Caitlin Johnstone - Nuove prove sul sabotaggio dell'Occidente per la pace in Ucraina

Caitlin Johnstone - Nuove prove sul sabotaggio dell'Occidente per la pace in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Caitlin Johnstone


Alcuni giorni dopo l'inizio della guerra in Ucraina, il New York Times aveva riferito che "il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto al primo ministro israeliano, Naftali Bennett, di mediare i negoziati a Gerusalemme tra Ucraina e Russia". In una recente intervista, Bennett ha fatto alcuni commenti molto interessanti su ciò che è accaduto durante quei negoziati nei primi giorni della guerra.

In un nuovo articolo intitolato "L'ex primo ministro israeliano Bennett afferma che gli Stati Uniti hanno 'bloccato' i suoi tentativi di un accordo di pace tra Russia e Ucraina ", Dave DeCamp di Antiwar scrive quanto segue:

L'ex primo ministro israeliano Naftali Bennett ha dichiarato sabato in un'intervista pubblicata sul suo canale YouTube che gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno "bloccato" i suoi sforzi di mediazione tra Russia e Ucraina per porre fine alla guerra nei suoi primi giorni.

Il 4 marzo 2022, Bennett si è recato in Russia per incontrare il presidente Vladimir Putin. Nell'intervista, ha dettagliato la sua mediazione all'epoca tra Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, dicendo di averla coordinata con Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito.

Bennett ha affermato che entrambe le parti hanno accettato importanti concessioni durante il suo sforzo di mediazione.

Ma alla fine, i leader occidentali si opposero agli sforzi di Bennet. “Lo dico in senso lato. Penso che ci sia stata una decisione legittima da parte dell'Occidente di continuare a colpire Putin e non [negoziare]", ha detto Bennett.

Alla domanda se le potenze occidentali “hanno bloccato” gli sforzi di mediazione, Bennet ha risposto: “Fondamentalmente sì. L'hanno bloccato e ho pensato che si sbagliassero.

 


Bennett sostiene che le concessioni che ciascuna parte era disposta a fare includevano la rinuncia alla futura adesione alla NATO per l'Ucraina e, da parte della Russia, l'abbandono degli obiettivi della "denazificazione" e del disarmo ucraino. Come osserva DeCamp, ciò corrisponde a un reportage di Axios dell'inizio di marzo dove “secondo i funzionari israeliani, la proposta di Putin è difficile da accettare per Zelensky, ma non così estrema come avevano previsto. Hanno detto che la proposta non include il regime change a Kiev e consente all'Ucraina di mantenere la sua sovranità".

Bennett è un personaggio sgradevole più di quanto esiste oggi nel mondo, ma il complicato rapporto di Israele con questa guerra si presta al rilascio occasionale di informazioni non del tutto in linea con la linea imperiale ufficiale. E i suoi commenti qui si aggiungono solo a un mucchio di informazioni che escono da mesi che dicono la stessa cosa, non solo per quanto riguarda il sabotaggio dei colloqui di pace di marzo ma anche di aprile.

Nel maggio dello scorso anno i media ucraini avevano riferito che l'allora primo ministro britannico Boris Johnson era volato a Kiev il mese precedente per trasmettere il messaggio a nome dell'impero occidentale che "Putin è un criminale di guerra, dovrebbe essere messo sotto pressione, nessun negoziato con chicchessia” e che “anche se l'Ucraina è pronta a firmare alcuni accordi sulle garanzie con Putin, non lo sono”.

Nell'aprile dello scorso anno, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu aveva affermato  che "ci sono quelli all'interno degli Stati membri della NATO che vogliono che la guerra continui, che la guerra continui e che la Russia si indebolisca". Poco dopo, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin aveva ribadito che l'obiettivo in Ucraina è "vedere la Russia indebolita".

 

Un articolo di settembre sugli affari esteri di Fiona Hill ricordava che nell'aprile dello scorso anno era in corso un accordo di pace tra Mosca e Kiev, che presumibilmente sarebbe stato l'accordo che Johnson e altri sono stati in grado di sabotare:

Secondo diversi ex alti funzionari statunitensi con cui abbiamo parlato, nell'aprile 2022, i negoziatori russi e ucraini sembravano aver concordato provvisoriamente i contorni di un accordo provvisorio negoziato: la Russia si sarebbe ritirata sulla sua posizione il 23 febbraio, quando controllava parte del Donbass regione e tutta la Crimea, e in cambio l'Ucraina prometterebbe di non cercare l'adesione alla NATO e invece di ricevere garanzie di sicurezza da un certo numero di paesi.

Nel marzo dello scorso anno Niall Ferguson di Bloomberg ha riferito che fonti nei governi degli Stati Uniti e del Regno Unito gli avevano detto che il vero obiettivo delle potenze occidentali in questo conflitto non è negoziare la pace o porre fine rapidamente alla guerra, ma prolungarla per "dissanguare Putin" e ottenere un regime change a Mosca. Ferguson ha scritto di essere giunto alla conclusione che "gli Stati Uniti intendono continuare questa guerra", e sosteneva di avere altre fonti che lo confermano:

“L'unica fine del gioco ora”, è stato sentito dire da un alto funzionario dell'amministrazione in un evento privato all'inizio di questo mese, “è la fine del regime di Putin. Fino ad allora, per tutto il tempo in cui Putin rimarrà, [la Russia] sarà uno stato paria che non sarà mai accolto di nuovo nella comunità delle nazioni. La Cina ha commesso un errore enorme nel pensare che Putin se la caverà. Vedere la Russia tagliata fuori non sembrerà un buon vettore e dovranno rivalutare l'asse sino-russo. Tutto questo per dire che la democrazia e l'Occidente potrebbero guardare indietro a questo come a un momento cruciale di rafforzamento".

Mi sembra di capire che figure britanniche di alto livello stiano parlando in termini simili. C'è la convinzione che "l'opzione n. 1 del Regno Unito sia l'estensione del conflitto e quindi il sanguinamento di Putin". Ancora e ancora, sento un tale linguaggio. Aiuta a spiegare, tra le altre cose, la mancanza di qualsiasi sforzo diplomatico da parte degli Stati Uniti per garantire un cessate il fuoco. Spiega anche la disponibilità del presidente Joe Biden a definire Putin un criminale di guerra.

Tutto questo nel suo insieme conferma pesantemente l' affermazione fatta da Vladimir Putin lo scorso settembre secondo cui Russia e Ucraina erano state sull'orlo della pace poco dopo l'inizio della guerra, ma le potenze occidentali hanno ordinato a Kiev di "rovinare" i negoziati.

"Dopo l'inizio dell'operazione militare speciale, in particolare dopo i colloqui di Istanbul, i rappresentanti di Kiev hanno espresso una risposta piuttosto positiva alle nostre proposte", aveva dichiarato Putin. “Queste proposte riguardavano soprattutto garantire la sicurezza e gli interessi della Russia. Ma un accordo pacifico ovviamente non si addiceva all'Occidente, motivo per cui, dopo che alcuni compromessi furono coordinati, a Kiev fu effettivamente ordinato di rescindere tutti questi accordi".

 

 

Mese dopo mese è stato riferito che i diplomatici statunitensi si sono fermamente rifiutati di impegnarsi nella diplomazia con la Russia per aiutare a porre fine a questa guerra, un rifiuto imperdonabile che avrebbe senso solo se gli Stati Uniti volessero che questa guerra continuasse. E i commenti dei funzionari statunitensi chiariscono continuamente che è così.

Nel marzo dello scorso anno lo stesso presidente Biden ha riconosciuto qual è il vero gioco  qui con un appello aperto al regime change, dicendo di Putin: "Per l'amor di Dio, quest'uomo non può rimanere al potere". Le dichiarazioni  dell'amministrazione Biden  indicano infatti che si aspettano che questa guerra si  trascini a lungo, rendendo abbondantemente chiaro che una rapida fine per ridurre al minimo la morte e la distruzione non è solo poco interessante ma indesiderabile per l'impero statunitense.

I funzionari statunitensi stanno diventando sempre più aperti sul fatto che vedono questa guerra come qualcosa che serve i loro obiettivi strategici, il che ovviamente contraddirebbe la narrazione ufficiale secondo cui l'impero occidentale non voleva questa guerra e la finzione infantile che l'invasione della Russia fosse " non provocato”. Esempi recenti di ciò includerebbero il discorso del leader della minoranza al Senato Mitch McConnell prima della visita di Zelensky a Washington a dicembre.

"Il presidente Zelensky è un leader stimolante",  aveva detto McConnell  nel suo discorso prima della visita del presidente ucraino a Washington. “Ma le ragioni più basilari per continuare ad aiutare l'Ucraina a degradare e sconfiggere gli invasori russi sono gli interessi americani freddi, duri e pratici. Aiutare ad equipaggiare i nostri amici dell'Europa orientale per vincere questa guerra è anche un investimento diretto nella riduzione delle future capacità di Vladimir Putin di minacciare l'America, minacciare i nostri alleati e contestare i nostri interessi fondamentali".

Nel maggio dello scorso anno il membro del Congresso Dan Crenshaw  aveva scritto su Twitter  che "investire nella distruzione dell'esercito del nostro avversario, senza perdere una sola truppa americana, mi sembra una buona idea".

In effetti, un rapporto del Center for European Policy Analysis , finanziato dall'impero, intitolato "Sta costando noccioline agli Stati Uniti sconfiggere la Russia" afferma che "la spesa degli Stati Uniti del 5,6% del suo budget per la difesa per distruggere quasi la metà della capacità militare convenzionale della Russia sembra un investimento assolutamente incredibile.”

 

Nel maggio dello scorso anno il senatore americano Joe Manchin  aveva dichiarato al World Economic Forum  di opporsi a qualsiasi tipo di accordo di pace tra Ucraina e Russia, preferendo invece usare il conflitto per danneggiare gli interessi russi e, si spera, rimuovere Putin.

“Sono totalmente impegnato, come persona, a vedere l'Ucraina fino alla fine con una vittoria, non fondamentalmente con una sorta di trattato; Non penso che sia dove siamo e dove dovremmo essere",  aveva detto Manchin .

"Intendo sostanzialmente riportare Putin in Russia e, si spera, sbarazzarsi di Putin", aveva aggiunto Manchin quando gli è stato chiesto cosa intendesse per vittoria dell'Ucraina.

"Credo fermamente di non aver mai visto, e le persone con cui parlo strategicamente non hanno mai visto, un'opportunità in più di questa, per fare ciò che deve essere fatto", ha  precisato in seguito Manchin.

Poi ci sono funzionari statunitensi che dicono alla stampa che intendono usare questa guerra per danneggiare gli interessi russi sui combustibili fossili, "con l'obiettivo a lungo termine di distruggere il ruolo centrale del paese nell'economia energetica globale", secondo il New York Times. Hai anche il fatto che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non può smettere di parlare di quanto sia fantastico che gli oleodotti Nord Stream della Russia siano stati sabotati nel settembre dello scorso anno, con il Segretario di Stato Antony Blinken che aveva ricordato come l'attentato al Nord Stream "offre enormi possibilità strategiche opportunità" e il sottosegretario di Stato per gli affari politici Victoria Nuland affermando che l'amministrazione Biden è "molto gratificata di sapere che il Nord Stream 2 è ora, come ti piace dire, un pezzo di metallo in fondo al mare".

L'impero USA sta ottenendo tutto ciò che vuole da questa guerra per procura. Ecco perché ha consapevolmente provocato questa guerra , ecco perché ha ripetutamente sabotato lo scoppio della pace dopo lo scoppio della guerra, ed ecco perché questa guerra per procura non ha una strategia di uscit . L'impero sta ottenendo tutto ciò che vuole da questa guerra; quindi, perché non dovrebbe fare tutto ciò che è in suo potere per ostacolare la pace? 

Voglio dire, oltre all'ovvia e imperdonabile depravazione di tutto ciò, ovviamente. All'impero è sempre andato bene rompere qualche centinaio di migliaia di uova umane per cucinare la frittata imperiale. È insondabilmente, imperdonabilmente malvagio, però, e dovrebbe indignare tutti.

 

Il neoliberismo e l'idea di giustizia di Francesco Erspamer  Il neoliberismo e l'idea di giustizia

Il neoliberismo e l'idea di giustizia

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale di Paolo Desogus La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino di Alberto Fazolo Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino

Il nonno di Elly Schlein e il nazionalismo ucraino

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota" di Antonio Di Siena La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione! di Gilberto Trombetta La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

"Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati di Michelangelo Severgnini "Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati

"Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati

La "guerra al salario" e l'ammissione della BCE di Pasquale Cicalese La "guerra al salario" e l'ammissione della BCE

La "guerra al salario" e l'ammissione della BCE

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California! di  Leo Essen Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

La Cgil dal consociativismo al governismo di Paolo Pioppi La Cgil dal consociativismo al governismo

La Cgil dal consociativismo al governismo

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina di Damiano Mazzotti Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina