Assassinio Soleimani: Trump si è sentito usato da Netanyahu

Assassinio Soleimani: Trump si è sentito usato da Netanyahu

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump potrebbe essersi sentito usato dall'ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu riguardo l'assassinio del generale iraniano Qasem Soleimani.

A sostenere questa tesi, il portale di notizie digitali statunitense Axios che, in un rapporto pubblicato mercoledì scorso, ha rivelato che Trump si aspettava che Israele svolgesse un ruolo più attivo nell'attacco.

Citando un ex alto funzionario dell'amministrazione Trump, si sottolinea che il magnate si è lamentato del fatto che Netanyahu fosse "disposto a combattere l'Iran fino all'ultimo soldato americano".

Tuttavia, l'ex presidente israeliano ha ritenuto la rabbia di Trump totalmente ingiustificabile e sostiene che un alto funzionario militare israeliano gli ha detto che Tel Aviv ha proposto un ruolo più attivo per le sue forze in tale operazione, ma gli Stati Uniti hanno insistito per portare a termine l'attacco stesso.

“ Non posso parlare di questa storia. Ma sono rimasto molto deluso dal ruolo svolto da Israele in quell'evento. (...) La gente lo scoprirà al momento giusto" , disse Trump in un'intervista rilasciata a giugno con il giornalista e scrittore israeliano Barak Ravid in merito al lancio del suo libro più recente "La Pace di Trump: Gli accordi di Abramo per rimodellare il Medio Oriente'.

Intanto, un ex funzionario della Casa Bianca ha ricordato che quando Netanyahu è arrivato negli Stati Uniti nel settembre 2020 per firmare gli accordi di Abraham, ha cercato di placare Trump, ma l'ex presidente non era convinto e ha sempre creduto che Netanyahu lo avesse usato come strumento.

Secondo un rapporto pubblicato nel gennaio 2020 dalla rete statunitense  NBC News , il servizio di intelligence del regime israeliano (Mossad) ha offerto alla CIA le informazioni sull'ubicazione del comandante iraniano, prima di essere assassinato in un attacco terroristico di Washington a Baghdad, , il 3 gennaio 2020.

Dopo il provvedimento bellico degli USA, Netanyahu subito espresse la sua soddisfazione per l'assassinio dell'eminente generale iraniano, sostenendo che l'attacco era avvenuto nel quadro del “diritto degli USA di difendersi”.

Diversi analisti e osservatori hanno sostenuto che gli Stati Uniti hanno agito come uno  "strumento militare di Israele" , assassinando il generale iraniano, ignorando la potenza del Paese persiano.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti