Andrew Korybko: "L'operazione speciale della Russia in Ucraina ripristinerà la stabilità strategica globale"

Andrew Korybko: "L'operazione speciale della Russia in Ucraina ripristinerà la stabilità strategica globale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'autore ha avvertito all'inizio di questa settimana che "Kiev deve ritirarsi da Donetsk e Lugansk se vuole veramente evitare la guerra", sottolineando che Mosca sosterrà decisamente i suoi nuovi alleati del Donbass con mezzi militari al fine di garantire la sicurezza delle loro popolazioni civili se l'Ucraina continuasse la sua offensiva genocida contro di loro. Purtroppo, gli Stati Uniti non sono riusciti a tenere a freno il loro esercito per procura dell'Europa orientale, il che ha spinto la Russia a iniziare la sua operazione speciale in corso in Ucraina.

L'ambasciatore russo all'ONU Vasily Nebenzya ha articolato le ragioni dietro la decisione del presidente Putin. Accusando l'Occidente guidato dagli Stati Uniti di sfruttare il popolo del Donbass come "merce di scambio nel gioco geopolitico che cerca di indebolire la Russia e portare la NATO più vicino ai nostri confini", ha sbattuto il loro doppio standard verso gli stessi diritti umanitari che finora hanno affermato di ritenere sacri, anche se solo quando questi coincidono con i propri obiettivi geostrategici.

Il continuo rifiuto di Kiev di attuare gli accordi di Minsk, approvati dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ha provocato direttamente l'intervento decisivo di Mosca nel resto dell'Ucraina che la Russia riconosce ancora come appartenente a quel governo. Per essere precisi, il Cremlino crede che il governo ucraino non eserciti più la sovranità pratica dopo essere stato preso dagli Stati Uniti dopo il colpo di Stato del 2014 che ha seguito la serie di mesi di terrorismo urbano popolarmente noto come "EuroMaidan".

Semantica a parte, l'operazione in corso ha lo scopo di costringere le autorità ucraine post-golpe sostenute dagli Stati Uniti a tornare alle loro politiche pacifiche pre-regime change verso il proprio popolo, la Russia e il resto della regione. Il discorso del presidente Putin alla nazione giovedì mattina ha dichiarato che gli obiettivi del suo paese sono quelli di garantire la smilitarizzazione del paese, la denazificazione e di assicurare alla giustizia coloro che hanno compiuto crimini contro i civili, anche contro i cittadini russi.

Il contesto più ampio in cui questo sta accadendo è la crisi missilistica non dichiarata provocata dagli Stati Uniti in Europa, iniziata dal desiderio di Washington di neutralizzare le capacità nucleari di secondo colpo di Mosca, in modo da metterla perennemente in una posizione di ricatto nucleare. Il presidente Putin ha elaborato in precedenza queste preoccupazioni molto credibili durante la sua "Riunione allargata del Consiglio del Ministero della Difesa" del 21 dicembre, così come la "Riunione del Consiglio di Sicurezza" del 21 febbraio e il successivo discorso alla nazione la sera stessa.

L'obiettivo finale è quello di rivedere l'architettura di sicurezza europea con mezzi militari, in assenza del mancato rispetto da parte dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti delle richieste di garanzia di sicurezza della Russia, in modo da renderla più favorevole agli interessi di sicurezza nazionale di Mosca. Questo è in accordo con il principio di sicurezza indivisibile dell'OSCE che è stato violato nel corso dei decenni dall'espansione verso est della NATO a sue spese. Questo è l'unico risultato che può ripristinare la stabilità della sicurezza strategica che gli Stati Uniti hanno minato.

Sergey Karaganov, presidente onorario dell'influente Council on Foreign and Defense Policy russo, ha pubblicato un pezzo analitico molto dettagliato su RT mercoledì, intitolato "La nuova politica estera della Russia, la dottrina Putin". Tutti i lettori interessati sono fortemente incoraggiati a leggerlo per intero, poiché è simile alla versione russa del 21° secolo del "Lungo Telegramma" di Kennan, nel senso che descrive meticolosamente i mezzi che Mosca intende utilizzare per contenere in modo sostenibile le minacce alla sua sicurezza nazionale portate dagli Stati Uniti.

Gli osservatori dovrebbero ricordare che non doveva arrivare a questo, ma che la Russia non aveva letteralmente scelta, per non finire ricattata dagli Stati Uniti con mezzi nucleari. Il presidente Putin ha accennato a questo nel suo citato evento del 21 dicembre, quando ha ammesso che "quello che stanno facendo, o cercando o progettando di fare in Ucraina, non sta accadendo a migliaia di chilometri di distanza dal nostro confine nazionale. È sulla soglia di casa nostra. Devono capire che semplicemente non abbiamo nessun altro posto dove ritirarci".

Con "nessun posto dove ritirarsi" e gli Stati Uniti che rifiutano di ricorrere ai mezzi diplomatici proposti dalla Russia per risolvere la crisi missilistica che gli Stati Uniti stessi hanno avviato, era ovvio, a posteriori, che Mosca sarebbe stata costretta ad agire attraverso gli stessi mezzi militari-tecnici di cui aveva vagamente avvertito in precedenza per garantire l'integrità delle sue linee rosse di sicurezza nazionale. Questo fatto conferma la legittimità del riferimento del presidente Putin all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite per giustificare la sua operazione.

Coloro che sostengono veramente il diritto democratico intrinseco di tutti gli Stati di governare e svilupparsi secondo quanto i loro leader internazionalmente riconosciuti ritengono opportuno, così come di assicurare difensivamente la loro sicurezza nazionale di fronte a minacce straniere non provocate, dovrebbero quindi sostenere l'operazione speciale della Russia in Ucraina. Gli obiettivi di Mosca non sono quelli di destabilizzare ulteriormente il mondo, ma di restituirgli finalmente la stabilità dopo che Washington ha minato unilateralmente lo stato strategico delle cose.

La grande potenza eurasiatica sta utilizzando il suo diritto legale internazionale all'autodifesa, non solo per proteggere le sue linee rosse di sicurezza nazionale e gli interessi umanitari del popolo del Donbass, ma anche per il bene del mondo intero. Se la Russia si fosse sottomessa al tentativo di ricatto nucleare degli Stati Uniti, Washington avrebbe immediatamente messo gli occhi sulla Cina, dopo di che avrebbe ripristinato la sua declinante egemonia unipolare sul pianeta, se fosse poi riuscita a neutralizzare strategicamente anche Pechino.

Per queste ragioni, la causa della Russia è giusta e pienamente in linea con lo spirito della Carta delle Nazioni Unite che decreta ufficialmente l'uguaglianza delle nazioni e l'inammissibilità di una condotta come quella degli Stati Uniti che assicurano la propria sicurezza a spese di qualcun altro come la Russia (e anche della Cina). Mosca non è una cosiddetta "potenza revisionista", Washington lo è, poiché tutto ciò che la Russia vuole fare è tornare all'ordine internazionale sancito dall'ONU e precedentemente concordato anche dagli stessi Stati Uniti.

È stato solo il destabilizzante perseguimento da parte degli Stati Uniti dell'egemonia unipolare dopo la dissoluzione dell'URSS alla fine della vecchia guerra fredda che ha fatto sì che tutto raggiungesse il terribile punto in cui si trova attualmente. Gli Stati Uniti sono quindi indiscutibilmente la potenza veramente revisionista che ha ingannevolmente tentato di far credere al mondo che la Russia sia attraverso la sua rete globale di "perception managers". L'imminente successo dell'operazione speciale della Russia in Ucraina restituirà quindi stabilità al mondo.

 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe