Amazzano un sindacalista ma la CGIL pensa alle elezioni in Iran

Amazzano un sindacalista ma la CGIL pensa alle elezioni in Iran

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

A Novara un operaio viene ucciso da un camionista che decide con il proprio mezzo di forzare un picchetto di protesta. Il governo Draghi mostra sempre il suo vero volto feroce e neoliberista piazzando due falchi pro-austerità intrisi di fanatismo neoliberale a coordinare e valutare la politica economica del governo riguardante i fondi del Recovery Plan. 

Intanto la classe operaia è sempre più bistrattata, sottopagata, vessata, privata dei propri diritti, con lavoratori sempre più flessibili e precari. Gli operai continuano a morire come mosche sui posti di lavoro, mentre i padroni con il pretesto della pandemia chiedono mano libera nel poter licenziare a tutto spiano. 

In un tale scenario sarebbe come minimo aspettarsi un sindacato come la CGIL sul piede di guerra. Pronto a fermare il paese con uno sciopero generale. Invece l’organizzazione sindacale guidata da Maurizio Landini, nato incendiario ai tempi della FIOM e divenuto adesso pompiere, aspetta, balbetta qualche protesta, promuove qualche contestazione di categoria, ma in generale si rifugia nell'emergenza Covid. 

Ma la vergogna di questo sindacato divenuto ormai ‘giallo’ (il sindacato giallo - company union in inglese - è la denominazione con cui si indicano i sindacati creati, o comunque controllati, dagli imprenditori) non conosce limiti. 

Così apprendiamo con un certo sconcerto che la CGIL ha organizzato una manifestazione di protesta presso l’ambasciata dell’Iran in Italia. Uno sparuto gruppo di attempati sindacalisti, tra essi l’ex segretario generale Susanna Camusso, ha praticamente avuto da ridire sul processo democratico iraniano. 

“Davanti all'ambasciata dell'#Iran per chiedere elezioni libere nel Paese, no al voto per legittimare candidati imposti e già nominati. Chiediamo rispetto dei #diritti umani e #democrazia”, scrive la CGIL su Twitter. 

Insomma, la stessa organizzazione sindacale che assiste senza muovere un dito alla cancellazione di ogni residuo diritto di quei lavoratori che dovrebbe rappresentare e difendere, si unisce alla campagna imperialista internazionale contro la Repubblica Islamica e il suo processo democratico. Così facendo legittima anche le sanzioni che vanno a colpire il popolo iraniano e gli stessi lavoratori iraniani. Altro che rispetto della democrazia e diritti umani, come ciancia il sindacato su Twitter. 

Risulta poi curioso che la CGIL abbia da ridire sulla democrazia in Iran quando nel nostro paese da almeno trenta anni vengono applicate le stesse immutabili politiche neoliberiste che di certo non fanno gli interessi del popolo italiano. Visto l’attuale sistema gli italiani, i lavoratori che la CGIL dovrebbe rappresentare, hanno la possibilità di scegliere una strada diversa? Purtroppo no. Il sistema è bloccato. E’ questa la democrazia che piace alla CGIL? Per non parlare dei diritti umani dei lavoratori italiani? Sono forse rispettati? Certo che no. Ma questo alla CGIL sembra davvero non interessare. 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti