Ambrose Evans-Pritchard: senza unione fiscale, l'Unione Europea è destinata a sgretolarsi

Ambrose Evans-Pritchard: senza unione fiscale, l'Unione Europea è destinata a sgretolarsi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Ambrose Evans-Pritchard - The Telegraph
 

La pandemia si è trasformata in uno shock asimmetrico infido per diverse nazioni della zona euro.

 

Le economie forti emergeranno ancora più forti in termini relativi. I deboli emergeranno molto più deboli. Il divario tra Nord e Sud rischia di diventare un abisso.

 

La Germania sta impegnando 1 trilione di euro per preservare il suo nucleo industriale ed economico. Garantisce € 550 miliardi di debito societario attraverso la banca statale KfW. Sta stracciando le norme sugli aiuti di Stato per consentire € 100 miliardi di iniezioni di capitale. Fornisce 50 miliardi di euro per le piccole imprese e i liberi professionisti. Il pacchetto ammonta al 30% del PIL.

 

L'Italia non può rischiare tali passaggi. Le misure fiscali dirette sono un magro € 25 miliardi. Questo potrebbe presto aumentare, ma l'onere grava su spalle molto deboli.

 

Il paese ha emesso garanzie fino a € 350 miliardi per le banche e i prestiti per evitare una stretta creditizia. Ciò intreccia ulteriormente il “circolo vizioso sovrano/bancario" dal 2011 - sempre e solo in remissione, in attesa della prossima crisi.

 

“Ognuno gioca per se stesso. Quelli che hanno munizioni le usano, ma altri no e le misure europee sono molto limitate", ha dichiarato Lorenzo Codogno di LC Macro.

 

Goldman Sachs prevede che l'economia italiana si contrarrà dell'11,6% quest'anno. L’indebitamento esploderà. Il rapporto debito/PIL supererà il 150% del PIL in breve tempo - territorio inesplorato per un mutuatario sub-sovrano senza leve monetarie o di cambio sotto il proprio controllo e con un sistema bancario che commercia a livelli di pericolo anche prima del colpo pandemico.

 

Né la Spagna, il Portogallo, la Grecia o Cipro possono permettersi di farsi strada attraverso la crisi e tutti sono devastati dal crollo del turismo. Goldman pensa che l'economia spagnola si contrarrà del 10% quest'anno e il rapporto debito/PIL aumeneterà di 22 punti percentuali giugendo al 120% del PIL.

 

L'euro sarà inservibile se le nazioni del Club Med usciranno in frantumi da Covid-19, le loro industrie saranno distrutte, affrontando di nuovo disoccupazione di massa prima che si siano ripresi dall'eccessiva austerità e dalla deflazione del debito dell'ultimo decennio. L'UEM è sopravvissuto a una depressione nell'Europa meridionale. Non sopravviverà a due.

 

“Questo è un momento molto pericoloso per l'Europa. Il PIL italiano è ancora del 5% inferiore ai livelli del 2008 e ora è colpito da un altro shock da cui potrebbero volerci dieci anni per riprendersi", ha detto Codogno, che è stato capo economista del tesoro italiano durante l'ultima crisi.

 

Gli Stati creditori del nord affrontano il loro momento di crisi "hamiltoniana". Faranno finalmente quello che fece la Virgina nel 1790 quando fu d'accordo - come il più ricco dei 13 stati - a mettere in comune i costi legati alla guerra rivoluzionaria e istituire un Ministero del Tesoro Federale americano con poteri espansivi? Ingoieranno il rospo dell'unione fiscale? I "frugals" e "Hanseatics", e soprattutto la Germania, riusciranno finalmente ad affrontare le implicazioni dell'unione monetaria - a cui fanno resistenza così ostinatamente da due decenni?

 

Non ancora, apparentemente. I ministri delle finanze dell'Eurogruppo hanno parlato di ulteriori prestiti nella riunione di crisi di martedì sera. Basta spalare più debito sui paesi debitori e ritardare.

 

"Stanno commettendo lo stesso grave errore della crisi greca nel 2010. Stanno trattando una crisi di insolvenza come se si trattasse di una crisi di liquidità", ha dichiarato Yanis Varoufakis, ex ministro delle finanze greco.

 

L'Eurogruppo ha dato un cenno alle linee di credito precauzionali fino al 2% del PIL per ciascun paese, provenienti dal fondo di salvataggio dell'UE. I quattro hardliner - Germania, Austria, Finlandia e Olanda - hanno rinunciato alle solite condizioni difficili, secondo quanto riferito dopo molte lamentele.

 

Nessun leader italiano potrebbe accettare una sottomissione simile alla Troika, ai commissari fiscali dell'UE nelle attuali circostanze strazianti, poiché i medici e le infermiere italiane cercano di mantenere la linea per tutta l'Europa - dopo aver ricevuto zero aiuti quando hanno lanciato un disperato appello per dispositivi di protezione e ventilatori.

 

I leader dell'UE discuteranno di "coronabond" alla fine di questa settimana, ma la resistenza tedesca all'emissione di debito congiunto sembra insormontabile. La cancelliera Angela Merkel avrebbe potuto sperare in tali eurobond - nonostante le precedenti promesse di “dover passare sul mio cadavere“ se fosse ancora al culmine dei suoi poteri. La Germania è cambiata da allora. Il partito AfD anti-euro presiede il comitato del bilancio ed è l'opposizione ufficiale nel Bundestag.

 

“Oggi è molto più debole e il suo partito CDU / CSU è amaramente diviso. Anche se ci provasse, non sarebbe sostenibile", ha detto Ashoka Mody, ex capo del salvataggio del FMI in Europa.

 

La corte suprema tedesca ha già avvertito che gli eurobond richiederebbero un cambiamento nella Legge fondamentale del paese - tremendamente difficile. Come sempre nella politica europea, gli ideologi stanno perseguendo la propria agenda Monnet: sfruttando Covid-19 per far avanzare l'integrazione federalista attraverso la crisi senza un chiaro consenso democratico. Berlino ha ragione a diffidare di quel tipo di escamotage costituzionale.

 

Ancora una volta spetta alla Banca Centrale Europea salvare il progetto, ma questa volta il contesto è più tossico. L'esplosione di QE di € 750 miliardi di Christine Lagarde non assomiglia affatto alla promessa di "qualunque cosa serva" di Mario Draghi nel 2012. Il suo piano è stato realizzato congiuntamente con il membro tedesco del consiglio di amministrazione della BCE e sostenuto dal ministero delle finanze tedesco. Lagarde ha sparato dal fianco e ha portato avanti il suo piano contro la protesta dei principali governatori della BCE.

 

I mercati hanno notato che non è riuscita a garantire il supporto per cambiamenti tecnici cruciali (il capital key e la regola del 33%), che la lascia congelati mentre il QE riprende. I falchi hanno un mezzo per inceppare l’ingranaggio. I trader obbligazionari guardano da vicino questa soap opera istituzionale e senza dubbio metteranno alla prova Lagarde.

 

Mody afferma che il problema sta assumendo un personaggio che è troppo intrattabile anche per essere gestito dalla BCE. “Guardate l'Italia. Ha tutte le patologie: debito elevato, banche decrepite, bassa crescita a lungo termine e ora un enorme shock", ha detto.

 

Agire come ultima risorsa per il paese - sebbene vitale - non evoca il problema più profondo che l'Italia richiede un'enorme svalutazione e una ristrutturazione del debito per uscire dalla spirale contrazionale e ripristinare la perdita di redditività. "Quanta parte del debito italiano la BCE continuerà a comprare. Un quarto? Metà? Tre quarti? Ad un certo punto il sistema si rompe", ha detto.

 

Lagarde può essere un avvocato, ma gioca tira e molla con il diritto dell'UE. Otmar Issing, il primo capo economista della BCE e il "padrino" dell'euro, ha lanciato un fragoroso rimprovero questa settimana, accusando il corpo di agire ultra vires.

 

Sostiene che il QE sia stato abusato per effettuare un salvataggio furtivo di Stati insolventi in violazione dell'articolo 125 del Trattato di Lisbona. La BCE sta usurpando la prerogativa di spesa dei parlamenti nazionali eletti. È troppo intelligente per metà.

 

Issing è il sommo sacerdote dell'ortodossia in Germania. Sta implicitamente affermando che la BCE non è più l'erede legittimo della venerata Bundesbank. Il suo intervento è la nitroglicerina politica.

 

Yanis Varoufakis afferma che Covid-19 ha nuovamente esposto la struttura disfunzionale dell'UEM e ha messo in moto eventi catalitici. “Uno scontro politico è inevitabile. Nemmeno i politici centristi a Roma possono più acconsentire", ha detto.

 

Il socialista greco ha detto di aver sempre cercato di mantenere la fede europea - anche nei suoi peggiori scontri con Bruxelles - ma alla fine ha rinunciato. "Non credo che l'UE sia in grado di farci qualcosa di diverso da un danno. Mi sono opposto alla Brexit ma ora sono giunto alla conclusione che gli inglesi hanno fatto la cosa giusta, anche se l'hanno fatto per la ragione sbagliata", ha detto.

 

Le maggiori potenze europee - e soprattutto una Germania divisa - non possono più continuare a risolvere il problema principale. O sostengono l'unione monetaria con l'unione fiscale, legittimata da profonde modifiche alla legislazione dei trattati UE e dalle costituzioni nazionali, e implicando ingenti trasferimenti fiscali per i decenni a venire - o devono aspettarsi che l'UEM si sgretoli.

 

Non sono più sufficienti risposte a metà e acrobazie monetarie di discutibile legalità. La pandemia ha portato i nodi al pettine.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti