Tribunale di Bruxelles ordina di eliminare le restrizioni Covid entro 30 giorni

Tribunale di Bruxelles ordina di eliminare le restrizioni Covid entro 30 giorni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sentenza che viene dal Belgio ma che può essere fondamentale anche per il resto d'Europa.

Un tribunale di primo grado di Bruxelles ha ordinato allo Stato belga di porre fine alle "misure Covid" entro trenta giorni, a pena di pagare una multa di 5.000 euro al giorno. A dichiararlo al quotidiano Soir è stato Audrey Lackner, avvocato della Human Rights League (Ligue des Droits Humains) che aveva presentato ricorso legale.

Le organizzazioni per i diritti umani Ligue des droits humains (LDH) e Liga voor mensenrechten avevano presentato poche settimane fa al tribunale una richiesta per costringere lo Stato a sospendere il decreto ministeriale del 28 ottobre 2020 e delle sue successive modifiche. Gli avvocati delle due associazioni, Audrey Lackner e Audrey Despontin, avevano sostenuto che questi decreti "poggiano su basi giuridiche inadeguate e sono violazioni della legislazione del Consiglio di Stato con il pretesto di emergenza". Tuttavia, dopo un anno di crisi sanitaria, l'emergenza non è più una scusa per evitare un dibattito parlamentare sulle misure da adottare, hanno sostenuto.

Secondo Lackner, la Corte ha sostanzialmente ritenuto non valida la base giuridica su cui si basano le ordinanze ministeriali. Lo Stato, rappresentato dal proprio Ministro dell'Interno, è tenuto a “prendere tutte le misure che ritenga opportune per porre fine alla situazione di apparente illegalità derivante dalle misure restrittive fondamentali diritti e libertà riconosciuti dalla Costituzione […] contenuti nel decreto ministeriale del 28 ottobre 2020 e nei suoi successivi decreti ”. 

Il tribunale belga ha ritenuto in particolare che la legge del 15 maggio 2007 sulla sicurezza civile, che prevede l'organizzazione dell'evacuazione della popolazione dai luoghi o dalle regioni minacciate o colpite "si rivolge a situazioni molto specifiche che non coprono la situazione gestionale attuale della Pandemia" . Ha precisato che "sostenere che questa legge possa fornire una base giuridica sufficiente per i decreti ministeriali contestati equivarrebbe a dare a una legge ordinaria delega ad un ambito generale identico a quello di conferimento di poteri speciali senza le garanzie che lo richiedono".

Il giudice ha quindi ritenuto che “in queste circostanze, sembra che le misure restrittive delle libertà costituzionali e dei diritti umani, emanate dal decreto ministeriale del 28 ottobre 2020 e dai suoi successivi decreti non appaiano fondate su una base giuridica sufficiente”. Ha aggiunto che "se l'urgenza dei primi giorni dell'epidemia poteva spiegare che è necessario fare affidamento sulla legge del 15 maggio 2007, non sembra più giustificato fare affidamento su di essa diversi mesi dopo l'emergere della crisi ”e che“ le difficoltà più che complesse che la crisi genera per lo Stato belga non giustificano l'elusione per molti mesi, e ormai più di un anno, il principio di legalità necessario per qualsiasi restrizione dei diritti fondamentali ”.

Le organizzazioni per i diritti umani Ligue des droits humains (LDH) e Liga voor mensenrechten avevano presentato poche settimane fa al tribunale una richiesta per costringere lo Stato a sospendere il decreto ministeriale del 28 ottobre 2020 e delle sue successive modifiche. Gli avvocati delle due associazioni, Audrey Lackner e Audrey Despontin, avevano sostenuto che questi decreti "poggiano su basi giuridiche inadeguate e sono sistematicamente esclusi dalla consultazione della sezione di legislazione del Consiglio di Stato con pretesto di emergenza". Tuttavia, dopo un anno di crisi sanitaria, l'emergenza non è più una scusa per evitare un dibattito parlamentare sulle misure da adottare, hanno sostenuto.

Il ministro dell'Interno Annelies Verlinden sta studiando il verdetto. Lo ha detto VRT.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti