/ Aumento dei costi e notevoli ritardi. L'esclusione della Turchia ...

Aumento dei costi e notevoli ritardi. L'esclusione della Turchia mette a rischio l'intero programma F-35?

 
 

La decisione ufficiale è stata resa nota nella giornata di ieri: gli Stati Uniti hanno deciso di escludere la Turchia dal programma F-35. Le minacce si sono quindi concretizzate dopo che Ankara ha deciso di portare a termine l’acquisto del sistema missilistico S-400 dalla Russia. 

 

Proprio negli scorsi giorni i primi componenti del sistema antiaereo sono stati consegnati in Turchia. 

 

Ma la decisione presa dagli Stati Uniti che ripercussioni avrà sul programma F-35?

 

La Turchia attualmente produce quasi 900 pezzi per il programma F-35, e il costo per rimuovere la Turchia ammonta a circa 9 miliardi di dollari per la durata del programma. Nel frattempo gli Stati Uniti dovranno trovare nuove fonti di approvviggionamento per i pezzi prodotti da Ankara, con perdite che vanno dai 500 ai 600 milioni di dollari in costi di ingegneria non periodici per spostare la produzione nei soli Stati Uniti, spiega l’emittente turca TRT. 

 

Tagliare la Turchia dal programma F-35 pone seri rischi per la catena di approvvigionamento tentacolare utilizzata per curare la manutenzione e costruire i caccia stealth jet.

 

Il direttore del programma F-35, vice ammiraglio Mathias Winter, ha testimoniato ai legislatori che "la valutazione sull’esclusione della Turchia sarebbe un impatto tra 50 e 75 aerei per un periodo di due anni".

 

Circa il 7% dei pezzi del velivolo sono prodotti in Turchia, ha detto Winter, avvertendo che “potremmo vedere tra 45 e 90 giorni un impatto del rallentamento o dell'arresto di tali parti sulle tre linee di produzione".

 

Un alto funzionario militare della NATO, parlando ai microfoni di TRT World in condizione di anonimato, ha avvertito sulle conseguenze indesiderabili derivanti dalla rimozione della Turchia dal programma F-35. 

 

Il funzionario ha spiegato che la rimozione della Turchia "violerebbe l'accordo di partenariato per lo sviluppo" e "minerebbe la legittimità degli Stati Uniti nella NATO". Ha inoltre avvertito che "un ritardo sarebbe un rischio strategico e una battuta d'arresto della NATO nella corsa globale per schierare la caccia stealth di quinta generazione, mentre altre potenze mondiali si stanno affrettando a schierare i loro".

 

In una lettera ottenuta da Bloomberg, il segretario alla Difesa statunitense James Mattis ha anche sollecitato prudenza, mettendo in guardia i legislatori dall'eliminare la Turchia dal programma, in quanto potrebbe causare "interruzioni della supply chain" con conseguente aumento dei costi e dei ritardi per il jet da 100 milioni di dollari, che ha già fatto registrare sforamento del budget e notevoli ritardi.

 

Mattis ha dichiarato al comitato per i servizi armati del Senato che ciò comporterebbe "un'interruzione della produzione dell’aeromobile", ritardando la consegna e impiegando un tempo significativo per le parti di risorse.

 

Mike Friedman, un portavoce della Lockheed Martin, ha confermato la posizione essenziale della Turchia nella catena di fornitura dell'F-35, citando 8-10 aziende turche impegnate nella produzione di componenti per l'F-35, alcuni dei quali sono componenti importanti.

 

Lara Seligman, corrispondente del Pentagono della Aviation Week, osserva che "il principale hub europeo per la riparazione e la revisione dei motori F-35 è a Eskisehir, nel nord-ovest della Turchia".

Inoltre, i dati pubblicamente disponibili di Lockheed Martin affermano che dal 13 agosto 2018, 310 F-35 di 3.000 previsti stanno già volando da 15 basi in tutto il mondo.

 

In un commento al Defense Post, Aaron Stein, analista della difesa del Consiglio Atlantico, spiega che la Turchia è un produttore single-source di componenti chiave del motore F-35 e un produttore secondario della sua fusoliera.

 

Alla luce di ciò, il Dipartimento della Difesa ha adottato misure per "garantire una pianificazione e una resilienza prudenti del programma della catena di approvvigionamento F-35".

 

Le aziende turche producono componenti per le numerose varianti dell'F-35.

 

Forecast International afferma che le Industrie Aerospaziali Turche fabbricano le fusoliere centrali come fornitore di seconda fonte e avrebbero dovuto consegnarne 400. TAI produce anche portelloni d'arma, montanti piloni, prese d'aria e altri componenti chiave.

 

Ayesas, un altro fornitore turco, è l'unico fornitore del display panoramico della cabina di pilotaggio e dell'unità di interfaccia remota missilistica.

 

Alp Aviation produce strutture di strutture in metallo, parti del carrello di atterraggio e componenti del motore F135.

 

Fokker Elmo Turkey (GKN), produce sistemi di cablaggio e cablaggio elettrici (EWIS) per l'F-35 e il motore F135.

 

La Turchia funge anche da struttura regionale di manutenzione, riparazione e aggiornamento per l'F135.

 

Fonte: TRT World
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa