/ Sul dipendente del consolato britannico a Hong Kong 'scomparso' i...

Sul dipendente del consolato britannico a Hong Kong 'scomparso' in Cina ennesima umiliazione per i media occidentali

 


Global Times
 

Simon Cheng Man-kit, un dipendente del consolato generale britannico a Hong Kong, risultava "disperso" durante un viaggio d'affari a Shenzhen, nella provincia del Guangdong, nella Cina meridionale. È residente a Hong Kong, ma il Foreign and Commonwealth Office del Regno Unito ha alzato un polverone al riguardo. I media occidentali, così come i media di Hong Kong e Taiwan, hanno persino affermato di essere stato inviato sulla terraferma cinese e collegato la sua "scomparsa" con l'attuale situazione a Hong Kong, gettando fango sul sistema giudiziario della Cina.

 

Il ministero degli Esteri cinese ha confermato mercoledì che Cheng era in detenzione amministrativa a Shenzhen. Giovedì, la polizia del distretto di Luohu a Shenzhen ha riferito al Global Times di averlo arrestato per violazione dell'articolo 66 della legge della Repubblica Popolare Cinese sulle sanzioni per l'amministrazione della pubblica sicurezza. L'articolo include l’adescamento di prostitute.

 

È vergognoso essere catturati per aver adescato prostitute. Coloro che vengono arrestati di solito desiderano nascondere la verità. La polizia di Shenzhen ha anche detto al Global Times che su richiesta di Cheng non hanno informato la sua famiglia. In altre parole, se il ministero degli Esteri britannico e i media occidentali non avessero fatto clamore, Cheng avrebbe potuto tranquillamente tornare a Hong Kong dopo essere stato detenuto per 15 giorni.

 

Cheng deve pagare il prezzo per violazione della legge. Ma è anche comprensibile che voglia nascondere l'episodio alla sua famiglia. Tuttavia, grazie al ministero degli Esteri britannico e ai media che lo hanno sostenuto, il caso è ora di dominio pubblico.

Fin dall'inizio, hanno accusato la terraferma cinese per la "scomparsa" di Cheng, sottolineando la narrativa secondo cui la sua ragazza non aveva ricevuto alcuna informazione dalla terraferma cinese, descrivendo quanto sia orribile la legge della terraferma. Hanno costretto la polizia di Shenzhen a rivelare la verità.

 

Quelle forze sono piene di pregiudizi e arroganza contro la terraferma cinese. Quando una persona scompare, non pensano nemmeno che l'uomo avrebbe potuto violare la legge, e immediatamente attribuiscono la colpa alla terraferma cinese, senza lasciare spazio alla persona interessata per affrontare l'incidente tenendo un basso profilo.

 

Dopo aver realizzato di aver fatto un casino, alcuni media di Hong Kong hanno fatto ricorso ai loro vecchi trucchi, sostenendo che la polizia cinese continentale ha fabbricato l'accusa di “istigazione alla prostituzione“ contro di lui. Cheng non è né una celebrità né un manifestante attivo. Fa spesso visita a Shenzhen. Perché la polizia di Shenzhen lo avrebbe deliberatamente incastrato? Quando mai la polizia della Cina continentale ha mai incastrato un Hongkonger del genere?

 

Il caso è un campanello d'allarme per quelle forze, che sono di parte e persino ostili nei confronti del sistema giudiziario cinese continentale. Il nostro sistema giudiziario non è come hanno immaginato e propagandato. La gestione dei casi in conformità con la legge è un fermo principio che la polizia cinese ha seguito. Se i media occidentali affrontano ogni arresto nella terraferma cinese che coinvolge i non continentali con la loro mentalità estrema, il risultato sarà solo un grosso errore e una grande barzelletta.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa