/ The Guardian: L'ONU trova bombe britanniche tra quelle sganciate ...

The Guardian: L'ONU trova bombe britanniche tra quelle sganciate dall'Arabia Saudita sullo Yemen

 

Un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha trovato bombe di fabbricazione britannica in un'area che ha subito attacchi aerei dall'Arabia Saudita nei pressi della capitale dello Yemen.


In un articolo pubblicato ieri dal quotidiano britannico The Guardian, è stato rivelato che un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha scoperto frammenti di sistemi missilistici a guida laser di fabbricazione britannica in una zona situata nei pressi di Sanaa, colpita dagli attacchi aerei dell'Arabia Saudita e dei suoi alleati.
 
Gli esperti hanno affermato che tra i resti trovati erano parte di una matricola in cui è stato stampato il nome di EDO MBM Technology Ltd, una compagnia di armi con sede a Brighton, una città del sud del Regno Unito.
 
I pezzi del missile, secondo il giornale, sono stati scoperti sul sito dopo che nel settembre 2016 questo posto è stato sottoposto ad attacchi aerei dalla cosiddetta coalizione guidata dai sauditi.
 
Gli attacchi in questione contro il popolo yemenita, che secondo gli stessi esperti costituiscono una flagrante violazione del diritto internazionale umanitario, hanno avuto luogo un mese dopo che l'allora ministro degli Esteri del Regno Unito e l'attuale premier, Boris Johnson, affermò di essere felice di consentire la vendita di armi a Riad da utilizzare nel paese più povero del mondo arabo.
 
Allo stesso modo, i funzionari delle Nazioni Unite hanno trovato frammenti di altri missili di fabbricazione britannica in un altro sito industriale a Sanaa dopo che un secondo attacco si è verificato nove giorni dopo il primo, ha aggiunto The Guardian.
 
"Questa rivelazione è un'accusa che condanna una politica sconsiderata nel suo disprezzo per il danno alla popolazione civile", afferma la dott.ssa Anna Stavrianakis, professoressa di relazioni internazionali all'Università del Sussex, nel sud-est del Regno Unito, citata dal giornale.
 
Le autorità yemenite, da parte loro, hanno ripetutamente condannato il sostegno agli armamenti di alcuni paesi occidentali, tra cui il Regno Unito e gli Stati Uniti a Riad e ai suoi alleati nella loro brutale campagna partita nel 2015 contro lo Yemen.
 
Londra, insieme a Washington, ha colto l'occasione per chiudere accordi di armamenti con il regime di Riad.
Citando i dati del Ministero del commercio internazionale del Regno Unito, la catena britannica Sky News svelò, lo scorso marzo, che Londra aveva venduto armi per un valore stimato di  5700 milioni di sterline (quasi $ 7400 milioni di dollari) all'Arabia Saudita e ai suoi alleati dall'inizio del conflitto.
 
 
Fonte: The Guardian - Sky News
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa