186 medici chiedono di nuovo la fine della "tortura" e della "negligenza medica" per Julian Assange

186 medici chiedono di nuovo la fine della "tortura" e della "negligenza medica" per Julian Assange

La rivista medica Lancet ha ora pubblicato ufficialmente, nel suo numero di marzo 2020, una lettera firmata da 186 medici di diverse nazione che si occupano delle condizioni carcerarie di Julian Assange. Questo significa che la lettera può ora essere citata correttamente da altre pubblicazioni poiché la consapevolezza del trattamento del fondatore di WikiLeaks continui a crescere

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Le richieste di porre fine alla "tortura" e alla "negligenza medica" di Julian Assange sono ora supportate da 186 medici di tutto il mondo, dall'11 marzo 2020. Ai 117 medici firmatari di febbraio 2020 si sono aggiunti ai 60 di novembre 2019 La richiesta fa parte di una lettera pubblicata sulla rivista medica britannica Lancet.


 
"Tenere Julian Assange in una prigione di massima sicurezza, senza accuse o condanne nel Regno Unito, in modo che gli Stati Uniti possano ridefinire il giornalismo come spionaggio, è servito come mezzo per torturarlo psicologicamente, usando l'isolamento e la negazione di una serie di diritti umani ", ha spiegato la dottoressa Lissa Johnson, uno delle principali dottoresse che hanno sottoscritto la lettera.
 
"La sua recente udienza di estradizione, condotta anche in un contesto di alta sicurezza, ha riflesso una continuazione di quella tortura, infliggendo inutilmente un isolamento continuo dietro vetri a prova di proiettile, impotenza, sorveglianza, arbitrarietà e degrado, negandogli persino la dignità e il libero arbitrio della seduta anche quando doveva comunicare con i suoi avvocati", ha aggiunto.
 
Durante la prima serie di audizioni sull'estradizione , tenute presso il tribunale di Belmarsh, il giudice Vanessa Baraitser è stato informato dal team legale di Assange che le autorità carcerarie stavano maltrattando il loro cliente. 
 
La corte ha sentito che in un solo giorno il premiato giornalista ed editore è stato ammanettato 11 volte, collocato in 5 celle diverse, trascinato per due volte e gli sono stati confiscati i suoi documenti legali privilegiati. Ma il giudice Baraitser ha rifiutato di intervenire comunque con i funzionari della prigione. Si è anche rifiutata di consentire ad Assange di lasciare il gabbiotto degli imputati per sedersi con i suoi avvocati, pur riconoscendo di avere l'autorità legale per farlo.
 Assange si è lamentato di non essere stato in grado di seguire correttamente i procedimenti e di dirigere i suoi avvocati. Mostra i sintomi di essere psicologicamente torturato, secondo tre esperti di tortura.
 
Johnson ha affermato che 'Doctors For Assange' è gravemente preoccupato per la vita e la salute dell'editore, "in particolare alla luce del suo trattamento brutale durante l'udienza di estradizione. Da un punto di vista medico, ogni giorno che Julian Assange è tenuto nella prigione di Belmarsh". Lo psicologo clinico ha avvertito che ogni giorno il processo di estradizione continua è "un altro giorno in cui giocare alla roulette russa con la sua vita".
 
La lettera, redatta dal gruppo Doctors for Assange e che chiede la fine della sua tortura, è stata ufficialmente pubblicata nell'edizione di marzo 2020 di Lancet (dopo essere apparsa una volta sul suo sito Web a febbraio). Ciò significa che ora è ufficialmente parte della pubblicazione della rivista e può essere citata professionalmente da altri scrittori e pubblicazioni.
 
 
 
 
Doctors for Assange continua  a richiedere ai medici di tutto il mondo di rivedere il materiale sul loro sito Web e di aggiungere il loro nome, campo di competenza e posizione all'elenco crescente di firmatari. Tra i principali sponsor della lettera ci sono la dott.ssa Lissa Johnson, la candidata presidenziale statunitense Gill Stein e il dott. Stephen Frost.
 
Il fondatore di WikiLeaks rischia fino a 175 anni di prigione negli Stati Uniti nel caso in cui venisse estradato e messo sotto processo lì. Tutte le accuse si riferiscono al suo ruolo nella pubblicazione di documenti statunitensi classificati e dei cable diplomatici che hanno rivelato crimini di guerra e altra criminalità perpetrata dalle forze a guida statunitense in Iraq , Afghanistan e Guantanamo Bay . Le sue sostanziali audizioni di estradizione riprenderanno il 18 maggio, con due audizioni amministrative che dovrebbero tenersi il prossimo  25 marzo e il 7 aprile 2020.
 
 

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti