/ 5 dicembre 1941. Il giorno in cui l'URSS cambiò il corso della se...

5 dicembre 1941. Il giorno in cui l'URSS cambiò il corso della seconda guerra mondiale

 

La svolta nella guerra più sanguinosa della storia avvenne tra il 5 e il 6 dicembre 1941 alla periferia di Mosca


Fonte articolo

Il gruppo dell'esercito centrale tedesco si stava muovendo a tutta velocità verso la capitale sovietica mentre i reggimenti corazzati circondavano la città da nord e sud. La battaglia di Mosca fu decisiva nella seconda guerra mondiale, poiché la sua caduta avrebbe portato all'imminente sconfitta dell'URSS. Almeno questo era il piano dei leader tedeschi
 
Tuttavia, l'esercito nazista incontrò una forte resistenza da parte dei soldati sovietici, che dopo tre giorni di combattimenti costrinsero gli invasori a fermare l'offensiva e arretrare. Un mese dopo, l'Armata Rossa riuscì a spostare i tedeschi a una distanza di oltre 200 chilometri da Mosca proprio quando ai nazisti ne mancavano 30 anni per raggiungere la capitale russa.

 
Fu allora che l'Armata Rossa dimostrò che l'invincibile macchina da guerra tedesca poteva essere fermata e sconfitta. Era la prima volta che la Wehrmacht si ritirava lasciando i suoi carri armati in fiamme e i suoi soldati caduti.
 
Con l'equilibrio delle forze contro
 
In questa lotta i numeri non erano a favore dell'Armata Rossa: 1,1 milioni di soldati contro 1,8 milioni di tedeschi. Quindi il mito secondo cui l'Unione Sovietica è riuscita a contrastare la Germania nazista combattendo con più risorse umane è stato sfatato. Solo nel dicembre 1941, le truppe tedesche persero più di 100.000 soldati e ufficiali, disse il generale Gunther Blumentritt, e le 40.000 truppe inviate come rinforzi non poterono rimpiazzare le perdite. 
 
"I giorni della guerra lampo sono diventati parte del passato. Abbiamo affrontato un esercito le cui qualità di combattimento superano di gran lunga tutti gli altri eserciti con cui abbiamo combattuto prima", aggiunse il generale.

 
Un altro mito popolare sui fattori che hanno contribuito alla controffensiva dei soldati sovietici era il presunto freddo estremo di -40 gradi. Tuttavia, queste temperature furono registrate nel 1940: nel 1941 l'inverno era considerevolmente meno freddo con -20 gradi.
  
Per quanto riguarda l'artiglieria, i numeri non erano neppure a favore dell'URSS. Alla periferia di Mosca, l'Armata Rossa aveva solo 7.600 cannoni  piazzati contro 13.500 dei tedeschi.
Pertanto, i tribunali militari tedeschi condannarono 62.000 soldati e ufficiali per defezione e altri crimini connessi. 
 
Le armi della vittoria nella battaglia per Mosca
 
Il ruolo del leggendario carro armato T-34 era essenziale, poiché a quel tempo i tedeschi non avevano un veicolo blindata in grado di contrastarlo. Anche le armi anticarro hanno avuto molti problemi a penetrare nell'innovativa armatura T-34.
 
Anche i sistemi missilistici BM-8 e BM-13 , meglio noti come Katiusha, furono ampiamente utilizzati. In quei giorni furono usate in totale 415 unità di queste macchine. Dall'alto, è stato fornito anche supporto a bordo dell'aereo da immersione Pe-2, i cui piloti avevano affinato le loro abilità in questa battaglia.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa