9 maggio, " Non devi essere un comunista o un russo per ammettere i fatti storici"

9 maggio, " Non devi essere un comunista o un russo per ammettere i fatti storici"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Bradley Blankenship*

Con il Giorno della Vittoria, il revisionismo storico della seconda guerra mondiale si rimette in moto. La ragione per cui questo sta diventando di nuovo una questione così scottante è che il dibattito sul passato ha serie implicazioni per la geopolitica odierna.

Apparentemente è diventata una tradizione annuale per alcuni cattivi attori cercare di costringerci a discutere inutilmente semplici verità storiche sulla seconda guerra mondiale. Mentre le tensioni aumentano contro la Russia dai paesi occidentali, la storia viene opportunamente rivista o distorta per denigrare l'indiscutibile eroismo dell'Unione Sovietica durante la guerra. 

Alcune distorsioni sono effettivamente diventate così comuni da essere diventate "conoscenza comune" in Occidente, in particolare negli Stati Uniti, che sono principalmente che gli Stati Uniti, non l'Unione Sovietica, hanno vinto la guerra e che l'Unione Sovietica era collusa con la Germania nazista. 

I sovietici non hanno iniziato la guerra, hanno cercato di prevenirla

Inoltre, come oggetto di un recente libro del dottor Sean McMeekin, membro del Consiglio accademico della Fondazione commemorativa delle vittime del comunismo degli Stati Uniti , questi revisionisti ritengono che sia stata l'Unione Sovietica e non la Germania a dare inizio alla guerra. (Il libro di McMeekin è letteralmente intitolato "La guerra di Stalin" e ne ha parlato online con VoC, ironia della sorte, un giorno prima dell'anniversario della morte di Hitler ...). 

Queste distorsioni hanno lo scopo di denigrare l'Unione Sovietica, così come la Russia moderna e, credo, il movimento comunista internazionale, facendo diventare il comunismo un'ideologia genocida cattiva come il nazismo, o peggio. 

Sì, è vero che tedeschi e sovietici hanno firmato un patto di non aggressione nel 1939, ma non era un'alleanza. In effetti, i sovietici non erano l'unico paese europeo ad avere un tale accordo poiché i francesi, gli inglesi e persino i polacchi avevano trattati simili con la Germania risalenti a prima del 1939. Era pensato per guadagnare tempo per i sovietici, che erano isolati sotto l'esercito occidentale pressioni e sanzioni, per difendersi da un'inevitabile invasione.  

Infatti, secondo un rapporto del 2008 del Telegraph citando un generale dei servizi segreti stranieri russi in pensione che aveva smistato centinaia di documenti declassificati, l'Unione Sovietica tentò effettivamente di formare un'alleanza con Gran Bretagna e Francia per schiacciare la Germania nel 1939, prima dell'inizio della guerra. Ma mentre le nazioni occidentali tentennavano, Mosca strinse un patto con Berlino. I sovietici colsero quindi l'opportunità di assaltare parti della Bielorussia e dell'Ucraina che i polacchi avevano conquistato dopo la guerra polacco-sovietica seguita alla prima guerra mondiale - in quella che ora è conosciuta e calunniata in Occidente come l'invasione sovietica della Polonia. Questo è così ampiamente utilizzato per sostenere le affermazioni secondo cui l'Unione Sovietica era tanto responsabile delle tragedie della seconda guerra mondiale quanto Hitler (o più!) Che uno dei più grandi organi di propaganda del Cremlino, alias il ministero degli Esteri tedesco (questo è sarcasmo), ha dovuto denunciarlo con un comunicato stampa del Giorno della Vittoria dello scorso anno .

Diceva: "Il ripetuto tentativo negli ultimi mesi di riscrivere la storia in modo così vergognoso ci impone di parlare forte e chiaro - qualcosa che non dovrebbe essere effettivamente necessario alla luce degli inconfutabili fatti storici - e di non lasciare dubbi sul fatto che la Germania da sola abbia scatenato la seconda guerra mondiale con la sua invasione della Polonia e della Germania è responsabile dei crimini contro l'umanità dell'Olocausto. Coloro che seminano dubbi su questo e spingono altri paesi nel ruolo di autori fanno ingiustizia alle vittime, sfruttano la storia per i propri fini e dividono l'Europa ". 

L'ispirazione di Hitler 

Se stiamo disegnando parallelismi con i nazisti, eccone uno: l'avvocato americano e il professore dell'Università di Yale James Q. Whitman ha rivelato nel suo libro del 2017 " Hitler's American Model", che in effetti i nazisti erano molto ispirati dagli Stati Uniti d'America. 

Erano particolarmente ispirati dalle leggi americane su razza, cittadinanza e immigrazione e la loro propaganda spesso citava gli Stati Uniti come un esempio di supremazia bianca. I nazisti vedevano gli europei dell'Est come selvaggi e invocarono il genocidio degli Stati Uniti della sua popolazione nativa, il cosiddetto destino manifesto, nella loro conquista dell'Europa orientale. 

Ora, questo non vuol dire che i nazisti ammirassero fermamente gli Stati Uniti. Vedevano anche gli Stati Uniti come un luogo di decadenza liberale e di incessante "mescolanza di razze" che alla fine sarebbe esplosa da sola. Per loro, gli Stati Uniti di quel tempo erano una civiltà un tempo grande in un declino irreversibile grazie ai cambiamenti demografici, quella che oggi chiameremmo la cospirazione del "grande sostituto", e che suona stranamente simile ad alcuni famosi commentatori politici americani .

Allo stesso tempo, come ha notato il famoso studioso Michael Parenti nel suo famoso libro  "Camicie nere e rosse ", ci sono prove innegabili che gli industriali occidentali, anche in America, hanno sostenuto l'ascesa al potere dei fascisti per combattere l'Unione Sovietica. Come scrisse Parenti, Henry Ford e Ford Motor Company sostenevano i nazisti prima e durante la guerra e la Chase Bank di proprietà dei Rockefeller aiutò a riciclare il denaro nazista.

La diffusione dell'influenza degli Stati Uniti cambia le percezioni storiche

Innumerevoli persone e nazioni hanno subito violenze indicibili durante la guerra, ma vale la pena ripeterlo, poiché così tanti pubblici occidentali potrebbero non essere consapevoli, che circa 27.000.000 di persone nell'Unione Sovietica sono morte per mano di invasori fascisti che cercavano di sterminarli per espandere il loro Lebensraum (spazio vitale). 

Questa è una memoria culturale che pochi riescono a scandagliare e, sfortunatamente, difficilmente viene inclusa in nessuna discussione sulla storia della Seconda Guerra Mondiale in Occidente. Ma vale la pena ripeterlo. Inoltre, gli eventi odierni suggeriscono che l'espansione dell'influenza americana in Europa è stata direttamente correlata al cambiamento delle opinioni sulla guerra. 

Non c'è da meravigliarsi perché il presidente russo Vladimir Putin sta  spingendo per vietare discorsi che paragonano l'URSS alla Germania nazista o Stalin a Hitler. Molti paesi europei vietano la simbologia nazista e il discorso revisionista dell'Olocausto, e in effetti le narrazioni provenienti da alcuni attori in Occidente rientrano in entrambe queste categorie. È falso e straordinariamente pericoloso. 

Senti, non devi essere un comunista o un russo per ammettere fatti storici evidenti e confutare le palesi bugie spinte dai radicali nazisti adiacenti. Per citare il leggendario scrittore americano Ernest Hemingway, "Chiunque ami la libertà ha un tale debito nei confronti dell'Armata Rossa che non potrà mai essere ripagato".

*Giornalista, editorialista e commentatore politico statunitense residente a Praga. Freelance per agenzie di stampa internazionali, inclusa la Xinhua News Agency. Account Twitter  @BradBlank_

Potrebbe anche interessarti

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà di Francesco Santoianni Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra di Marinella Mondaini Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti