/ Boeri vuole 10 milioni di migranti per trattarli come schiavi a v...

Boeri vuole 10 milioni di migranti per trattarli come schiavi a vantaggio del Capitale Finanziario

 


di Giuseppe Masala*

Davvero l'intervista a Boeri dalla Annunziata è qualcosa che fa gelare il sangue: secondo questo signore l'Italia dovrebbe importare fino a 10 milioni di migranti per consentire ai conti dell'INPS di essere sostenibili. 
A me pare una logica delirante: che senso ha importare milioni di persone dall'Africa quando hai qui il 10% di disoccupazione, non si sa quanti scoraggiati e quanti sottoccupati? Non si capisce, perché in Italia è già difficile trovare qualcosa per gli italiani figuriamoci per delle persone analfabete e non parlanti la lingua italiana (lasciamo poi perdere le diversità culturali). Sempre che l'obbiettivo reale non sia un altro: obbligare queste persone a fare lavori al nero, a salari improponibili e accettando condizioni di vita terrificanti per tenere sotto controllo i prezzi. In altri termini, vuoi rifornire il mercato di pomodori a 2 euro al Kg? Bene, allora devono lavorare persone in condizioni spaventose. Tout se tient in un mondo dove l'unica cosa che conta è il Capitale Finanziario: abbattere il suo principale nemico - l'inflazione - vale bene qualunque compromesso anche etico. 

Poi il problema sociale dovuto all'innesco di una terribile guerra tra poveri non si vede dagli attici dei Parioli o di Brera.
E' un problema tra poveri: semplice bestiame di etnia diversa. Ed è inutile nascondere questa lotta all'inflazione dietro l'obbligo di importare persone perché ci stiamo estinguendo. Qui si fa la furbizia di confondere cause ed effetti: semmai è vero il contrario, ci stiamo estinguendo perché le condizioni di lavoro e salario non consentono ai giovani di farsi una famiglia. 

E pure dietro a questo fantomatico trattato ONU #GlobalCompact sull'immigrazione è funzionale allo scopo antinflattivo. permettere migrazioni epocali per avere manodopera a basso costo. Tenere l'inflazione bassa val bene una guerra tra poveri e l'insorgenza di forme di fascismo e razzismo. Poi a quel punto è facile mascherare questa verità dietro supposte motivazioni umanitarie. L'unica cosa davvero umanitaria che l'ONU dovrebbe sostenere è l'autodeterminazione dei popoli non il diritto alla fuga da un posto dove non ci si può autodeterminare per finire in un altro posto dove non ci si può autodeterminare.

*post Facebook del 02/12/2018
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa