Caso Litvinenko, la risposta da Mosca: «Sentenza stupida, mina autorità della CEDU"

Caso Litvinenko, la risposta da Mosca: «Sentenza stupida, mina autorità della CEDU"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Secondo quanto reso noto dal tribunale tramite un comunicato stampa apparso sul suo sito web, i giudici della CEDU hanno concluso che la parte russa non aveva fornito i materiali necessari agli investigatori né aveva condotto un'indagine indipendente approfondita. Questa è considerata una violazione delle convenzioni internazionali, in relazione alle quali Mosca è stata condannata a pagare un risarcimento per un importo di 100.000 euro. Inoltre, la Cedu ha ordinato alla Russia di risarcire le spese legali per la vedova di Litvinenko, Marina, che ha sporto denuncia (pari a 22.500 euro).

La sentenza della corte afferma che l'indagine aveva prove concrete per dimostrare che due cittadini russi – Andrei Lugovoy e Dmitry Kovtun – erano coinvolti nell'omicidio di Litvinenko. È stato anche detto che c’è un ‘prima facie’ dove si dimostra che i due uomini avrebbero agito per conto della Russia. 

L'ex ufficiale dell'FSB Alexander Litvinenko è morto nel 2006 a Londra, dove aveva ricevuto asilo politico. La morte sarebbe stata causata da avvelenamento con la sostanza radioattiva polonio-210. Gli investigatori britannici sono giunti alla conclusione che le autorità russe fossero coinvolte nel delitto, mentre il Cremlino nega le accuse.

Tanto è bastato ai media italici per far sfoggio della consueta russofobia. Così la sentenza del tribunale dove la Russia viene sostanzialmente accusata di mancanza di collaborazione, è stata trasformata in una condanna senza appello per Mosca. 

«La Russia è responsabile dell'assassinio dell'ex spia Aleksander Litvinenko, avvenuto per avvelenamento nel 2006 nel Regno Unito. L'ha stabilito la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo (Cedu)», scrive ad esempio l’Ansa. 

L’agenzia poi riporta uno stralcio della sentenza dove i giudici di Strasburgo affermano che «esiste il forte sospetto che Andrey Lugovoy e Dmitriy Kovtun, gli uomini che hanno avvelenato Litvinenko, abbiano agito in qualità di agenti del governo russo».

Insomma, parole ben diverse da una condanna senza appello. Sembra più che altro una manovra per alimentare ulteriormente la russofobia imperante in tutto l’Occidente. Un sentimento che i vari governi non fanno altro che alimentare quotidianamente. 

Una sentenza idiota

Andrei Lugovoy, attualmente deputato russo, ex presidente del gruppo di società di sicurezza "The Ninth Wave", ha risposto alla sentenza della corte di Strasburgo, che accusa la Russia della morte di Alexander Litvinenko. 

Secondo Lugovoy, la decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) è stata idiota e stupida.

La decisione della Corte di Strasburgo non sarà considerata legittima, ha affermato il deputato.

“La definirei piuttosto stupida. Non è del tutto chiaro su quali basi abbiano preso la decisione. Se hanno preso quella decisione in base a ciò che aveva detto loro la vedova di Litvinenko, ciò mina semplicemente l'autorità e la reputazione della CEDU”, ha affermato il deputato a lenta.ru.

L’argomento principale, sulla base del quale la CEDU ha emesso il suo verdetto - evidenzia Lugovoy - è una schiacciante bugia. Il sistema delle forze dell'ordine russo aveva fatto di tutto per condurre un'indagine dettagliata, mentre la parte britannica aveva interferito con l'indagine in ogni modo possibile.

“L'ufficio del procuratore russo e la commissione investigativa avevano fatto di tutto per scoprire la verità. Attiro la vostra attenzione sul fatto che il sistema giudiziario di Londra non ha mai risposto a tutte le richieste dell'Ufficio del procuratore generale russo, sebbene il sistema delle forze dell'ordine russo abbia risposto alle richieste delle controparti britanniche. Inoltre, permettetemi di ricordarvi che nel novembre 2006, un gruppo di specialisti britannici era a Mosca, si sono incontrati con me, con assoluta calma, e hanno preso tutte le testimonianze. Allo stesso tempo, la giustizia britannica ha ostacolato in ogni modo possibile un'indagine obiettiva", ha denunciato il deputato.

“Ritengo questa decisione politicamente faziosa, assolutamente, che non ha nulla a che fare con alcun tipo di legalità. Pertanto, sono molto scettico su questa decisione, la considero idiota poiché mina la reputazione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo", ha concluso Lugovoy.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti