Cansu Oba (Partito Comunista Turco TKP): “Il partito curdo ormai lavora per la Nato. Erdogan un autocrate imprevedibile anche per la Russia”

Cansu Oba (Partito Comunista Turco TKP): “Il partito curdo ormai lavora per la Nato. Erdogan un autocrate imprevedibile anche per la Russia”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Michelangelo Severgnini

A oltre un mese dalle elezioni turche, le cui previsioni senza troppa sorpresa erano state ancora una volta clamorosamente sbagliate in Europa, sono rimaste alcune questioni sospese per aria che abbiamo voluto chiarire con Cansu Oba, membro del Comitato centrale del TKP.

Tra queste la scelta anche dei comunisti turchi di sostenere lo sfidante Kilicdaroglu (perlomeno al ballottaggio), la funzione del partito curdo HDP, unilateralmente percepito come “di sinistra” in Europa, ma non esattamente così percepito in Turchia, il calo di consensi vero o presunto di Erdogan e le infiltrazioni occidentali nell’opposizione turca.

Le risposte che abbiamo ricevuto non lasciano margine ad interpretazione. Come le ultime mosse di questi giorni dimostrano, Erdogan è tutt’altro che una spina nel fianco dell’Occidente e un partner fedele della Russia, quanto piuttosto un autocrate autoritario e imprevedibile. 



Negli ultimi mesi prima del voto, la stampa europea aveva dato la percezione che la sconfitta di Erdogan alle elezioni presidenziali fosse possibile. Questa percezione era diffusa anche in Turchia? Su quali elementi si basava questa percezione?

L'idea che Erdogan sarebbe stato sconfitto alle ultime elezioni era diffusa anche in Turchia. E non si trattava di un'illusione. Durante i 21 anni di governo dell'AKP, i segnali che l'AKP ed Erdogan potessero andarsene non sono mai stati così chiari.

Il fatto che la resistenza sociale contro l'AKP e Erdogan continui senza sosta, anche se di tanto in tanto si indebolisce o si stanca, costituisce la base sociale su cui si fonda questa aspettativa. L'impoverimento e il costo della vita, che si sono aggiunti ad anni di politiche anti-popolo, soprattutto dal 2018, e l'immagine di un governo che ha lasciato morire i suoi cittadini con il terremoto del 6 febbraio, avevano il potenziale per mettere l'AKP in una situazione di grave difficoltà.

D'altra parte, anche il ritiro del sostegno a Erdogan da parte delle potenze occidentali è stato ampiamente discusso durante questo periodo e ha rafforzato l'aspettativa che Erdogan se ne andasse. È evidente che l'AKP ha sfruttato a lungo le contraddizioni del sistema imperialista per crearsi un relativo spazio di movimento. Questa situazione ha creato un Erdogan che è diventato più difficile da controllare per l'imperialismo statunitense. Per questo motivo, la creazione di un'alternativa al potere più controllabile che preservi le stesse preferenze di classe è da tempo nell'agenda delle potenze occidentali. Tuttavia, nonostante la ricerca di un'alternativa, non c'è stata alcuna prova concreta che l'Occidente abbia completamente rinunciato a Erdogan. In fin dei conti, l'alternativa emersa, l'Alleanza del Miglio, con la sua mancanza di coesione interna, non poteva diventare il primo indirizzo di stabilità in termini di investimenti regionali che la classe capitalista turca aveva già assaggiato. Milioni di lavoratori poveri, che avrebbero potuto staccarsi dall'AKP, hanno preferito rimanere sotto la protezione dell'AKP perché non hanno trovato nel programma dell'opposizione una risposta alla loro ricerca di stabilità e fiducia.

Come già sapete, la vittoria di Erdogan non è stata una grande sorpresa. Qualche tempo prima delle elezioni, i media occidentali hanno iniziato a fare analisi sulla possibilità che Erdogan potesse vincere di nuovo.



Si è appena celebrato l'anniversario della protesta di Gezi, che ha coinciso con il secondo turno delle ultime elezioni. Cosa ha lasciato oggi quella protesta nell'opposizione a Erdogan? Quali lezioni non ha ancora insegnato quella protesta?

Abbiamo celebrato il decimo anniversario della resistenza di Gezi in uno dei momenti in cui avevamo più bisogno di ricordare Gezi. Il significato più importante della resistenza di Gezi è stato che il popolo ha ripreso in mano le redini della situazione. Contro gli interventi di Erdogan nella vita sociale e il suo disprezzo per la legge, il popolo ha vissuto un grande scoppio di rabbia e si è alzato in piedi. Oltre al lato libertario di questa rivolta, il suo carattere laico e patriottico era in primo piano. 

Il peso dei risultati elettorali del 28 maggio, che avrebbe potuto significare la disperazione assoluta per il segmento sociale anti-AKP, poteva essere alleviato solo dal popolo che ricordava il proprio potere. Ed è stata una buona coincidenza commemorare la resistenza di Gezi proprio in questo momento, quando il nostro popolo ha dimostrato la volontà di prendere in mano il proprio destino. L'azione organizzata dal TKP nel luogo in cui è iniziata la resistenza è stata accolta con grande entusiasmo. 

Questa eccitazione è legata alla continua eredità di Gezi. Dal 2013, la politica borghese ha compiuto grandi sforzi per far dimenticare Gezi e persino per vendicarlo. La rabbia del popolo di 10 anni fa non è evaporata, ma è stata ripetutamente richiamata alle elezioni dall'opposizione borghese. I modi diversi dalle urne per dire "basta" al potere politico sono stati ampiamente dimenticati. Ogni successivo successo elettorale dell'AKP ha ulteriormente danneggiato la fiducia del popolo in se stesso. Nonostante ciò, la resistenza anti-AKP, illuminata e indipendente, non si è trasformata in nostalgia. Queste sensibilità, che si sono manifestate con forza a Gezi, forniscono dati importanti sul carattere della resistenza sociale in Turchia, ancora validi.

Ciò che Gezi ha insegnato e ciò che non ha insegnato è proprio legato a questo punto. Tutti gli attori dell'opposizione che pretendono di porre fine al dominio dell'AKP, ma che voltano le spalle a questo carattere, finora non hanno avuto successo. Il fallimento dell'opposizione nelle recenti elezioni dovrebbe essere considerato in questa prospettiva.

 


Il grande dilemma della sinistra europea, a cui non sfugge la sinistra turca, è quello di trovare una dimensione all'interno di un ordine internazionale, quello della NATO, esplicitamente votato al dominio militare, come dimostra l'espansione a est degli ultimi 30 anni. Al punto che sta diventando una sorta di ipnosi, rendendo la sinistra europea incapace di proiettarsi nel prossimo futuro al di fuori dell'Alleanza Atlantica. Questa malattia è diffusa anche nella sinistra turca?

In particolare negli ultimi 30 anni, una parte della sinistra turca ha agito partendo dal presupposto che l'attuale ordine mondiale non cambierà radicalmente nel breve o medio termine, nella misura in cui ha abbandonato il proprio scopo di esistenza. E ha preso posizione accettando i saldi attuali come dati.

L'abbandono della sua ragion d'essere, ovvero la realizzazione della rivoluzione socialista, ha significato la perdita della sua posizione indipendente sotto molti aspetti. Perché allontanarsi dall'idea di essere il soggetto di una trasformazione rivoluzionaria significava fare politica all'ombra di altri attori che, pur non essendo rivoluzionari, si riteneva fossero in grado di operare una trasformazione sociale.

L'opposizione della Turchia all'imperialismo e agli Stati Uniti ha forti riferimenti storici. Da un lato, risale alla lotta per l'indipendenza contro le potenze imperialiste nell'immediato dopoguerra, culminata nella fondazione della Repubblica. L'altro lato è legato al carattere patriottico del nascente movimento socialista degli anni Sessanta. Tutto ciò rende difficile per la sinistra cadere facilmente nella sfera d'influenza dell'alleanza atlantica. Tuttavia, possiamo dire che il sostegno all'Unione Europea è diventato una minaccia significativa soprattutto negli anni '90 e 2000. 

A questo proposito, negli ultimi anni si è assistito a una lotta ideologica molto critica all'interno della sinistra turca. A seguito di questa lotta, condotta dal TKP, possiamo dire che laicità, indipendenza e statalismo sono diventati i punti di riferimento della sinistra. 

Naturalmente, tra l'"opposizione" turca ci sono voci che ritengono che l'Occidente e la NATO siano i garanti della sicurezza, della libertà e della democrazia e che non sia possibile né giusto abbandonare questa linea. Ma queste voci hanno perso da tempo il loro carattere di parte della sinistra turca.



La questione curda, come sappiamo, gioca sempre un ruolo importante nelle dinamiche politiche turche. Salahettin Demirta?, leader dell'HDP, è in carcere da sette anni. Abdullah Ocalan non parla dalla primavera del 2015, il che significa che da allora non gli è stato permesso di rilasciare dichiarazioni dal carcere. Tuttavia, nelle sue ultime dichiarazioni aveva indicato la via pacifica e parlamentare come linea politica del PKK, poi disattesa nella pratica dai leader del Qandil. Pensa che la nuova militarizzazione della lotta curda che ne è seguita, spesso con il sostegno della NATO, abbia avuto una funzione positiva per l'opposizione turca?

Dobbiamo chiarire cosa intendiamo per opposizione in Turchia. Se parliamo dell'opposizione in Turchia in senso lato, sembra possibile scrivere come denominatore comune l'opposizione all'AKP e a Erdogan. Tuttavia, esistono posizioni di classe, posizioni ideologiche e preferenze politiche diverse. Inoltre, sebbene il TKP sembri far parte di questa ampia opposizione in termini di opposizione all'AKP, si definisce non come un partito di opposizione ma come un partito rivoluzionario che mira al potere. In questo senso, sembra più appropriato rispondere a questa domanda a nome dei comunisti che guardano alla questione dal punto di vista degli interessi della classe operaia piuttosto che di un astratto blocco di opposizione.  

Tuttavia, fare una valutazione del movimento curdo richiede cautela perché stiamo parlando di un movimento che negozia con molteplici attori nazionali e internazionali allo stesso tempo e il cui terreno di lotta è intrecciato con le dinamiche regionali e internazionali. Ha le sue tensioni interne. Inoltre, è un movimento che agisce in modo molto pragmatico a causa della natura del suo carattere nazionale. Come lei ha sottolineato, le relazioni con gli Stati Uniti e la NATO sono note. Inoltre, queste relazioni non consistono solo in aiuti militari. Hanno un riflesso diretto sulla linea politica dell'HDP. I rappresentanti dell'HDP visitano gli Stati Uniti, fanno riferimento all'Occidente nel loro programma sui diritti umani ed evitano accuratamente qualsiasi impegno anti-NATO. Vi è anche un atteggiamento ambivalente in termini di relazioni con l'AKP. In più di un'occasione, l'HDP e i partiti che gli sono succeduti hanno rappresentato un'ancora di salvezza per l'AKP nei momenti più difficili, non rifiutando mai nessun progetto interno all'establishment che gli aprisse uno spazio. Purtroppo, questi progetti avevano spesso un carattere reazionario e anti-operaio. 

Non siamo d'accordo che ci sia una possibilità di esito positivo per la classe lavoratrice turca da questo stile politico pragmatico, che oscilla tra contrattazione e armi con l'imperialismo e l'AKP, e spesso le due cose vanno di pari passo.

Per molto tempo, il movimento curdo è stato l'unica dinamica sociale forte nel periodo in cui il movimento socialista turco era al minimo e ha perso la fiducia in se stesso dopo il colpo di Stato del 1980 e il successivo crollo dell'URSS. Questo processo ha portato una parte della sinistra a cadere sotto la determinazione del movimento curdo. Di fronte a ciò, riteniamo fondamentale l'esistenza indipendente del movimento socialista turco con un proprio programma. 

Perché è certo che finché la questione sarà vista dal dualismo tra curdi e turchi, né i lavoratori curdi né quelli turchi ne trarranno beneficio. E nessun problema nazionale può essere risolto sotto la guida dell'imperialismo. Come abbiamo visto più volte in Turchia e nel mondo, il nazionalismo genera nazionalismo e la classe operaia ne subisce i danni maggiori. Si divide, diventa ostile l'uno all'altro e si indebolisce.


Come in Europa, anche in Turchia gran parte della sinistra si è sviluppata con il sostegno di fondazioni americane che, diffondendo denaro e una cultura dei diritti (spesso con due pesi e due misure), hanno egemonizzato il discorso. Lo stesso CHP di Kilicdaroglu ha dichiarato chiaramente che il suo orizzonte internazionale è fortemente all'interno della NATO e per l'adesione all'UE. Secondo lei, questa sinistra schiacciata sul modello americano ha un futuro?

In un momento in cui le contraddizioni dell'imperialismo statunitense sono al massimo, quando ha perso prestigio e non è in grado di presentare un progetto entusiasmante in nessuna parte del mondo, abbiamo assistito a una curiosa espansione della sfera di influenza della NATO. Mi riferisco alla guerra in Ucraina, dove l'intervento illegittimo della Russia ha aperto la strada all'espansione della NATO, ha avuto un impatto anche il rilancio della propaganda anticomunista di lunga data. Di conseguenza, gli è stata presentata su un vassoio un'opportunità che la NATO cercava ma non riusciva a trovare.

Pensiamo che il fatto che questo approccio pro-USA e pro-NATO in Turchia sia stato espresso così forte da Kilicdaroglu sia in parte correlato a questo prestigio che è stato riconquistato in questo processo. Il fatto che si parli ad alta voce è nuovo, ma non sono nuove le relazioni dell'opposizione che agisce all'interno della politica borghese in Turchia con l'Occidente. Questo è il caso sia del CHP che dell'HDP. Ma c'è anche una situazione particolare in Turchia. Mentre le mosse dell'AKP, che giocano sugli equilibri all'interno del sistema imperialista e gli garantiscono un proprio campo d'azione, hanno posizionato l'AKP su un versante relativamente indipendentista, l'opposizione, compresi il CHP e l'HDP, ha iniziato a posizionarsi su un versante filo-USA e filo-NATO. Riteniamo questa falsa dicotomia molto pericolosa. 

Esiste un grande divario tra la posizione che i partiti di opposizione rappresentano a livello istituzionale e l'approccio della loro base sociale. Come abbiamo detto nelle domande precedenti, le radici dell'opposizione agli Stati Uniti e alla NATO sono profonde in questa società. Pertanto, non è facile per gli Stati Uniti e la NATO riabilitare completamente la loro immagine. Inoltre, i comunisti turchi non sono rimasti con le mani in mano nel ricordare costantemente questa immagine. Ciò che determinerà se questo modello di opposizione funzionerà o meno sarà il successo di coloro che cercheranno di dissolvere la dicotomia sopra menzionata e di costruire un vero e proprio allineamento di classe.

 

La Turchia di Erdogan ha sempre condotto una politica estera molto esuberante. Questo è stato spesso motivo di destabilizzazione internazionale, si pensi al suo ruolo in Siria e in Libia. Tuttavia, dall'inizio del conflitto in Ucraina, la Turchia sembra aver assunto, politicamente ed economicamente, una sorta di filo sottile che ancora lega Oriente e Occidente, Russia e NATO. È la stessa percezione che si ha all'interno della Turchia? È un merito riconosciuto che ogni cittadino è disposto a riconoscere a Erdogan?

È chiaro che Erdogan ha imparato a sfruttare le contraddizioni interne, le debolezze e le incertezze dell'imperialismo nel corso degli anni. Ora c'è un Erdogan che ha aumentato il suo potere contrattuale e che non si ritirerà su una posizione di relazioni solo con le potenze occidentali. Contrariamente a quanto si crede, questa situazione favorisce gli Stati Uniti tanto quanto la Russia. Proprio perché, come lei ha detto, significa un canale di comunicazione e un legame tra le due parti che può essere utilizzato in caso di necessità. 

In Turchia c'è un segmento serio la cui opposizione a Erdogan si è ossificata per buone ragioni. Essi affrontano le questioni con un semplice criterio: Qualsiasi cosa faccia Erdogan non può andare a beneficio del popolo. Ma c'è anche un grande gruppo di lavoratori poveri che fanno parte della base sociale dell'AKP. Prima delle elezioni, alcuni di loro erano propensi a staccarsi dall'AKP, soprattutto a causa della crisi economica e delle devastazioni causate dal terremoto. Tuttavia, l'opposizione, che non ispirava fiducia per le ragioni sopra citate, era destinata a fallire nel tentativo di allontanare questi lavoratori dall'AKP. Rispetto a questa opposizione, possiamo dire che l'apparizione di Erdogan ha reso più difficile questa rottura e ha consolidato in generale il sostegno sociale di Erdogan. I sostenitori di Erdogan non sono esenti da questa vena indipendentista.



Dai commenti letti e ascoltati all'indomani delle elezioni, soprattutto negli ambienti comunisti europei, è emersa una certa benevolenza nei confronti di Erdogan, in quanto gli viene riconosciuto il ruolo di rottura con la NATO, la neutralità nel conflitto e l'apertura verso i BRICS. Tuttavia, questa benevolenza non è condivisa all'interno della Turchia, da coloro che si dichiarano comunisti in Turchia, al punto che il TKP nella votazione ha dato indicazione di votare per Kilicdaroglu. Può aiutare i compagni europei a comprendere la prospettiva interna?

Prima di tutto, dobbiamo dire quanto segue: Le mosse di politica estera dell'AKP non sono state motivate dagli interessi del popolo, ma da quelli della classe capitalista. La classe capitalista turca è stata la maggiore beneficiaria della politica estera dell'AKP, che nel tempo si è allontanata da questi principi. Il capitale turco si è aperto a enormi aree di investimento che finora non era riuscito a ottenere e ha gradualmente aumentato il volume degli scambi commerciali. Mentre tutto questo accadeva, il governo dell'AKP, pur fingendo a volte di sfidare il sistema imperialista, ha sempre conosciuto i suoi limiti e sapeva come tornare alla posizione di partner compiacente nei momenti più critici. A tracciare questi limiti dell'AKP in politica estera sono state le esigenze di continuità del potere capitalista.

Non vediamo una classe capitalista con ambizioni imperiali più forti come una garanzia di indipendenza del Paese; al contrario, diciamo che l'approfondimento delle relazioni con i diversi attori del sistema imperialista si sta ritorcendo contro i lavoratori del nostro Paese come un rapporto di ulteriore sfruttamento, disuguaglianza e dipendenza.

Pertanto, avevamo molte ragioni per non votare per Erdogan e queste mosse in politica estera non hanno mai avuto la qualità di cambiare la nostra opposizione all'AKP e a Erdogan. Quali erano dunque le ragioni per cui volevamo votare per il candidato avversario, Kilicdaroglu? 

Nel prendere questa decisione, ci siamo posti la seguente domanda di base: Quale opzione apre la strada a un'energia rivoluzionaria nella società?

La nostra risposta a questa domanda non aveva nulla a che fare con le aspettative che avevamo nei confronti di Kilicdaroglu o del suo partito, il CHP.

Prima delle elezioni, l'unico sentimento che prevaleva in gran parte della società turca era il desiderio che Erdogan se ne andasse. Il TKP, in quanto partito che ha combattuto contro il governo dell'AKP fin dall'inizio, è diventato un partner di questo giusto sentimento. La società, che ha resistito per anni all'oscurità dell'AKP, aveva bisogno di speranza e morale alto per fare di più. La sconfitta di Erdogan è stata importante perché la gente credesse nel proprio potere di cambiare, per ricostruire i legami con il proprio Paese e per avere speranza nel futuro.

In Turchia c'era anche un elettorato molto determinato a sostenere il candidato più forte contro Erdogan e non disposto a discutere di altre questioni finché non fosse scomparso. La presenza di Erdogan si frapponeva tra noi e il popolo. Per questo motivo, Erdogan doveva essere sconfitto e il popolo doveva vedere con i propri occhi che l'alternativa all'interno dell'establishment che lo avrebbe sostituito non poteva essere la soluzione ai problemi del Paese. Il TKP ha fatto ricorso a una tattica che è anche nella storia del movimento comunista mondiale, e ha chiesto i voti per aprire un periodo in cui il popolo stesso potesse vedere perché l'alternativa che per anni è stata presentata al popolo come una falsa speranza non era una vera opzione.

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti