Errori e manipolazioni nei rapporti sulla repressione e le morti in Nicaragua

Errori e manipolazioni nei rapporti sulla repressione e le morti in Nicaragua

Uno studio attento e approfondito delle relazioni redatte mostra che le cose non sono sempre come sembrano

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



da LINyM
 

Quasi tutti in Nicaragua sono d'accordo sul fatto che l'evento che ha sconvolto la popolazione e scatenato la protesta il 18 aprile fu la morte di diverse persone, durante gli scontri tra unità speciali di polizia e manifestanti.

 

Alle organizzazioni nazionali e internazionali per i diritti umani è stato affidato il compito di redigere i rapporti su "repressione e violenza del governo" e il numero delle vittime di tali violenze.

 presentate dal Centro per i Diritti Umani del Nicaragua (Cenidh), dalla Commissione Interamericana per i Diritti Umani (CIDH) e dall'Associazione Nicaraguense per i Diritti Umani (Anpdh) dimostrano che le cose non sono sempre ciò che sembrano.

 

Uno studio attento e approfondito delle relazioni presentate dal Centro per i Diritti Umani del Nicaragua (Cenidh), dalla Commissione Interamericana per i Diritti Umani (CIDH) e dall'Associazione Nicaraguense per i Diritti Umani (Anpdh) dimostrano che le cose non sono sempre ciò che sembrano.

 

Tra il 18 aprile e il 25 giugno 2018, 293 persone sarebbero morte a causa della repressione governativa. Tuttavia, lo studio rivela che il 21% (60) sono state vittime dell'opposizione, il 20% (59) manifestanti, il 17% (51) morti non direttamente correlati alle proteste, il 16% (46) passanti non coinvolti nelle proteste, il 26% (77) morti dove i dati risultano incompleti, inaccurati o inesistenti, il cui contesto non può essere determinato.

 

Infine, i rapporti hanno un'inflazione media stimata del 53% rispetto al numero effettivo di vittime delle proteste (3% di nomi ripetuti, 20% di morti non direttamente collegate alle proteste, 30% di morti con dati incompleti e imprecisi o inesistente).

 

Per l'autore, la necessità di aumentare i morti e includerli nel contesto delle proteste è legata all'obiettivo specifico di stimolare le emozioni della popolazione, al fine di creare discordia e cercare la delegittimazione del governo.

 

QUI puoi consultare e scaricare lo studio completo

https://goo.gl/QSsPFa

Potrebbe anche interessarti

Crisi Governo. In politica chi bara, tradisce o sbaglia deve pagare di Francesco Erspamer  Crisi Governo. In politica chi bara, tradisce o sbaglia deve pagare

Crisi Governo. In politica chi bara, tradisce o sbaglia deve pagare

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco di Paolo Desogus Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

L'elefante nella stanza (che non state considerando) di Antonio Di Siena L'elefante nella stanza (che non state considerando)

L'elefante nella stanza (che non state considerando)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti