/ Beirut brucia. Ecco come č iniziata la ribellione contro le Elite...

Beirut brucia. Ecco come č iniziata la ribellione contro le Elite in Libano

 

di Andre Vltchek*
 
 
I pneumatici bruciano, il fumo sale verso il cielo. È ottobre, il 18 ° giorno del mese, la capitale del Libano, in passato conosciuta come la "Parigi dell'Est", è coperta di fumo.

 
Per anni ho avvertito che il paese governato da élite corrotte e indifferenti, non poteva rimanere insieme, indefinitamente.
 
Per tutti quei 5 anni che ho chiamato Beirut a casa, le cose stavano andando in rovina. Niente stava migliorando: quasi nessun trasporto pubblico, carenza di elettricità, approvvigionamento idrico contaminato e irregolare. Periodicamente, la spazzatura si accumula lungo le strade e le strade suburbane. Quando un aereo atterra e le porte si aprono, la terribile puzza di immondizia ci dà il benvenuto. Per i residenti a Beirut è a casa.

 
Quasi tutti sapevano che tutto ciò non poteva continuare così, per sempre.
 
La città soffriva di malattie del 4 ° mondo, mentre contemporaneamente era invasa da SUV Land Rover, Maserati e Porsche, auto sportive e Armani.
 
Beirut è quasi crollato ai livelli di Giacarta, anche se, bisogna ammetterlo, con élite estremamente intelligenti, altamente istruite e sofisticate, in grado di conversare simultaneamente in tre lingue del mondo: francese, arabo e inglese. Inoltre, con gallerie d'arte di prima classe, cinema d'arte, bar eleganti e discoteche. Con porticcioli sontuosi e le migliori librerie di tutto il Medio Oriente.
 
Alcuni sostengono che Beirut sia sempre stato in possesso di cervello e fegato, ma al suo cuore è successo qualcosa.
 
Ora niente funziona davvero qui. Ma se hai milioni di dollari, non importa davvero; puoi comprare qualsiasi cosa qui. Se sei povero, indigente, abbandona ogni speranza. E la maggior parte della gente qui è miseramente povera. E nessuno sa nemmeno con precisione quanti sono indigenti, poiché è vietato un censimento, al fine di "non disturbare l'equilibrio religioso" (è stato, per anni, in qualche modo concordato, che è meglio non sapere quanti cristiani o musulmani sono residente nel paese).
 
È certo che la maggior parte delle persone non è ricca. E ora, oltraggiati dai loro sovrani, politici corrotti e cosiddette élite, stanno gridando, forte e chiaro: "Basta!", Halas, abbasso il regime! "
 
*
 
Il governo ha deciso di imporre una tassa sulle chiamate di WhatsApp. Non è un grosso problema, alcuni direbbero. Ma era; lo è, improvvisamentediventato un grosso problema. "L'ultima goccia", forse.
 
La città è esplosa. Furono erette barricate. I pneumatici incendiati. Ovunque: nei quartieri più poveri e più ricchi.
 
"Rivoluzione!" La gente ha iniziato a gridare.
 
Il Libano ha una storia di insurrezioni di sinistra, anche comuniste. Ha anche una buona dose di fanatismo religioso di destra. Quale vincerà? Quale sarà decisivo, durante questa ribellione nazionale?
 
Il Partito Comunista è ora dietro diverse marce. Ma Hezbollah, fino ad ora la forza sociale più solida del paese, non è ancora convinto che il governo di Saad al Hariri dovrebbe semplicemente dimettersi.
 
Secondo Reuters:
 
"Il leader libanese di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ha detto ... che il gruppo non chiedeva le dimissioni del governo in mezzo alle proteste nazionali diffuse.
Nasrallah ha dichiarato in un discorso televisivo che ha sostenuto il governo, ma ha chiesto una nuova agenda e "nuovo spirito", aggiungendo che le proteste in corso hanno mostrato che la strada da percorrere non erano nuove tasse ".
 
Qualsiasi imposizione ai poveri lo spingerebbe a chiamare i sostenitori per andare in piazza, ha aggiunto Nasrallah."
 
Finora, la ribellione ha lasciato innumerevoli persone ferite, mentre due immigrati siriani hanno perso la vita. Alcuni analisti locali affermano che questa è la rivolta più grave da quella del 2015 (che includeva la campagna "Puzza!", Reagendo alle spaventose crisi dei rifiuti di Beirut e al peggioramento del disastro sociale), ma altri, tra cui questo autore, sono convinti che questa sia in realtà la più grave catastrofe politica che il Libano sta affrontando dagli anni '80.
 
Si sente rabbia, in ogni angolo della capitale, nei caffè e nei negozi locali:
 
"La fiducia è rotta!"
 
Anche coloro che erano lontani da qualsiasi attività politica, ora supportano i manifestanti.
 
La signora Jehan, un membro dello staff locale di un ufficio delle Nazioni Unite a Beirut, è una di quelle che si sono trovate dalla parte della ribellione:
 
“Ciò che sta accadendo a Beirut e in tutto il Libano è positivo. È ora che ci alziamo. Ci andrò anch'io. Questo non ha nulla a che fare con le religioni. Riguarda le nostre vite distrutte. "
 
 
*
 
Leggendo i media mainstream occidentali, si potrebbe iniziare a credere che i principali problemi del Libano siano questioni come il debito estero (il Libano è, su base pro capite, il terzo paese più indebitato sulla terra. Il debito si attesta al 150% del suo PIL), poche riserve finanziarie (US $ 10 miliardi) e il modo in cui il Paese interagisce con i donatori e i finanziatori. Il FMI e il suo "consiglio" sono costantemente citati.
 
Ma anche agenzie di stampa come Reuters devono ammettere che l'intero pasticcio è tutt'altro che un problema strutturale: "Man mano che i dollari si sono prosciugati, le banche hanno effettivamente smesso di prestare e non possono più effettuare transazioni di cambio in valuta estera per i clienti", ha affermato un banchiere. "L'intero ruolo delle banche è quello di versare denaro nella banca centrale per finanziare il governo e proteggere la valuta ", ha scritto. "Non si sta facendo nulla sul deficit fiscale perché fare qualcosa interromperà i sistemi di corruzione". "

Ed ecco la parola chiave: "corruzione!"

Le élite libanesi sono corrotte senza vergogna. Solo paesi come l'Indonesia sono in grado di competere con i clan trogloditi libanesi, quando si tratta di spogliare l'intera nazione delle sue ricchezze.

Quasi nulla è pulito o puro in Libano, ed è anche per questo che non ci sono statistiche disponibili.
 
Il denaro proviene dal mostruoso e spietato sfruttamento delle risorse naturali nell'Africa occidentale. Lo sanno tutti, ma non viene mai affrontato pubblicamente. Ho lavorato in Africa occidentale e so cosa ci fanno i "uomini d'affari" libanesi razzisti. Ma i soldi rubati agli africani non arricchiscono il Libano e la sua gente. Finisce nelle banche libanesi e spende in lussuosi yacht, auto sportive europee pacchiane e costose, e all'interno di bizzarri club privati ??dentro e intorno alla capitale. Mentre molti libanesi sono vicini alla fame, gli aeroplani che volano verso Nizza, Venezia o le isole greche sono costantemente pieni di persone in cerca di dolce vita.
 
Il Libano guadagna miliardi di dollari dai narcotici, in particolare quelli coltivati ??e raffinati nella valle della Beqaa. Vengono esportati principalmente in Arabia Saudita, per il consumo dei ricchi, o iniettati nei campi di battaglia in Yemen e Siria, le cosiddette droghe da combattimento. Ancora una volta, tutti lo sanno, ma nulla è fatto per fermarlo. Centinaia di famiglie, dai contadini ai politici, si sono sporcamente ricche in quel commercio. Questo aggiunge qualche super-yacht ai porti turistici di Beirut.
 
Poi, ci sono "aiuti esteri", "investimenti europei in infrastrutture", denaro saudita e del Qatar. La maggior parte va direttamente nelle tasche di funzionari corrotti, al cosiddetto "governo" e ai suoi amici, appaltatori. Quasi nulla è stato costruito, ma i soldi sono andati. Il Libano ha dipendenti delle ferrovie che stanno ricevendo i loro stipendi mensili, ma nessuna ferrovia, più. La stazione ferroviaria era stata convertita in bar di vodka. Il Libano chiede soldi in modo che possa ospitare rifugiati da tutta la regione, ma gran parte del denaro finisce in poche tasche profonde. Molto poco va ai rifugiati stessi o ai poveri libanesi che devono competere per lavori a basso reddito con i disperati siriani o palestinesi.
 
I poveri stanno diventando più poveri. Tuttavia, le cameriere etiopi, filippine e keniote stanno trascinando la spesa dei ricchi, asciugandosi sputando i volti dei bambini nati in famiglie d'élite e pulendo i servizi igienici. Alcuni vengono torturati dai loro padroni, molti si suicidano. Il Libano è un posto difficile, per coloro che non sembrano fenici o europei.
 
E i bassifondi nel sud di Beirut stanno crescendo. E alcune città libanesi, come Tripoli nel nord, assomigliano a enormi baraccopoli, del tutto.
 
Ali, un receptionist in un hotel nel centro di Beirut lamenta:
 
“Lavoro qui come receptionist per 14 ore e guadagno solo 540 USD ogni mese. Ho bisogno di un minimo di 700 USD per sopravvivere. Ho una sorella negli Stati Uniti e voglio visitarla solo per una settimana, ma non posso ottenere il visto. Ho solo 24 anni. Non vedo futuro in questo paese, come tante altre migliaia che protestano per le strade di Beirut. ”
 
Secondo varie stime, il Libano potrebbe crollare già nel febbraio 2020. Non è possibile saccheggiare più denaro. La fine del gioco si sta avvicinando.
 
Se crolla, i ricchi avranno i loro paracadute d'oro. Hanno le loro famiglie all'estero: in Australia, Brasile, Francia. Alcuni hanno due passaporti, altri hanno case nelle parti più desiderabili del mondo.
 
Ai poveri non rimarrà assolutamente nulla: con una carcassa di un paese, precedentemente saccheggiata dalle sue stesse élite. Ci saranno Ferrari in decomposizione, che invecchiano, dappertutto, ma non si possono mangiare carcasse di automobili. Ci saranno piscine lussuose ma abbandonate, proprio accanto a spiagge inquinate e distrutte.
 
Le persone lo sanno e ne hanno avuto abbastanza.
 
Mohamed, un lavoratore in un caffè Starbucks a Beirut è determinato:
 
“Questo è terribile ma è giunto il momento. Non ne possiamo più. Dobbiamo cambiare il Paese, drasticamente. Questa volta le cose sono diverse. Non su chi adoriamo ma sulla nostra vita quotidiana. "
 
Il Libano, rispetto ad altri paesi spudoratamente capitalisti, è ben istruito. Le persone qui non possono essere ingannate.
 
La ribellione contro le élite è appena iniziata. Le persone vogliono riprendersi il loro paese.
 
*
 
[First published by NEO – New Eastern Outlook – a journal of the Russian Academy of Sciences]
 
Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Four of his latest books are China and Ecological Civilization with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon
 
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa