5 formidabili droni in forza all'Iran

5 formidabili droni in forza all'Iran

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Con l'industria della difesa sorta dalle ceneri della sanguinosa guerra Iran-Iraq degli anni Ottanta, la Repubblica Islamica dell’Iran si è lentamente affermata come una delle principali potenze missilistiche e di droni del mondo. Gli scienziati della difesa hanno creato più di cinquanta diversi progetti di droni, dagli UAV tattici a corto raggio, ai droni a razzo e a elica per la ricognizione, l'attacco e la guerra elettronica a lungo raggio.

Memore dell'esperienza degli embarghi sulle armi e delle sanzioni sul suo settore della difesa, l'Iran è orgoglioso dello sviluppo e della produzione di armamenti con un altissimo tasso di indigenizzazione dei componenti e, per quanto riguarda i droni, ha creato sia progetti di produzione propria sia progetti di reverse-engineering da UAV statunitensi e israeliani che hanno commesso l'errore di volare nello spazio aereo della Repubblica Islamica.

Di seguito 5 droni prodotti dall’Iran, presentati da Sputnik:

Shahed 136

Lo Shahed 136 (in italiano "Testimone 136") è un drone ad ala delta unico, semplice e a basso costo creato dalla Iran Aircraft Manufacturing Industrial Company (acronimo persiano HESA) e dalla Shahed Aviation Industries - creatori di un'intera linea di UAV ed elicotteri militari.

I droni, del peso di 200 kg l'uno, sono lunghi 3,5 metri e hanno un'apertura alare di 2,5 metri; il motore a pistoni degli UAV alimenta un'elica bipala a spinta.

Gli Shahed 136 possono accelerare fino a 185 km all'ora e hanno un'autonomia stimata fino a 2.500 km. Gli UAV a navigazione satellitare e guida inerziale sono designati come munizioni loitering/drone kamikaze, con un carico utile di 50 kg sufficiente a colpire infrastrutture, fortificazioni, navi da guerra, caserme militari, porti, aerodromi, concentrazioni di soldati nemici e altri obiettivi strategici e sul campo di battaglia.

Lo Shahad 136 è stato presentato nel 2021 e negli ultimi tre anni è stato impiegato in massa nelle forze armate iraniane. 

Mohajer 10

Tra i più recenti progetti di droni nell'arsenale iraniano c'è il Mohajer 10 (lett. "Immigrante 10" o "Santo Migrante 10"), un UAV multiuso presentato nel 2023 e progettato per la sorveglianza, gli attacchi a lungo raggio, la guerra elettronica e la superiorità a tutto spettro.

Progettato dalla Qods Aviation Industries Company - il più vecchio produttore iraniano di droni - il Mohajer 10 è un UAV a media altitudine e lunga resistenza che, con i suoi 6,5x4,2x18,2 metri e un raggio d'azione fino a 2.000 km, è uno dei più grandi veicoli aerei senza pilota dell'arsenale nazionale.

L'UAV ha una durata di 24 ore, un'altitudine massima di volo di 7 km e una velocità massima di 210 km all'ora. Il Mohajer 10 ha un carico utile fino a 300 kg, sufficiente per trasportare missili o bombe multiple sganciate dall'aria e/o apparecchiature di sorveglianza e guerra elettronica.

La serie di droni Mohajer è apparsa per la prima volta a metà degli anni '80 e inizialmente aveva scopi di ricognizione. Il Mohajer 10 è stato progettato per soddisfare le esigenze delle forze di terra dell'esercito iraniano e quelle delle forze di terra e della marina delle Guardie rivoluzionarie islamiche.

Arash 2

Realizzato dalla Defense Industries Organization, l'Arash 2 (in italiano "Eroe 2" o "Verità 2") è un drone d'attacco a elica con un raggio d'azione di 2.000 km, una velocità massima di 185 km all'ora e un tetto di volo di 12.000 piedi.

Entrato in servizio con le forze armate nel 2020, questo UAV d'attacco da 2.000 kg, lungo 4,5 metri e con un'apertura alare di 4 metri, può essere equipaggiato con fino a 260 kg di esplosivo ed è progettato per colpire obiettivi strategici. È stata messa in campo anche una variante a razzo dell'Arash 2, nota come Kian-2 (lett. "King 2" o "Realm 2"), che vola a una velocità di circa 400 km/ora.

Oltre al suo pacchetto di esplosivi, l'Arash 2 avrebbe capacità di sopprimere le difese aeree nemiche.

Karrar

L'HESA Karrar (lett. "Attaccante violento") costituisce una famiglia di UAV versatili a reazione, introdotti per la prima volta nel 2010 e che si ritiene abbiano preso spunto dal Beechcraft MQM-107 Streaker.

Creato principalmente come drone bersaglio dall'esercito e dall'IRGC per esercitarsi con bersagli antiaerei e antimissile durante le esercitazioni, il Karrar è diventato un UAV universale grazie all'ingegno degli scienziati della difesa iraniani, che ne hanno convertito varianti per trasportare bombe da 225 kg, missili antinave e siluri, bombe a guida satellitare e persino missili aria-aria.

Il Karrar può accelerare fino a 900 km all'ora durante il volo e ha un'autonomia dichiarata di 1.000 km in una missione di sola andata. I droni pesano 700 kg, sono lunghi 4 metri e hanno un'apertura alare di 2,5 metri. A differenza degli MQM-107, che hanno un motore montato in basso, i Karrar sono dotati di un motore a turbogetto montato in alto.

Secondo quanto riferito, i karrar sono finiti nelle mani degli Hezbollah libanesi e sono stati utilizzati dagli alleati del governo di Assad contro i terroristi nel corso della guerra sporca condotta dalla CIA contro la Siria negli anni 2010.

Kaman 22

Completa l'elenco il Kaman 22 (lett. "Arco dell'esercito 22"), un veicolo aereo da combattimento senza pilota a lunghissimo raggio sviluppato e prodotto dall'Aeronautica militare della Repubblica islamica dell'Iran. Presentato nel 2021, il drone si distingue per essere il primo drone da combattimento a fusoliera larga dell'Iran, con un raggio d'azione fino a 3.000 km, un tempo di resistenza di 24 ore, un tetto di servizio di 8.000 metri e un carico utile di 300 kg.

Questo grande UAV, paragonato da alcuni osservatori della difesa all'MQ-1 Predator (ma con una coda a forma di V montata verso l'alto, anziché verso il basso, e con spunti di design di altri droni indigeni di produzione iraniana, come lo Shahed 129, il Fotros e l'Hamaseh), è lungo ben 6,5 metri, alto 2,5 metri e ha un'apertura alare di 17 metri. Il drone ha un peso lordo di 1.700 kg.

Oltre alle missioni di combattimento, l'UAV è progettato per la ricognizione e la guerra elettronica, compresa l'individuazione e la fotografia di obiettivi distanti e l'uso di munizioni intelligenti, o per missioni antiaeree e di attacco al suolo con munizioni a guida laser.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti