Xi e Biden: prima stretta di mano da presidenti. Pechino: "speriamo che l'incontro rimetta in carreggiata le relazioni"

Xi e Biden: prima stretta di mano da presidenti. Pechino: "speriamo che l'incontro rimetta in carreggiata le relazioni"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Joe Biden e Xi Jinping hanno avuto il loro primo incontro di persona come capi di stato a Bali, in Indonesia, alla vigilia del vertice del G20 ospitato dal presidente indonesiano Joko Widodo. Il primo faccia a faccia avviene in un momento in cui le relazioni bilaterali tra le due superpotenze ha raggiunto il livello più critico degli ultimi decenni. Pechino ritiene che la posizione dell'amministrazione Biden nei confronti di Taiwan potrebbe minare la sovranità e l'integrità territoriale della Cina, pur non escludendo che Washington cerchi di soffocare la crescente influenza di Pechino, che potrebbe aiutare la Cina ad oscurare la Cina come la più grande economia del mondo. 

"Mi impegno a mantenere aperte le linee di comunicazione tra me e te personalmente", ha detto Biden in un commento di apertura televisivo. "Condividiamo la responsabilità di dimostrare che la Cina e gli Stati Uniti possono gestire le loro differenze, impedire che le divergenze diventino un conflitto e trovare modi per lavorare insieme su questioni globali urgenti".

Xi ha detto che i due presidenti devono “tracciare la giusta rotta per la relazione”. "Niente può sostituire gli incontri faccia a faccia", ha aggiunto. I loro principali argomenti di discussione dovrebbero essere le ambizioni nucleari di Taiwan, Ucraina e Corea del Nord, questioni che incomberanno anche sul G20 che si terrà senza la presenza del presidente russo Vladimir Putin.

Parlando prima dell'incontro, un alto funzionario statunitense ha detto ai giornalisti che l'amministrazione Biden sperava che l'incontro avrebbe aiutato le due parti a "sviluppare guardrail [e] chiari della strada".

"La concorrenza [dovrebbe] non virare in conflitto", ha aggiunto il funzionario. "Il presidente Biden non lo vuole e sappiamo che i nostri alleati e partner nella regione non lo vogliono".

L'incontro arriva meno di tre mesi dopo che la visita della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan ha fatto infuriare la Cina, che ha risposto lanciando vaste esercitazioni militari intorno all'isola autogovernata che rivendica come parte del suo territorio sovrano.

Pechino ha anche sospeso una serie di comunicazioni di routine con Washington su questioni come il cambiamento climatico e la cooperazione giudiziaria.

La crisi di Taiwan ha evidenziato le crescenti possibilità che un incidente militare accidentale possa innescare un conflitto più ampio tra le due maggiori economie e potenze geopolitiche del mondo.

"Dopo l'inizio della guerra in Ucraina, gli Stati Uniti hanno iniziato a pensare di dover aumentare rapidamente gli sforzi per impedire alla Cina di conquistare Taiwan", ha affermato Wu Xinbo, specialista americano presso la Fudan University di Shanghai al Financial Times. “La difesa di Taiwan è diventata una parola d'ordine nella politica interna degli Stati Uniti. È molto pericoloso", ha proseguito Wu. “Non stai impedendo una guerra, stai provocando una guerra”.

La Casa Bianca ha riferito che ci sono poche possibilità che l'incontro di lunedì, che potrebbe durare ore, produca risultati concreti, così come non ci si aspetta che i leader rilascino una dichiarazione congiunta dopo il suo completamento. Tuttavia, Biden e Xi potrebbero appianare i crescenti disaccordi, che vanno dalle questioni di Hong Kong e Taiwan al conteso Mar Cinese Meridionale, nonché sulle pratiche commerciali e le restrizioni di Washington sulla tecnologia cinese.

Poco prima dell'incontro, il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Mao Ning, parlando delle aspettative dell'incontro, ha affermato che Pechino si augura che l'incontro “rimetta in carreggiata” le relazioni tra i loro Paesi. "Ci auguriamo che gli Stati Uniti collaborino con la Cina, gestiscano adeguatamente le differenze, promuovano una cooperazione vantaggiosa per tutti ed evitino incomprensioni e valutazioni errate per riportare le relazioni USA-Cina sulla buona strada verso uno sviluppo sano e stabile", ha affermato Mao.

Secondo la portavoce, Pechino sta cercando di mantenere "rispetto reciproco, convivenza pacifica e cooperazione vantaggiosa per tutti" con Washington.

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo di Michelangelo Severgnini 8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente