Altro che "solidarietà europea", ormai è scontro totale Francia contro Germania. E questi sono gli schieramenti

Altro che "solidarietà europea", ormai è scontro totale Francia contro Germania. E questi sono gli schieramenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala

 

Parigi risponde al Dictat di Karlsruhe con un Ultimatum.




 

A consegnare quella che è una vera e propria richiesta di capitolazione incondizionata di Berlino è Madame Lagarde in un'intervista concessa ai quotidiani Corriere della Sera (Italia), Les Echos (Francia), Handelsblatt (Germania) ed El Mundo (Spagna).
 

Al di là delle parole di circostanza i punti dell'Ultimatum sono due:
 

1) Continuazione delle politiche monetarie non convenzionali della Bce ovvero completa disapplicazione di quanto prescritto nel Dictat di Karlsruhe scritto dalla Corte Costituzionale tedesca;
2) Riscrittura del Patto di Stabilità e Crescita prima della fine della sua sospensione. Ovviamente riscrittura in senso permissivo e dunque con politiche di finanza pubblica di ispirazione keynesiana.


Siamo allo scontro totale tra Parigi e Berlino. Quello che andrebbe capito è che la coalizione che vede a capo la Francia che si contrappone a quella guidata da Berlino non lotta per un'impuntatura teorica e di principio.


Lotta per la sopravvivenza.

La fine, o il netto ridimensionamento, delle politiche monetarie espansive da parte della Bce oltre che l'applicazione (anche se tra qualche anno) del Patto di Stabilità significano la fine di paesi come l'Italia e la Spagna e la loro trasformazione in lande desolate e protettorati politici. Per la Francia non andrebbe meglio, significa una riduzione a nuova Italia in balia dei mercati, la fine dell'indipendenza politica e la somministrazione di una continua politica austeritaria. C'è poco da fare, avere il 120% di rapporto debito/pil con saldo partite correnti pesantemente in passivo e Niip ugualmente fortemente negativo pone la Francia esattamente nelle stesse condizioni economiche dell'Italia del 2011 governata da Berlusconi.
 

Quella che si sta combattendo è una guerra con armi diplomatiche giustificata dalla realtà nella sua crudezza. Nessuna impuntatura ideologica, nessuna falsa coscienza, solo istinto di sopravvivenza. Evitare che l'Europa sia dominata dalla Germania e che i paesi latini diventino lande di poveracci che pietiscono due spiccioli e un posto di lavoro servile ai paesi vincenti. Tutta la retorica europoide, tutto il discorso sulla fratellanza di facciata è stato spazzato via dalla Natura e dalla Storia. Questo è quanto.


P.s. 

Coalizione francese: Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Belgio, Lussemburgo, Grecia, Slovenia.

Coalizione tedesca: Germania, Olanda, Finlandia, Lettonia, Lituania, Estonia, Austria, Slovacchia, Finlandia.

Non è curioso come i due schieramenti corrispondano in buona sostanza a quelli che si sono confrontati nella Prima e nella Seconda guerra mondiale?
E non è curioso che come nelle due precedenti occasioni l'Italia abbia una posizione ballerina?

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti