/ Bolivia, la persecuzione golpista minaccia il Congresso

Bolivia, la persecuzione golpista minaccia il Congresso

 


di Marco Teruggi - Pagina|12
 

La minaccia in Bolivia ora punta il potere legislativo. Il ministro del governo di fatto, Arturo Murillo, nominato dall'autoproclamata Jeanine Añez, ha annunciato che ci sono senatori e deputati "che stanno facendo sovversione" e che i loro nomi saranno resi pubblici.

 

La persecuzione includerebbe anche i pubblici ministeri che sono già stati convocati a tale scopo, ha denunciato la deputata Sonia Brito, del Movimento per il Socialismo (MAS) che detiene la maggioranza e le presidenze in entrambe le Camere.

 

Le dichiarazioni di Murillo arrivano per rafforzare la situazione di persecuzione in Bolivia. In effetti, aveva annunciato che stava iniziando una "caccia" contro tre ex funzionari del governo, e il ministro delle comunicazioni, Rosana Lizárraga, aveva denunciato e minacciato i giornalisti per sedizione.

 

Questo quadro è rafforzato dal decreto che che esonera i militari che partecipano alle operazioni "per ripristinare l'ordine" dalla responsabilità penale. Tale decisione è stata sostenuta dal ministro della Difesa, Fernando López, il quale ha affermato che è dovuto all'esistenza di "gruppi armati sovversivi" e "gruppi stranieri armati" con "armi pesanti".

 

Con queste dichiarazioni Lopez ha voluto rispondere alle critiche della Commissione interamericana per i diritti umani, che ha messo in dubbio il "grave decreto" che “disconosce le norme internazionali sui diritti umani" e "stimola la repressione violenta".

 

L’insieme delle minacce formalizza un quadro di persecuzioni e omicidi iniziati prima delle dimissioni forzate del presidente Evo Morales e del vicepresidente Álvaro García Linera. In effetti, giorni prima del colpo di Stato, c'erano già stati incendi nelle case, rapimenti di famiglie e minacce dirette a deputati, governatori e leader del MAS.

 

24 persone sono già state uccise in Bolivia in 5 giorni. Il rapporto è stato presentato dalla Defensoría del Pueblo e ratificato da Morales, che ha richiesto “al governo di fatto di Añez, Mesa e Camacho di identificare gli autori intellettuali e materiali", e ha denunciato alla comunità internazionale "questi crimini contro l'umanità che non devono rimanere impuniti”.

 

In tale contesto, ha avuto luogo l'incontro dell'ambasciatore dell'Unione europea (UE), León de la Torre con l'autoproclamata Añez. Il facilitatore ha affermato che l'UE si offre affinché "la Bolivia possa tenere elezioni credibili il più presto possibile" e ha affermato che sosterrà il "periodo di transizione".

 

Le dichiarazioni del facilitatore dell'UE coincidono con quelle dell'inviato delle Nazioni Unite, Jean Arnault, che si è offerto come mediatore per parlare con "tutti i leader e gli attori" per "pacificare" e convocare "elezioni libere".

 

L'autoproclamata Añez ha anche brevemente fatto riferimento alla questione elettorale: "presto daremo notizie sul nostro mandato principale, la richiesta di elezioni trasparenti e il recupero della credibilità democratica del nostro paese".

 

La mancanza di chiarezza riguardo alle elezioni coincide con il processo di attacco al potere legislativo annunciato da Murillo. In effetti, il governo di fatto si scontra con la difficoltà che questo potere sia nelle mani della maggioranza del MAS, e la sua approvazione è necessaria per raggiungere un passo importante: la nomina di nuove autorità del Tribunale Supremo Elettorale, per poi convocare le elezioni.

 

Coloro che guidano il colpo di Stato si trovano di fronte a una decisione da prendere: tentare un accordo con il blocco del MAS per raggiungere l’elezione delle autorità elettorali e le nuove elezioni o avanzare sul potere legislativo. Quella seconda opzione è quella che è stata imposta con le dichiarazioni di Murillo, in quella che è una strategia di persecuzione contro deputati e senatori per forzare una decisione a favore del piano del governo di fatto.

 

Le minacce si realizzano all’interno del quadro che concede licenza di uccidere, impunità nel farlo, rottura dello stato di diritto, 24 morti, centinaia di feriti, e la protezione mediatica del grandi media che, in forma compiacente, negano l'esistenza di un colpo di stato Stato in Bolivia. 

 

Questo scenario non ha fermato le massicce proteste sociali che hanno avuto luogo in diverse parti del Paese, così come quelle che sono già state annunciate. Così, per esempio, a Sacaba ha avuto luogo un massacro in cui furono uccise nove persone durante la repressione e si è deciso di chiedere "le dimissioni dell'autoproclamata presidente di fatto Jeanine Añez entro 48 ore".

 

Nel municipio è stata anche approvata la richiesta di "ritiro immediato delle forze armate", nonché ‘”l’approvazione di una legge da parte dell'Assemblea Legislativa Plurinazionale che garantisca le elezioni nazionali entro un periodo di novanta giorni".

 

A El Alto anche c’è stata una massiccia protesta, una delle più complesse da affrontare per il governo di fatto: il blocco dell'accesso all'impianto boliviano di giacimenti petroliferi, a Senkata, dove escono benzina e gas liquefatto. Questa azione ha generato difficoltà di approvvigionamento nella città di La Paz, che è in uno stato di profonda anomalia da più di una settimana.

 

Quindi, dopo una settimana dalle dimissioni di Morales e García Linera, la Bolivia si trova in uno scenario di tre fronti: la persecuzione golpista in ciascuno dei livelli politico e sociale, la domanda su cosa accadrà nel potere legislativo e una situazione di crescenti rivolte contro il colpo di Stato. L'uscita elettorale, che sembra essere l'unico punto condiviso, sembra ancora problematica.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa