Tg La 7 e quei 43 secondi di inaspettata verità sui perché del Governo Draghi

Tg La 7 e quei 43 secondi di inaspettata verità sui perché del Governo Draghi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nei giorni segnati dalla crisi di governo che ha portato alla caduta del governo cosiddetto ‘giallorosso’ e all’insediamento a Palazzo Chigi di Mario Draghi, si sprecano le analisi sui reali motivi che hanno portato Matteo Renzi ad aprire la crisi. 

In questo video diffuso dall’eurodeputato Ignazio Corrao, ex del Movimento 5 Stelle, viene detto tutto precisamente. In appena 43 secondi tratti dal tg dell’emittente ‘la7’, la giornalista alla conduzione ci spiega forse inconsapevolmente, perché l’Italia è senza sovranità e deve rimanere ingabbiata nella zona euro. 

 

 

L’Italia - in particolare l’area nord-est del paese - è inglobata nella zona d’influenza economica della Germania, per questo a Berlino hanno bisogno che l’Italia resti intrappolata nella gabbia europea. Questa esigenza teutonica spiega anche l’adesione pressoché totale della Lega al nuovo governo Draghi, e perché questo sia a forte trazione settentrionale. 

«E’ chiaro che l’interesse della Germania e della Francia, ma soprattutto della Germania, è che l’Italia resti aggrappata all’eurozona e che riesca nell’obiettivo di spendere bene i soldi del Recovery Plan. Questo perché l’Italia fa parte della catena di produzione tedesca, quindi è interesse diretto della Germania che funzioni soprattutto la parte produttiva e industriale del nord-est italiano. Non a caso gran parte dei ministri del nuovo governo sono proprio del nord-est, così come era più a trazione centro-meridionale il passato governo, questo è un governo a trazione centro-settentrionale». 

 

LEGGI: Piano contro Mercato. Per un salario sociale di classe di Pasquale Cicalese

 

 

Parole chiare che in appena 43 secondi riassumono la subordinazione dell’Italia agli interessi tedeschi. E al contempo ci spiegano anche il ritorno della Lega alle posizioni pro-europee e pro-Germania che avevano caratterizzato il partito negli anni passati. Basti ricordare che nel 2012 l’allora europarlamentare e segretario lombardo della Lega Nord, Matteo Salvini, affermava: «La Lombardia e il Nord l'euro se lo possono permettere. Io a Milano lo voglio, perché qui siamo in Europa. Il Sud invece è come la Grecia e ha bisogno di un'altra moneta». 

Insomma, il governo Draghi si configura per l’Italia come una sorta di ritorno al passato con praticamente tutte le forze parlamentari schierate a difesa dell’eurozona e quindi degli interessi di una Germania determinata a mantenere intatta la propria zona d’influenza economica. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO