Cambio di rotta? Il FMI sostiene la riduzione della disuguaglianza aumentando le tasse sui più ricchi

Cambio di rotta? Il FMI sostiene la riduzione della disuguaglianza aumentando le tasse sui più ricchi

In un articolo firmato dalla direttrice dell'agenzia si ritiene che questa misura potrebbe essere applicata "senza sacrificare la crescita economica"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La direttrice del Fondo monetario internazionale (FMI), Kristalina Georgieva, ha pubblicato un articolo nel quale avverte la necessità di  affrontare il problema della disuguaglianza nel campo dell'economia globale e dove difende, tra le altre misure, un riforma fiscale che includa un aumento delle tasse "al vertice della distribuzione del reddito".


 
Georgieva afferma nella sua lettera, intitolata "Ridurre le disuguaglianze per creare opportunità" e disponibile sul sito web del FMI, che "nonostante le difficoltà politiche di attuare le riforme , ne vale la pena per i suoi risultati nella crescita e nella produttività".
 
In questo senso, afferma che "la  disuguaglianza  di opportunità, tra generazioni , tra donne e uomini  e, naturalmente, la disuguaglianza di reddito e ricchezza " costituisce una realtà che colpisce varie regioni del mondo e rappresenta una delle " sfide più problematiche nell'economia globale ". "La buona notizia è che abbiamo gli strumenti per affrontare questi problemi , purché abbiamo la volontà di farlo", ha spiegato Georgieva.
 

 
Il capo del FMI è a sua volta convinto che un eventuale aumento delle imposte ai redditi più elevati possa essere realizzato "senza sacrificare la crescita economica" e nell'ambito di una più ampia riforma fiscale, incentrata sulla progressività , nella lotta contro la corruzione  e nella dedizione della spesa sociale alla ricerca di soluzioni nelle diverse fonti di disuguaglianza.
 
L'approccio espresso nel testo di Georgieva suggerisce un sorprendente cambio di posizione da parte del FMI, che negli ultimi dieci anni ha apertamente sostenuto strategie economiche basate sull'austerità e sui tagli di bilancio - con un impatto speciale sulla spesa sociale - nei paesi più colpiti dalla recessione economica.
 
In ogni caso, sebbene questa proposta di aumento della spesa sociale come misura per combattere la disuguaglianza possa essere considerata una novità, la  sua proposta di aumentare le tasse ai redditi più elevati ha almeno un precedente: il  suo direttore degli affari monetari, il portoghese Vítor Gaspar ha già sostenuto questa posizione nel 2017, riferendosi a questo aumento della pressione fiscale per i più ricchi come "componente chiave per una ridistribuzione più efficace" della ricchezza, sottolineando inoltre che la misura non ridurrebbe la crescita.
 
 
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti