World Affairs/Ante Pavelic, il vero macellaio dei Balcani

Ante Pavelic, il vero macellaio dei Balcani

 


di Tom Easton - counterpunch
 

Ante Pavelic: l'originale "Macellaio dei Balcani". Era il capo del governo fantoccio nazista dello '"Stato indipendente di Croazia" che morì tranquillamente a Madrid nel 1959. L'assassino di massa di 80.000 ebrei, 30.000 zingari e oltre 500.000 serbi, riuscì a sopravvivere alla seconda guerra mondiale e non affrontò mai un tribunale per crimini di guerra.

 

Invece a Pavelic fu offerto rifugio dal Vaticano e divenne consigliere per la sicurezza di Juan ed Eva Peron prima di ritirarsi nella Spagna fascista. La chiave della sopravvivenza di Pavelic era il cosiddetto Ministero del Tesoro croato, in realtà nient'altro che la ricchezza personale di Pavelic, il saccheggio di campi di concentramento e massacri in tutti i Balcani e oltre. Ovunque i fedeli Ustascia (nazisti croati) servivano Pavelic e Hitler, le chiese cristiane ortodosse e le sinagoghe ebraiche venivano saccheggiate e le proprietà di serbi, ebrei, zingari, ucraini e altri venivano confiscate. I crimini di Pavelic e degli Ustascia furono così barbari che persino i nazisti più duri ne furono disgustati.

 

Negli ultimi giorni della seconda guerra mondiale, Pavelic e il suo inner circle acquistarono con la corruzione la loro strada per Roma dove gli aiuti erano in attesa in Vaticano. Pavelic commise un genocidio a un livello molto più grande di qualsiasi altro conosciuto prima o dopo nei Balcani, ma fu ricevuto personalmente da Pio XII durante il suo regno del terrore. L'Ordine francescano e la Banca Vaticana aiutarono avidamente a riciclare il bottino di Pavelic, i cui proventi furono usati per stabilire la cosiddetta ratline che aiutò migliaia di nazisti e Ustascia a fuggire in Sud America.

 

Oltre 50 anni dopo, una causa legale è stata intentata presso il Tribunale Federale di San Francisco nel 1998 in cerca di un resoconto del bottino di Pavelic. Agli imputati, alla Banca Vaticana, all'ordine francescano e agli Ustascia ancora in vita fu chiesto di rendere conto dell'oro, dell'argento e delle gemme saccheggiate così tanti anni fa. Un giudice federale ha esaminato il caso.

 

Un ex funzionario dell'intelligence dell'esercito nordamericano ha rivelato che il corpo di Pavelic è stato messo al sicuro in un luogo segreto segreto a Madrid in attesa del suo eventuale ritorno in "patria". I seguaci di Pavelic considerano l'attuale Stato croato come il successore dello Stato indipendente croato di ispirazione nazista, la loro eredità sarà adempiuta solo dal ritorno del loro leader supremo o in lingua croata, Poglavnik, per giacere nello stato di Zagabria. Tudjman, l'ultimo governante con le mani sporche di sangue della Croazia, fu un sostenitore del ritorno di Pavelic in Croazia e in effetti il fantasma di Pavelic deve essere contento di trovare così tanti nuovi monumenti pubblici per il suo fedele Ustascia che spuntano come funghi dopo una pioggia di primavera nella Croazia democratica.

 

Si pensa che una cerimonia annuale presieduta da sacerdoti francescani croati abbia luogo ogni anno nel giorno del compleanno di Pavelic. In tali cerimonie Ustascia l'odio eterno verso i serbi e altri sono giurati su un crocifisso, un coltello e un revolver. Molti Ustascia sono tornati in Croazia nel 1991.


(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

 

 

 

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa