/ B-52 statunitense simula bombardamento ai confini con la Russia

B-52 statunitense simula bombardamento ai confini con la Russia

 

Questa è stata la seconda volta in questi giorni in cui un bombardiere americano si è avvicinato ai confini della Russia e sembra aver effettuato una simulazione di bombardamento, con accaduto precedentemente il 19 ottobre scorso. In quell'occasione, il jet da combattimento russo Su-27 è stato ha scortato un USAF B -52H che si avvicinava alla Crimea


Un bombardiere strategico della Stratofortress statunitense B-52H ha effettuato un bombardamento simulato della base della flotta baltica russa nell'esclave di Kaliningrad, secondo quanto riferito dalla risorsa di monitoraggio degli aerei PlaneRadar, citando i dati di localizzazione.

 
 

 
Tweet recita: “15:40 ora di Mosca. I bombardieri strategici Stratofortress dell'Aeronautica militare americana Boeing B-52H, numero di coda 61-0025, segnale di chiamata # BRIG01, decollato dalla base aerea di RAF Fairford, stanno effettuando la simulazione del bombardamento della base della flotta baltica.”
 
La mappa della risorsa mostra il bombardiere che vola attraverso il Mar Baltico, trasferendosi a sud-est nello spazio aereo lituano e si avvicina a circa 45 km dall'exclave russa ad est, sopra la città lituana di Marijampole.
 
Il giorno prima, il ministero della Difesa della Russia aveva rivelato che una delle forze di difesa aerospaziale Su-27 era partita da una base in Crimea per scortare un B-52H che si avvicinava ai confini russi nel Mar Nero, con il jet riferito che avrebbe fermato il bombardiere a una distanza di 70 km prima di tornare alla base.
 
L'aviazione americana ha schierato una task force di quattro B-52 e circa 350 aviatori alla RAF Fairford all'inizio di questo mese , con i bombardieri di base presso la base aeronautica di Barksdale in Louisiana, a circa 8.650 km da quella russa di Kaliningrad.
 
Gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO inviano regolarmente bombardieri, aerei da ricognizione e droni a est per testare i confini della Russia nel Mar Baltico e nel Mar Nero e vicino alla base aerea russa in Siria. Nel 2018, le truppe di difesa aerea della Russia hanno riferito di aver rintracciato quasi 3.000 aerei militari stranieri. Oltre ai voli, la NATO ha sostanzialmente aumentato la propria impronta militare vicino ai confini della Russia dalla crisi ucraina del 2014, conducendo esercitazioni nella regione e aumentando il numero di truppe straniere permanentemente dispiegate nei paesi baltici, in Polonia e in Romania. Mosca e i suoi alleati hanno ripetutamente espresso preoccupazione per l'accumulazione di forze della NATO, con funzionari che avvertono che tali incidenti aumentano il rischio di escalation in un conflitto militare in piena regola.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa