Bloomberg: almeno 18 milioni di barili di greggio sono bloccati nelle acque territoriali turche

Bloomberg: almeno 18 milioni di barili di greggio sono bloccati nelle acque territoriali turche

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Almeno 20 petroliere, che trasportavano circa 18 milioni di barili di greggio, sono rimaste bloccate nelle acque territoriali turche da quando vari paesi hanno imposto un prezzo massimo al petrolio russo, secondo quanto riferisce Bloomberg.

Secondo l'agenzia, tutte tranne una di queste navi trasportano petrolio dal Kazakistan, hanno lasciato i porti russi. Una delle petroliere trasporta circa un milione di barili di greggio russo tipo Urals diretto in India. 

Le petroliere in attesa stanno navigando in molte parti del mondo, ma la maggior parte è destinata all'Europa, che ha posto forti restrizioni all'acquisto di greggio russo trasportato via mare, pur consentendo l'importazione di petrolio kazako spedito da un terminal nella costa russa del Mar Nero,secondo quanto indica il portale.

Pertanto, la Turchia, temendo di violare limite di prezzo, ha richiesto nuove lettere di assicurazione del carico dai vettori, scrive Bloomberg. Da parte loro, le compagnie assicurative insistono di non poter fornire tali lettere in questo momento.

Il prezzo massimo non si applica al petrolio del Kazakistan, ma Ankara preferisce prestare attenzione poiché queste navi cisterna partono dai porti russi, precisa il media statunitense.

Venerdì scorso, il Gruppo dei Sette, insieme all'UE e all’Australia, ha concordato di imporre un tetto massimo di 60 dollari al barile al prezzo del petrolio russo. Il price cap vieta alle compagnie di fornire servizi quali assicurazioni, intermediazione e assistenza finanziaria, necessari per trasportare il petrolio in qualsiasi parte del mondo, a meno che, nel caso del greggio russo, non venga venduto al di sotto della soglia concordata.

In questo contesto, il viceministro degli Esteri russo, Sergei Riabkov, ha affermato che gli Stati Uniti ed i loro alleati in Europa stanno solo danneggiando sé stessi volendo imporre questo limite. "Gli Stati Uniti, ricorrendo a questo tipo di inganni e trascinando i propri alleati in Europa sotto le loro decisioni, stanno tagliando il ramo su cui si siedono", ha avvertito. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti