/ Aiuto umanitario o concerto per la guerra? La verità dietro il Ve...

Aiuto umanitario o concerto per la guerra? La verità dietro il Venezuela Live Aid

 


teleSUR
 

Organizzato dal magnate britannico Richard Branson, il mega-concerto sul confine colombiano-venezuelano coincide con l'ultimatum fissato dall'opposizione per l'ingresso in Venezuela di una spedizione di "aiuti umanitari" dagli Stati Uniti.

 

Con la presunta premessa di raccogliere fondi per la consegna di "aiuti umanitari" al Venezuela e accompagnato da una grande promozione commerciale e mediatica, venerdì 22 febbraio si terrà nella città al confine di Cúcuta, in Colombia, il concerto Live Aid Venezuela organizzato dal magnate britannico Richard Branson.

 

La realizzazione dell'evento, che vedrà la presenza di oltre 15 cantanti internazionali, coincide con l'ultimatum del deputato venezuelano di opposizione Juan Guaidó, che ha fissato per sabato 23 febbraio l'ingresso nel paese di una spedizione di "aiuti umanitari" dagli Stati Uniti (USA).

 

Le scatole di forniture inviate attraverso l'Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti (USAID secondo il suo acronimo in inglese) e il Dipartimento di Stato, rimangono immagazzinate in un magazzino nelle vicinanze del Puente Internacional de Tienditas, scenario del megaconcerto.

 

Coalizione Ayuda y Libertad Venezuela

 

L’autoproclamato “presidente incaricato” Juan Guaidó ha annunciato la creazione di una “coalizione degli aiuti umanitari” con il coordinamento tra USAID, i governi di Colombia, Brasile e Curacao, e una rete di “volontari”, per garantire l’ingresso delle donazioni in Venezuela. 

 

«Lo faremo costi quel che costi», ha minacciato il deputato di opposizione Ismael García in visita al centro di raccolta. 

 

Ugualmente si è pronunciato Lester Toledo, designato da Guaidó per la logistica e la distribuzione, che ha spiegato come gli aiuti dovrebbero entrare in Venezuela attraverso la città di Cúcuta in Colombia; Roraima in Brasile; e da Curacao con una “flottiglia di imbarcazioni” verso lo Stato venezuelano di Falcón.

 

Steve Olive, funzionario di USAID per l'America Latina, ha dichiarato che l'agenzia prevede di partecipare e supervisionare la consegna "una volta che sia sicuro". 

 

Lo stesso direttore dell'USAID, Mark Green, quando gli è stato chiesto quale sarebbe stata la risposta statunitense se fallissero i piani per la distribuzione degli “aiuti”, in linea con le recenti dichiarazioni del presidente Donald Trump ha affermato che "tutte le opzioni sono sul tavolo" per il Venezuela.

 

Concerto per la pace?

 

Sul sito ufficiale di Live Aid Venezuela, gli organizzatori dicono di aspettarsi più di 150.000 partecipanti. Tra gli obiettivi principali del mega-evento c'è la necessità di "riaprire i confini venezuelani per consegnare aiuti umanitari".

 

Amauri Chamorro, esperto di comunicazione e consulenza politica, avverte che il concerto potrebbe essere utilizzato come "facciata per nascondere un intervento straniero”.

 

“L’evento vuole utilizzare la cultura come meccanismo per umanizzare lo sviluppo di un'operazione militare contro un paese sovrano", ha avvertito attraverso dichiarazioni rilasciate all'agenzia AVN.

 

Molti degli artisti invitati, tra cui Juanes, Juan Luis Guerra, Alejandro Sanz, Miguel Bosé, Carlos Vives e Ricardo Montaner hanno partecipato nel 2008 al concerto Paz Sin Fronteras, dopo che la Fuerza Aérea de Colombia aveva intrapreso l’Operazione Phoenix con un’incursione militare nel territorio ecuadoriano e scatenato un conflitto diplomatico.

 

"Quando le forze armate colombiane hanno bombardato l'Ecuador nel 2008, hanno organizzato un falso concerto per la pace a Cúcuta. Ora, dopo 11 anni, gli stessi artisti si esibiranno nello stesso luogo in un evento che cerca di usare la cultura per "umanizzare" un'altra operazione militare colombiana contro un paese fratello”, ha ricordato Chamorro tramite il suo account Twitter.

 

Collegamenti tra Venezuela Live Aid e la Fuerza Aérea de Colombia

 

Secondo le informazioni comparse nel portale di inchiesta La Tabla, le piattaforme di donazione di venezuelaaidlive.com e ayudaylibertad.com sono una creazione della società colombiana LinkTic, che a sua volta è un appaltatore della Fuerza Aérea de Colombia.

 

"La relazione di LinkTic con l'aviazione può essere verificata con l'esistenza di dozzine di link al dominio LinkTic con contenuti della Escuela de Inteligente Aérea, così come una sezione sul sito web esina.mil.com chiamata test di collegamento LinkTic", ha rivelato l’articolo di La Tabla.

 

Roger Waters: "Non ha niente a che fare con gli aiuti umanitari"

 

Il leggendario musicista britannico fondatore dei Pink Floyd, ha respinto la realizzazione del concerto al confine colombiano-venezuelano. "Questo ha a che fare con Richard Branson e non ne sono sorpreso, visto che si è unito agli Stati Uniti" nel suo desiderio "di appropriarsi del Venezuela, per qualsiasi motivo", che "non ha nulla a che vedere con la democrazia, con la libertà e nulla a che fare con l'aiuto umanitario", ha denunciato Waters in un video diffuso attraverso i social network.

 

"Ho amici a Caracas in questo momento e non c'è nessuna guerra civile, non c'è violenza, non c'è apparente dittatura, non ci sono arresti di massa di oppositori, non c'è eliminazione della stampa, niente di tutto questo accade anche se questa è la narrativa che ci viene venduta”, ha dichiarato.

 

Inoltre, Waters ha ricordato che la Croce Rossa Internazionale e le Nazioni Unite (ONU) "sono incontestabilmente d'accordo" nel non politicizzare gli "aiuti umanitari". "Lasciate che i venezuelani esercitino il loro diritto legale all'autodeterminazione (...) Vogliamo trasformare il Venezuela in un altro Iraq, Siria o Libia, non io, né il popolo venezuelano", ha concluso.

 

Arresti per un presunto tentativo di attentato al Venezuela Live Aid

 

L’autorità migratorie della Colombia hanno informato sulla cattura e l’espulsione dal paese di cinque cittadini venezuelani asseritamente coinvolti in un piano per portare a termine un attacco durante il concerto.

 

I detenuti "avrebbero tentato di colpire la sicurezza dei cittadini e l'ordine sociale", ha affermato il direttore per le migrazioni Christian Krüger Sarmiento, senza fornire ulteriori dettagli.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa