Washington, attentato all'ambasciata cubana, il complice il silenzio degli USA

Washington, attentato all'ambasciata cubana, il complice il silenzio degli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Alexis Bandrich Vega, Ambasciatore di Cuba in Iran
 
Il terrorismo resta una seria sfida per la comunità internazionale. Non potrà mai essere eliminato finché ci saranno doppi standard, opportunismo politico, manipolazione e selettività nell'affrontarlo.


 
Il mitragliamento dell'ambasciata cubana a Washington con un fucile d'assalto AKM (30 colpi), con l'intento di uccidere, è uno dei risultati diretti della politica aggressiva del governo degli Stati Uniti contro Cuba, della tolleranza e dell'istigazione alla violenza dei politici e dei gruppi estremisti anti-cubani insediati in quel paese. Cuba non dimenticherà mai la lunga lista di azioni terroristiche contro il nostro personale diplomatico.
 
Il governo degli Stati Uniti deve riconoscere e denunciare pubblicamente la natura terroristica di questo attacco, che ha lasciato più di 30 solchi da arma da fuoco sulla facciata e all'interno del quartier generale cubano, e condividere tutte le informazioni a riguardo con Cuba. Fare diversamente equivale a un silenzio complice e sospetto nel tollerare il terrorismo.
 
L'atteggiamento del governo degli Stati Uniti in questo caso è in diretta contraddizione con la sua retorica antiterrorista.
 
Sebbene includa Cuba in una falsa lista di paesi che non cooperano pienamente con gli sforzi antiterrorismo degli Stati Uniti, non riconoscono il carattere terroristico dell'attacco del 30 aprile all'ambasciata cubana a Washington.
 
Nascondono la loro lunga storia di terrorismo di Stato contro Cuba e l'impunità dei gruppi violenti nel loro territorio.
 
Invece, ci sono prove concrete della collaborazione bilaterale di Cuba con gli Stati Uniti nella lotta al terrorismo e negli sforzi congiunti di applicazione della legge e di contrasto.
 
Cuba ha sempre espresso il più profondo rifiuto e condanna di tutti gli atti, metodi e pratiche terroristiche, in tutte le loro forme e manifestazioni, da parte di chiunque li commetta, contro chiunque, ovunque siano compiuti; con qualunque motivazione, compresi quei casi in cui gli Stati siano direttamente o indirettamente coinvolti.
 
Cuba esige una risposta dignitosa dal governo degli Stati Uniti e che vengano prese misure per evitare che attacchi come questi si ripetano.
 
 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti