“Uniti nel cammino verso la modernizzazione”. Il discorso integrale di Xi Jinping all’incontro con i partiti mondiali

“Uniti nel cammino verso la modernizzazione”. Il discorso integrale di Xi Jinping all’incontro con i partiti mondiali

Il presidente cinese Xi Jinping ha tenuto un discorso programmatico all’incontro virtuale tra il Partito Comunista Cinese e i principali partiti mondiali svoltosi mercoledì 15 marzo. Di seguito la traduzione integrale del discorso.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Traduzione di Giulio Chinappi

 

Leader di partiti politici di tutto il mondo,

Signore e signori,

Amici,

È per me un grande piacere unirmi a tutti voi per la discussione su “Percorso verso la modernizzazione: la responsabilità dei partiti politici”.

La storia dello sviluppo umano è piena di colpi di scena. Allo stesso modo, anche il viaggio di ogni Paese per esplorare la via della modernizzazione è arduo. Nel mondo di oggi si intrecciano molteplici sfide e crisi. La ripresa economica globale rimane lenta, il divario di sviluppo si sta allargando, l’ambiente ecologico si sta deteriorando e la mentalità della guerra fredda persiste. Il processo di modernizzazione dell’umanità è giunto ancora una volta a un crocevia della storia.

Polarizzazione o prosperità comune? Pura ricerca materialistica o avanzamento coordinato materiale ed etico-culturale? Prosciugare lo stagno per catturare i pesci o creare armonia tra uomo e natura? Gioco a somma zero o cooperazione win-win? Copiare il modello di sviluppo di altri Paesi o raggiungere uno sviluppo indipendente alla luce delle condizioni nazionali? Di che tipo di modernizzazione abbiamo bisogno e come possiamo realizzarla? Di fronte a queste domande, i partiti politici, in quanto forza importante che guida il processo di modernizzazione, hanno il dovere di fornire risposte. Qui, desidero condividere alcune delle mie osservazioni.

Dobbiamo mettere il popolo al primo posto e garantire che la modernizzazione sia incentrata sulle persone. I popoli sono i creatori della storia e sono il fondamento e la forza più solidi per far avanzare la modernizzazione. L’obiettivo finale della modernizzazione è lo sviluppo libero e completo delle persone. Perché un percorso di modernizzazione funzioni e funzioni bene, deve mettere il popolo al primo posto. La modernizzazione non riguarda solo gli indicatori e le statistiche sulla carta, ma piuttosto la garanzia di una vita felice e stabile per le persone. Concentrandosi sulle aspirazioni del popolo per una vita migliore e un ulteriore progresso della civiltà, i partiti politici dovrebbero sforzarsi di raggiungere l’abbondanza materiale, l’integrità politica, l’arricchimento etico-culturale, la stabilità sociale e ambienti di vita piacevoli in modo che la modernizzazione affronti meglio le preoccupazioni e soddisfi le diverse esigenze del popolo. In questo modo, la modernizzazione promuoverà lo sviluppo sostenibile dell’umanità non solo aumentando il benessere di questa generazione, ma anche proteggendo i diritti e gli interessi delle generazioni future.

Dobbiamo sostenere il principio di indipendenza ed esplorare percorsi diversificati verso la modernizzazione. La modernizzazione non è “un brevetto esclusivo” di una piccola manciata di Paesi, né è una domanda a risposta singola. Non può essere realizzato con un approccio a stampino o con un semplice “copia e incolla”. Affinché qualsiasi Paese raggiunga la modernizzazione, esso non solo deve seguire le leggi generali che governano il processo, ma soprattutto considerare le proprie condizioni nazionali e le proprie caratteristiche uniche. È il popolo di un Paese che si trova nella posizione migliore per dire quale tipo di modernizzazione si adatta meglio a loro. I Paesi in via di sviluppo hanno il diritto e la capacità di esplorare autonomamente il percorso di modernizzazione con le loro caratteristiche distintive basate sulle loro realtà nazionali. Dobbiamo sviluppare il nostro Paese e la nostra nazione con le nostre forze e dobbiamo mantenere una salda presa sul futuro dello sviluppo e del progresso del nostro Paese. Dobbiamo rispettare e sostenere i percorsi di sviluppo autonomamente scelti dai diversi popoli per inaugurare insieme una nuova prospettiva di modernizzazione dell’umanità che sia come un giardino dove sbocciano cento fiori.

Dobbiamo difendere i principi fondamentali e aprire nuovi orizzonti e garantire la continuità del processo di modernizzazione. Di fronte a vari nuovi problemi, condizioni e sfide nel processo di modernizzazione, i partiti politici dovrebbero assumersene con coraggio la responsabilità ed eccellere nel loro lavoro. Dovremmo rompere le catene del pensiero stantio, rimuovere le barriere istituzionali, esplorare nuovi metodi e nuovi approcci e aprire nuovi orizzonti nelle teorie e nelle pratiche per instillare un incessante dinamismo nel processo di modernizzazione. Dovremmo lavorare insieme per riformare e sviluppare il sistema di governance globale e rendere l’ordine internazionale più giusto ed equo mentre portiamo avanti la modernizzazione dell’umanità in un ambiente di pari diritti, pari opportunità e regole eque per tutti.

Dobbiamo aiutare gli altri ad avere successo mentre cerchiamo il nostro successo e garantire che tutti possano godere dei risultati della modernizzazione. L’umanità vive in una comunità con un futuro condiviso in cui ci alziamo e cadiamo insieme. Affinché un qualsiasi Paese possa raggiungere la modernizzazione, esso dovrebbe perseguire uno sviluppo comune attraverso la solidarietà e la cooperazione e seguire i principi del contributo congiunto, dei benefici condivisi e del risultato vantaggioso per tutti. I più avanzati dovrebbero sostenere sinceramente gli altri Paesi nel loro sviluppo. Non saranno visti in una luce più favorevole dopo aver spento la lampada degli altri; né avanzeranno oltre bloccando i percorsi altrui. Dovremmo condividere opportunità, creare un futuro insieme e sviluppare ulteriormente la modernizzazione dell’umanità per garantire che più persone godano dei risultati della modernizzazione in modo più equo. Siamo fermamente contrari alla pratica di preservare il proprio privilegio di sviluppo sopprimendo e limitando gli sforzi di altri Paesi per raggiungere la modernizzazione.

Dobbiamo andare avanti con l’imprenditorialità e garantire una ferma leadership sulla modernizzazione. La modernizzazione non cade dal cielo nelle nostre mani. È il risultato di un duro lavoro con una forte iniziativa storica. I partiti politici sono la forza trainante della modernizzazione. I loro valori, la capacità di dirigere e governare, l’etica, la forza di volontà e il carattere hanno un’incidenza diretta sull’orientamento e sul futuro del processo di modernizzazione. Come disse un antico filosofo cinese, “colui che vince se stesso è forte“. I partiti politici dovrebbero integrare la costruzione del partito con la modernizzazione nazionale, andare avanti con intraprendenza e determinazione ed eccellere. In questo modo, avranno la fiducia, la determinazione e la capacità di rispondere alle sfide e alle domande poste dai tempi, soddisfare le aspettative del popolo e dirigere la rotta e schierare la propria forza per la causa della modernizzazione.

Signore e signori,

Amici,

Raggiungere la modernizzazione è un sogno che il popolo cinese ha cercato di realizzare fin dai tempi moderni. Il viaggio di oltre 100 anni che il Partito ha percorso per unire e guidare il popolo cinese nel perseguire il ringiovanimento nazionale è anche un’esplorazione di un percorso verso la modernizzazione. Grazie agli incessanti sforzi di generazione in generazione, abbiamo trovato la nostra strada verso la modernizzazione.

Il 20° Congresso Nazionale del PCC ha proposto di promuovere il ringiovanimento della nazione cinese su tutti i fronti attraverso un percorso cinese verso la modernizzazione. La modernizzazione cinese è quella di un’enorme popolazione, di prosperità comune per tutti, di progresso materiale e culturale-etico, di armonia tra umanità e natura e di sviluppo pacifico. È radicata nelle nostre condizioni nazionali e attinge anche all’esperienza di altri Paesi. Porta l’impronta della storia e della cultura tradizionale e contiene anche elementi moderni. Offre benefici al popolo cinese e promuove anche lo sviluppo comune del mondo. È un percorso sicuro per noi per costruire una nazione più forte e realizzare il ringiovanimento della nazione cinese. È anche un percorso che dobbiamo intraprendere per cercare il progresso per l’umanità e l’armonia per il mondo intero. Rimarremo impegnati nella giusta direzione, nelle giuste teorie e nel giusto percorso. Non devieremo dalla rotta cambiando la nostra natura o abbandonando il nostro sistema. Poiché il nostro futuro è strettamente connesso a quello di altri Paesi e popoli, ci impegneremo a fornire nuove opportunità per lo sviluppo mondiale, aggiungeremo nuovo slancio all’esplorazione da parte dell’umanità dei percorsi verso la modernizzazione e forniremo nuovi contributi alla teoria e alla pratica della modernizzazione dell’umanità mentre faremo nuovi progressi nella modernizzazione cinese.

Il PCC continuerà a perseguire uno sviluppo di alta qualità e a promuovere la crescita e la prosperità globali. Accelereremo la costruzione di un nuovo paradigma di sviluppo che promuova un’apertura di alto livello e una costante espansione dell’accesso al mercato. La porta della Cina si aprirà sempre di più. Man mano che modernizzeremo ulteriormente il nostro sistema industriale, forniremo al mondo un numero maggiore e migliore di prodotti realizzati e creati in Cina e un mercato cinese di dimensioni più ampie e con una domanda più forte. Continueremo a sostenere e aiutare i Paesi in via di sviluppo nella loro ricerca di sviluppo, industrializzazione e modernizzazione più rapidi e offriremo soluzioni e forza cinesi per ridurre il divario nord-sud e raggiungere uno sviluppo comune. Il PCC è pronto a collaborare con i partiti politici di tutti gli altri Paesi per promuovere una cooperazione Belt and Road di alta qualità, accelerare la solida attuazione dell’Iniziativa di sviluppo globale, promuovere nuovi motori per lo sviluppo globale e costruire una comunità globale di sviluppo.

Il PCC continuerà a salvaguardare l’equità e la giustizia internazionali e a promuovere la pace e la stabilità nel mondo. Nel promuovere la modernizzazione, la Cina non percorrerà né il vecchio sentiero della colonizzazione e del saccheggio, né il percorso tortuoso intrapreso da alcuni Paesi per cercare l’egemonia una volta che diventano forti. Ciò che la Cina persegue è il giusto corso dello sviluppo pacifico. Cerchiamo di appianare le differenze attraverso il dialogo e risolvere le controversie attraverso la cooperazione. Ci opponiamo fermamente all’egemonia e alla politica di potenza in tutte le loro forme. Sosteniamo la solidarietà e una mentalità vantaggiosa per tutti nella gestione di sfide alla sicurezza complesse e intrecciate per creare un’architettura di sicurezza equa e giusta che sia costruita e condivisa da tutti. Il mondo non ha bisogno di una nuova guerra fredda. La pratica di alimentare la divisione e lo scontro in nome della democrazia è di per sé una violazione dello spirito della democrazia. Essa non riceverà alcun supporto. Ciò che porta è solo un danno infinito. Una Cina modernizzata rafforzerà la forza per la pace nel mondo e la giustizia internazionale. Indipendentemente dal livello di sviluppo raggiunto dalla Cina, essa non cercherà mai l’egemonia o l’espansione.

Il PCC continuerà a promuovere gli scambi tra le civiltà e l’apprendimento reciproco e farà avanzare il progresso delle civiltà umane. In tutto il mondo, Paesi e regioni hanno scelto percorsi diversi verso la modernizzazione, che sono radicati nelle loro civiltà uniche e durature. Tutte le civiltà create dalla società umana sono splendide. È da esse che la spinta alla modernizzazione di ogni Paese trae la sua forza e le sue caratteristiche uniche. Esse, trascendendo il tempo e lo spazio, hanno dato insieme un importante contributo al processo di modernizzazione dell’umanità. La modernizzazione cinese, come nuova forma di progresso umano, attingerà ai meriti di altre civiltà e renderà più vibrante il giardino delle civiltà mondiali.

Signore e signori,

Amici,

Un solo fiore non fa primavera, mentre cento fiori in piena fioritura portano la primavera nel giardino. Poiché il futuro di tutti i Paesi è strettamente connesso, la tolleranza, la convivenza, gli scambi e l’apprendimento reciproco tra diverse civiltà svolgono un ruolo insostituibile nel far avanzare il processo di modernizzazione dell’umanità e nel far fiorire il giardino delle civiltà mondiali. In questa occasione, desidero proporre la Global Civilization Initiative.

Sosteniamo il rispetto per la diversità delle civiltà. I Paesi devono sostenere i principi di uguaglianza, apprendimento reciproco, dialogo e inclusione tra le civiltà e lasciare che gli scambi culturali trascendano l’estraniazione, l’apprendimento reciproco trascenda gli scontri e la convivenza trascenda i sentimenti di superiorità.

Sosteniamo i valori comuni dell’umanità. Pace, sviluppo, equità, giustizia, democrazia e libertà sono le aspirazioni comuni di tutti i popoli. I Paesi devono mantenere una mente aperta nell’apprezzare le percezioni dei valori da parte di diverse civiltà e astenersi dall’imporre i propri valori o modelli agli altri e dall’alimentare il confronto ideologico.

Sosteniamo l’importanza dell’eredità e dell’innovazione delle civiltà. I Paesi devono sfruttare appieno la rilevanza delle loro storie e culture per i tempi attuali e spingere per la trasformazione creativa e lo sviluppo innovativo delle loro belle culture tradizionali.

Sosteniamo solidi scambi e cooperazione tra i popoli a livello internazionale. I Paesi devono esplorare la costruzione di una rete globale per il dialogo e la cooperazione tra le civiltà, arricchire i contenuti degli scambi ed espandere le vie di cooperazione per promuovere la comprensione reciproca e l’amicizia tra i popoli di tutti i Paesi e promuovere insieme il progresso delle civiltà umane.

Siamo pronti a collaborare con la comunità internazionale per aprire una nuova prospettiva di migliori scambi e comprensione tra popoli diversi e migliori interazioni e integrazione di culture diversificate. Insieme possiamo rendere colorato e vibrante il giardino delle civiltà del mondo.

Il PCC si impegna a rafforzare gli scambi e la cooperazione con altri partiti politici per perseguire insieme la giusta causa. Siamo pronti ad approfondire le interazioni con i partiti politici e le organizzazioni di altri Paesi per espandere la convergenza di idee e interessi. Sfruttiamo la forza di un nuovo tipo di relazioni tra partiti per la costruzione di un nuovo tipo di relazioni internazionali ed espandiamo i partenariati globali promuovendo legami più forti con i partiti politici mondiali. Il PCC è pronto a condividere la propria esperienza di governance con partiti politici e organizzazioni di altri Paesi in modo che insieme possiamo fare grandi passi avanti sulla via della modernizzazione verso l’obiettivo di costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità.

Signore e signori,

Amici,

Ci saranno sicuramente battute d’arresto nel cammino dell’umanità verso la modernizzazione, ma il futuro è luminoso. Il PCC è disposto a lavorare con tutti voi per garantire che le diverse spinte alla modernizzazione formino una forza potente che guidi la prosperità e il progresso del mondo e avanzi senza sosta nel lungo fiume della storia!

Grazie.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti