Blocchi stradali e cortei in tutta la Germania: migliaia di agricoltori in protesta contro il governo

Blocchi stradali e cortei in tutta la Germania: migliaia di agricoltori in protesta contro il governo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Gli agricoltori tedeschi hanno iniziato lunedì una settimana di proteste in tutto il Paese. Le manifestazioni, a cui partecipano migliaia di lavoratori del settore agricolo, mirano a esprimere il malcontento per la politica del governo federale. 

Sui social media circolano immagini di trattori e camion, alcuni dei quali con striscioni di protesta, che bloccano le strade principali del Paese e causano ingorghi. Centinaia di veicoli si sono già radunati davanti alla Porta di Brandeburgo a Berlino. 

Nel frattempo, nello Stato della Sassonia, gli accessi alle autostrade sono stati interrotti e numerosi incroci sono stati bloccati. Secondo la polizia, 1.000 veicoli agricoli sono già concentrati in un distretto dello Stato. Anche nel Brandeburgo sono state bloccate le strade di accesso a quasi tutte le autostrade. La polizia di Monaco riferisce che circa 5.500 trattori si stanno dirigendo verso il centro della capitale bavarese da varie direzioni.


I motivi delle proteste antigovernative

A scatenare le proteste a livello nazionale è stata l'intenzione delle autorità di abolire i sussidi all'agricoltura dopo che il governo del cancelliere Olaf Scholz ha approvato un pacchetto di misure per combattere il deficit multimiliardario del bilancio federale.  .

Le manifestazioni continueranno fino al completo ritiro delle proposte. Allo stesso tempo, la scorsa settimana il governo federale ha apportato un'importante modifica ai suoi piani, eliminando l'esenzione dalla tassa sui veicoli a motore. Le esenzioni fiscali sul gasolio, invece, saranno eliminate gradualmente per dare alle imprese interessate più tempo per adattarsi. Un taglio del 40% sarà attuato quest'anno, seguito da tagli del 30% nel 2025 e nel 2026.


Nonostante ciò, l'Associazione tedesca degli agricoltori (DBV) promette di continuare le proteste finché il governo non abbandonerà completamente le misure.

Gli agricoltori sottolineano che alcuni dei tagli previsti ai sussidi comporteranno una perdita di reddito inaccettabile e che non ci possono essere "compromessi" su questo tema.


Le azioni si concluderanno il 15 gennaio e culmineranno in una manifestazione di massa nella capitale.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti