Basta giochi

Basta giochi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Nicolò Monti

Abbiamo passato una bella notte noi tutti che abbiamo votato no, ma da subito dichiarazioni fin troppo sbrigative hanno preso il sopravvento. Tra le richieste, la più gettonata è quella per il voto immediato ma è anche la richiesta più sbagliata.

Siamo un paese che per 50 anni ha votato con una legge proporzionale pura, senza premi o sbarramenti, e che dopo averla archiviata frettolosamente non ha più trovato una legge che realmente sia in sintonia con la composizione politica e sociale del paese. In questi anni abbiamo raggiunto l’apice del caos, tanto che ad oggi ci troviamo con l’Italicum alla Camera e il cosiddetto Consultellum al Senato.

L’Italicum è un iper maggioritario mascherato da proporzionale, che prevede un enorme premio di maggioranza al partito (non alla coalizione) che raggiunge il 40% dei voti al primo turno o vincendo il ballottaggio nel caso prendesse meno del 40%. Per l’altro ramo del parlamento invece abbiamo il Porcellum modificato dalla sentenza della Corte Costituzionale, cioè un proporzionale puro senza premi e con la soglia di sbarramento al 4% per i partiti in coalizione e dell’8% per i non coalizzati.

Cosa produrrebbe un voto con queste due leggi così diverse? Il caos. Provate ad immaginare un’ipotetica vittoria alla camera del Movimento 5 Stelle (o di un altro partito a piacimento) ma con nessuna maggioranza al senato. Altro che instabilità. Ma ricordiamo che l’instabilità dei governi o del parlamento ha sempre una volontà politica, non è mai frutto del caso ed un parlamento senza maggioranze ha solo due strade: nuove elezioni o governo tecnico o di larghe intese.

Come direbbe Lenin, Che Fare? La strada che sembra meno impervia è quella di un governo di scopo, con un senatore anziano premier (magari il presidente del Senato Grasso), che assieme a tutte le forze politiche approvi una nuova legge elettorale. 

Ma quale legge? La logica dovrebbe portare ad una sola risposta, cioè il proporzionale puro, l’unico sistema che davvero rappresenta al meglio il nostro paese in tutte le sue sfumature.

Si è parlato tanto, senza alcun raziocinio, della paura di vedere al governo un Salvini o un Di Maio, il proporzionale puro scongiura ogni scenario di questo genere, garantisce rappresentanza e governabilità (che è sempre frutto della volontà politica e non della legge elettorale), non da un potere illimitato a chi governa e assicura alle opposizioni un ruolo di primo piano.

La nostra Costituzione ci ha sempre difeso da tutte le derive autoritarie, grazie al voto di ieri continuerà a farlo ed è anche arrivato il momento che venga finalmente applicata, a partire dalla legge elettorale.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti