World Affairs/Andre Vltchek: un eroe iraniano è caduto e il mondo è ora un post...

Andre Vltchek: un eroe iraniano è caduto e il mondo è ora un posto ancora più pericoloso

 
Di *Andre Vltchek  
 
Si dice che provenisse da un background modesto e salito di livello, diventando, come molti credono, il secondo uomo più potente in Iran. Dicono che sarebbe potuto diventare la prossima guida suprema nel paese.

 
Ogni volta che visito l'Iran, mi viene detto quanto la sua gente lo adori. È diventato il simbolo della resistenza contro l'Occidente, il simbolo della forza e della dignità della nazione che è stata attaccata, colonizzata e affamata da diverse capitali occidentali.
 
E ora il comandante della forza di Al Quds in Iran, Qassem Soleimani, non c'è più. E il comandante in capo americano, Donald Trump, rivendica con orgoglio la responsabilità della sua scomparsa.
 
La dichiarazione del Pentagono è arrivata rapidamente ed era chiaro:"Per ordine del Presidente, l'esercito americano ha adottato misure difensive decisive per proteggere il personale americano all'estero uccidendo Qassem Soleimani ... Questo attacco doveva scoraggiare il futuro piano di attacco iraniano. Gli Stati Uniti continueranno a prendere tutte le misure necessarie per proteggere la nostra gente e i nostri interessi ovunque si trovino nel mondo ".
 
Azione difensiva

Quasi immediatamente, RT e altri mi hanno chiesto di fare un'analisi.
Non ho potuto fare a meno di definire ciò che è stato fatto all'aeroporto di Baghdad, in Iraq, come omicidio stragiudiziale volgare e brutale.
Negli ultimi due mesi sono stato in tutto il mondo, scrivendo (e filmando) tutti questi orrori che l'Impero ha scatenato contro persone di culture diverse, vivendo in diverse parti del mondo.
 
Medio Oriente, Cina, America Latina.
 
Sembra che tutti i confini siano stati attraversati. Washington e i suoi alleati della NATO hanno perso ogni controllo, ogni vergogna e decenza. Non ne hanno mai avuto molti, ma ora non ne hanno quasi più.
 
Tutto sembra essere primitivo, come in un film di mafia mal fatto. Se ai leader occidentali non piacesse nessun paese? In questo caso, semplicemente lo attaccano, lo fanno morire di fame e lo distruggono. Così brutalmente. Nessuna mediazione da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nessuna argomentazione e nessuna pretesa di alcun processo legale.
 
Questo è quello che è successo a Hong Kong, in Bolivia, in Venezuela e nella Papua occidentale. Ciò è accaduto anche in Iran, così come in Cina e Russia, sebbene questi paesi abbiano dimostrato di essere molto più difficili da sradicare di quanto inizialmente pensassero i pianificatori di Washington.
 
Lo stesso vale per gli individui: le persone vengono uccise senza pensare, alcune rapidamente, altre molto lentamente e dolorosamente. Julian Assange è uno di loro, torturato lentamente a morte, di fronte a tutto il mondo, nonostante le proteste di esperti legali e medici che chiedono la sua liberazione.

L'omicidio di Quassem Soleimani e di altri a Baghdad è stato rapido e completamente inaspettato.
 
Le espressioni facciali dei funzionari americani erano assolutamente scioccanti: come se i leader della mafia fossero stati catturati nell'angolo di una tana sporca da un gruppo di giornalisti dilettanti. Senza rimpianti, hanno sorriso davanti agli obiettivi, suggerendo "E allora?" Che cosa hai intenzione di fare ora? Sfidarci? Noi ? Ti spezzeremo le gambe o qualcosa del genere ... "
 
E nessuno, assolutamente nessuno osa davvero sfidarli! Non ancora. Al momento no.
 
È un gioco testato, a prova di proiettile. Distruggi un intero paese o uccidi una persona e poi mostri il tuo lavoro; le tue armi ben mantenute. Esponi le tue armi e la tua terribile fila di denti. Dici, o suggerisci senza dirlo, "Hai una moglie e due figlie nel paese, giusto? Non vuoi che succeda loro niente, vero? "
 
Adesso è a quel livello. Non è meglio di così, non vedi?
 
Se ti difendi, muori; la tua famiglia muore. Oppure i tuoi familiari vengono violentati. O entrambi.
Vi piace ? Non ti piace? Lo odi davvero? Non ci interessa! L'Impero ha armi. Questo è tutto ciò che ha. La capacità di uccidere e stuprare. È diventato stupido, degenerato. Non produce quasi nulla di valore. Ma ha milioni di armi e una mostruosa macchina di propaganda.
*
Ora, sul serio: cosa può fare l'Iran? Cosa può fare una nazione con migliaia di anni di cultura?
Può difendersi? Onestamente, se pensi che possa farlo, allora dillo: come?
 
Se risponde, potrebbe essere cancellato dalla faccia della terra. Se non fa nulla, perderà la faccia, il rispetto per se stessa e l'obiettivo di continuare la sua lotta per la vera indipendenza e la sua forma unica di socialismo.
 
Per anni e decenni, l'Iran è stata una spina nel fianco dell'Occidente. I suoi alleati hanno combattuto contro il terrorismo iniettato dall'Occidente in Iraq, Siria e Libano. L'alleato dell'Iran in Libano, Hezbollah, ha difeso il paese contro le invasioni israeliane, fornendo al contempo sostegno sociale ai cittadini poveri e bisognosi.
 
L'Iran ha dato lavoro e un riparo temporaneo a molti cittadini afgani, in particolare quelli di Herat, a cui non è rimasto assolutamente nulla dopo l'orrenda occupazione del paese da parte degli Stati Uniti e della NATO. Ho lavorato in Afghanistan e ho visto enormi file fuori dal consolato iraniano ad Herat. L'Iran è stato anche profondamente coinvolto in America Latina, aiutando, costruendo alloggi sociali in Venezuela, Bolivia di Evo e altrove.
 
E ora, recentemente, ha iniziato ad avvicinarsi sempre di più ai due principali nemici di Washington: Cina e Russia.

Ecco perché è stato deciso negli annali di Washington e del Pentagono: l'Iran deve essere fermato, distrutto. Ad ogni costo cioè, ad ogni prezzo che dovrebbe essere pagato dai cittadini iraniani.
*
Sono convinto che questa follia debba essere fermata. Per il bene dell'Iran.
 
Ma anche perché se l'Iran viene rovinato, distrutto come l'Iraq, la Libia o l'Afghanistan, qualcuno sarà il prossimo. Prima, molto probabilmente, il Venezuela e poi Cuba. Ma poi, forse, molto probabilmente, Russia o Cina, o entrambi.

L'Impero non si fermerà da solo. Se non incontra l'opposizione, sarà sempre più incoraggiato.
È un grave errore lasciarlo letteralmente "cavandosela con l'omicidio".

Oggi un coraggioso generale iraniano è stato assassinato. Washington sorride provocatoriamente, cinicamente.

Invia messaggi ai quattro angoli del mondo: “Resta sui tuoi divani davanti alla televisione. Pietrificati. Non fare nulla. Altrimenti! "
 
 
 
 
 
*Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Five of his latest books are “China Belt and Road Initiative: Connecting Countries, Saving Millions of Lives”, “China and Ecological Cavillation” with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa