialogo intergovernativo sull'intelligenza artificiale, la creazione di un gruppo di lavoro di cooperazione per il controllo della droga tra Cina e Stati Uniti per portare avanti la cooperazione antidroga, la ripresa della cooperazione militare ad alto livello come la comunicazione militare, riunioni di lavoro del dipartimento della difesa Cina-USA, riunioni del meccanismo di consultazione militare sulla sicurezza marittima Cina-USA basate sull'uguaglianza e il rispetto e conduzione di conversazioni tra i leader regionali militari Cina-USA.

Hanno inoltre concordato di aumentare in modo significativo i voli all’inizio del prossimo anno, espandendo gli scambi nel campo dell’istruzione, degli studenti internazionali, della gioventù, della cultura, dello sport e degli affari, tra gli altri.

L'incontro è iniziato mercoledì intorno alle 11 e si è concluso alle 13,35 ora locale, ed è durato circa due ore, secondo quanto riportato dai media USA.

Dopo il discorso di apertura, diverse sessioni e un pranzo di lavoro, i due leader hanno concluso con una passeggiata nella storica tenuta a sud di San Francisco, come riportato dalla CNN.

Durante l’incontro, Xi ha sottolineato che il mondo oggi sta attraversando grandi cambiamenti mai visti in un secolo, e che Cina e Stati Uniti hanno due scelte: una è rafforzare l’unità e la cooperazione, unire le forze per affrontare le sfide globali e promuovere la sicurezza e la prosperità mondiale. 

L’altro è mantenere una mentalità a somma zero, provocare uno scontro tra blocchi e lasciare che il mondo si diriga verso il tumulto e la divisione.

Queste due scelte rappresentano due direzioni diverse e determineranno il futuro dell’umanità e del pianeta. Essendo la relazione bilaterale più importante al mondo, le relazioni Cina-USA dovrebbero essere considerate e pianificate in questo grande contesto, ha affermato.

Cina e Stati Uniti non possono rivoltarsi l’uno contro l’altro e non è realistico cercare di cambiare l’altro, e le conseguenze del conflitto e dello scontro sono insopportabili per chiunque, ha sottolineato Xi. "La competizione tra grandi potenze non risolverà i problemi che la Cina, gli Stati Uniti e il mondo si trovano ad affrontare. Questo pianeta è abbastanza grande sia per la Cina che per gli Stati Uniti. Il successo di ciascuno è un'opportunità per l'altro”.

Xi ha sottolineato che lo sviluppo della Cina segue la propria logica e le proprie regole, e che la Cina sta portando avanti il grande ringiovanimento della nazione cinese attraverso la modernizzazione nel suo stile unico.

La Cina non segue il vecchio percorso del saccheggio coloniale né si impegna in un confronto ideologico con nessun paese. Non esporta nemmeno l’ideologia. Xi ha sottolineato che la Cina non ha intenzione di superare o sostituire gli Stati Uniti, e che gli Stati Uniti non dovrebbero tentare di attaccare o contenere la Cina.

Il presidente Xi ha anche sottolineato l’importanza del rispetto reciproco, della coesistenza pacifica e della cooperazione vantaggiosa per tutti, che sono lezioni apprese dai 50 anni di storia delle relazioni Cina-USA e dai conflitti storici tra le grandi potenze. Questi principi dovrebbero guidare gli sforzi congiunti di Cina e Stati Uniti.

Finché entrambe le parti aderiscono al rispetto reciproco, alla coesistenza pacifica e alla cooperazione vantaggiosa per tutti, è del tutto possibile trascendere le differenze e trovare il modo corretto per far coesistere due grandi paesi, ha affermato Xi.

All’incontro di Bali dello scorso anno, la parte statunitense ha dichiarato che non cerca di cambiare il sistema cinese, non cerca una “nuova guerra fredda”, non cerca di opporsi alla Cina rafforzando alleanze, non sostiene “l’indipendenza di Taiwan” e ha nessuna intenzione di entrare in conflitto con la Cina. In questo incontro di San Francisco, Cina e Stati Uniti dovrebbero avere una nuova visione, ha affermato Xi, lavorando insieme per consolidare i cinque pilastri delle relazioni Cina-USA, tra cui stabilire un corretto riconoscimento reciproco, gestire le differenze in modo efficace, promuovere congiuntamente una cooperazione reciprocamente vantaggiosa, sostenere congiuntamente responsabilità delle grandi potenze e promuovere gli scambi culturali.

Sulla questione di Taiwan, Xi ha sottolineato che rimane la questione più importante e delicata nelle relazioni tra Cina e Stati Uniti, e la Cina apprezza le dichiarazioni positive fatte dalla parte americana durante l’incontro di Bali.

Secondo il presidente cinese, gli Stati Uniti dovrebbero attuare la loro posizione di non sostenere l’indipendenza di Taiwan in azioni concrete, smettere di armare Taiwan e sostenere la riunificazione pacifica della Cina.

Ha inoltre sottolineato che la continua implementazione da parte degli Stati Uniti di misure di controllo delle esportazioni, revisioni degli investimenti e sanzioni unilaterali ha gravemente danneggiato gli interessi legittimi della Cina.

Gli attacchi alla tecnologia cinese mira a contenere il suo sviluppo di alta qualità e a privare il popolo cinese del diritto allo sviluppo. Xi ha sottolineato che la crescita della Cina segue la propria logica interna, che non può essere fermata da forze esterne. La Cina spera che gli Stati Uniti prendano sul serio le sue preoccupazioni, adottino azioni adeguate, revochino sanzioni unilaterali e forniscano un ambiente giusto, equo e non discriminatorio per le imprese cinesi.

Biden ha detto ai giornalisti durante la marcia che i colloqui stavano andando "bene" e ha aggiunto sui social media che, secondo quanto riportato dai media, sono stati compiuti "progressi reali".

I due capi di Stato hanno sottolineato l’importanza che Cina e Stati Uniti accelerino gli sforzi per affrontare la crisi climatica durante questo decennio critico. Hanno accolto con favore le recenti discussioni positive tra gli inviati sul clima dei due paesi, comprese le azioni di riduzione delle emissioni nazionali negli anni 2020. Hanno inoltre espresso il loro impegno congiunto nel promuovere il successo della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Dubai (COP28) e hanno annunciato il lancio del gruppo di lavoro Cina-USA Enhancing Climate Action in 2020s per accelerare azioni specifiche sul clima.

Alcuni esperti ritengono che durante questo tanto atteso incontro, il leader cinese abbia ulteriormente chiarito la posizione della Cina sulle relazioni sino-statunitensi, esprimendo la speranza che gli Stati Uniti possano fondamentalmente adottare un atteggiamento corretto e responsabile, piuttosto che limitarsi ad apportare semplici aggiustamenti tattici.

"Questo conferma il tono dato a Bali. Guardando al futuro, sarà importante vedere se gli Stati Uniti riusciranno davvero a raggiungere una corretta comprensione", ha detto Diao Daming, professore associato presso l'Università Renmin della Cina a Pechino, in un'intervista al Global Times mercoledì.

Diao ha aggiunto che se gli Stati Uniti riusciranno ad adattare la propria comprensione e ad adottare veramente una prospettiva responsabile, riconoscendo le reciproche posizioni, gestendo efficacemente le differenze e promuovendo una cooperazione reciprocamente vantaggiosa, si stabilizzeranno ulteriormente le relazioni tra i due paesi.

Dall’ultimo vertice Cina-USA, possiamo vedere che le aspettative di entrambe le parti stanno cominciando ad allinearsi, ha detto mercoledì al Global Times Sun Taiyi, assistente professore di Scienze politiche alla Christopher Newport University.

Né Washington né Pechino nutrono alcuna illusione di una rapida svolta o di un miglioramento significativo delle relazioni. I leader di entrambi i paesi, ciascuno per le proprie ragioni, vedono anche i benefici nel contenere le tensioni al livello attuale per prevenire un ulteriore deterioramento, ha detto Sun.

Mantenere una comunicazione multicanale e multilivello per costruire barriere per le relazioni bilaterali potrebbe essere la misura più cruciale richiesta, ha osservato l’esperto.

Da un lato, il vertice potrebbe essere l’ultima opportunità per Biden di incontrare faccia a faccia il leader cinese durante l’attuale mandato del presidente degli Stati Uniti. D'altro canto, le elezioni americane saranno inevitabilmente accompagnate da varie accuse e commenti denigratori nei confronti della Cina da parte dei politici.

Alcuni politici in carica potrebbero anche proporre leggi severe alla Cina per influenzare gli elettori, ha osservato Sun.

"Pertanto, sarà essenziale continuare a esplorare la cooperazione in campi limitati, attivare i vari gruppi di lavoro e canali di comunicazione già esistenti e cercare un terreno comune riservando le differenze nelle aree controverse", ha affermato.

Intanto, come evidenziato da Politico con la provocazione di Biden subito dopo l’incontro con Xi Jinping definito ancora una volta “dittatore”, gli Stati Uniti per bocca del loro presidente hanno rivelato la loro vera postura nei confronti della Cina. 

Quindi sarà disgelo o le tensioni sono destinate ad acuirsi? Questa l’opinione del professor Orsini: “Oggi i corrottissimi media italiani raccontano che un disgelo tra gli Stati Uniti e la Cina sarebbe in atto in seguito all'incontro Biden-Xi Jinping, ma è falso. Tutte le tensioni tra loro restano invariate e sono destinate a crescere. I corrottissimi media italiani fornsicono questa rappresentazione falsa perché devono nascondere i disastri del blocco occidentale in Ucraina che hanno causato l'avvicinamento della Cina alla Russia e la crescita dell'inimicizia tra l'Occidente e la Cina. 

Ovviamente i corrottissimi media italiani non posso dirvi queste cose altrimenti Biden non apparirebbe più come un super-eroe e il blocco occidentale non apparirebbe più come la civiltà più intelligente e astuta del mondo. I corrottissimi media italiani non possono dirvi che le politiche occidentali in Ucraina stanno danneggiando gravemente l'economia dell'Unione europea che è andata in recessioni e ha finito le munizioni. E non possono nemmeno dirvi che la guerra in Ucraina ha demilitarizzato mezza Nato. Devono dirvi che va tutto bene, che andrà tutto bene, per proteggere una classe dirigente di politici falliti, a iniziare dalla presidente della Commissione Europea. 

Auguri ai corrottissimi media italiani. Sono affascinato dal modo in cui possano diventare sempre più corrotti giorno dopo giorno”.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti