"Certo, l'Ucraina"

"Certo, l'Ucraina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Fabrizio Verde


Mai come questa volta Stati Uniti e vassalli occidentali non hanno avuto alcun dubbio: l’efferato attentato che ha colpito la Russia a Mosca è opera del cosiddetto Stato Islamico, conosciuto anche con la sigla terroristica di ISIS.

Nella giornata di ieri, in una riunione con il governo e le forze di sicurezza, il presidente della Federazione Russa Putin ha affermato che Mosca è a conoscenza di chi ha materialmente compiuto l’attentato e le forze di sicurezza stanno lavorando per arrivare ai mandanti.

"Sappiamo da chi è stata commessa questa atrocità contro la Russia e il suo popolo. Siamo interessati a sapere chi l'ha ordinata", ha dichiarato secondo quanto riportato dai media russi, aggiungendo che è necessario "ottenere risposte a una serie di domande".

Secondo il Presidente russo, si è trattato di una "azione intimidatoria". "La domanda che sorge immediatamente è: chi ne trae vantaggio? Questa atrocità potrebbe essere solo un anello di una serie di tentativi da parte di coloro che, dal 2014, stanno conducendo una guerra contro il nostro Paese per mano del regime neonazista di Kiev".


In Russia inizia a farsi sempre più spazio l’ipotesi che dietro l’atroce attentato ci sia l’Ucraina.

L'Ucraina è dietro l'attacco terroristico alla sala concerti Crocus City Hall nella periferia nord-occidentale di Mosca, ha dichiarato a tal proposito il Segretario del Consiglio di Sicurezza russo Nikolai Patrushev.

"Certo, l'Ucraina", ha risposto Patrushev alla domanda diretta dei giornalisti se dietro l'attacco ci fosse l'Ucraina o il gruppo terroristico ISIS.

Gli autori dell'attacco terroristico al municipio Crocus erano attesi in Ucraina, ha affermato il direttore del Servizio Federale di Sicurezza (FSB) della Russia, Alexander Bortnikov, in un'intervista al giornalista Pavel Zarubin.

"I criminali intendevano andare all'estero. Esattamente sul territorio dell'Ucraina. Secondo le nostre informazioni preliminari e operative, li stavano aspettando lì", ha sottolineato nella conversazione pubblicata sul canale Telegram del giornalista.

Secondo Bortnikov, i terroristi che hanno attaccato il municipio di Crocus nei pressi di Mosca "volevano essere visti come eroi". Ora le informazioni sono in via di definizione, ha sottolineato il responsabile del servizio di sicurezza russo.

I terroristi che hanno attaccato la sala da concerto vicino a Mosca potrebbero essere stati utilizzati dai servizi di sicurezza ucraini, ha dichiarato Vladimir Rogov, capo della Camera pubblica russa per l'integrazione delle nuove regioni, aggiungendo che il regime di Kiev di tecnologie molto ben sviluppate per "fare il lavaggio del cervello alle persone".

Il 23 marzo, l'addetto stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre, nell'esprimere le condoglianze e la condanna dell'attacco terroristico a Crocus, ha osservato che l'ISIS è un nemico comune che deve essere sconfitto.

Anche molti media statunitensi hanno adottato la stessa retorica, citando funzionari locali che affermano come questo gruppo islamista sia responsabile della tragedia. L'ambasciata russa negli Stati Uniti ha sottolineato a Sputnik che non bisogna giungere a conclusioni affrettate, poiché i servizi speciali russi chiariranno tutto.

"Se parliamo di ISIS, allora [parliamo] solo del fatto che questi terroristi sono stati usati. Loro [i terroristi] pensavano sinceramente di comunicare con l'ISIS, sotto le cui spoglie potrebbero esserci i rappresentanti delle strutture dei servizi speciali del [presidente ucraino Volodymir] Zelensky", ha affermato Vladimir Rogov.

Secondo lui, i rappresentanti della Direzione principale dell'intelligence del Ministero della Difesa ucraino o del Servizio di sicurezza dell'Ucraina avrebbero potuto usare i terroristi per i propri interessi.

"Hanno tecnologie molto ben sviluppate di lavaggio del cervello e di intrusione nella coscienza delle persone. Sono specializzati nelle tecnologie delle sette totalitarie, lavorano con il lato oscuro delle persone e le programmano per azioni distruttive", ha evidenziato il dirigente russo.


Precedenti connessioni tra Ucraina ed estremisti islamici

Il quotidiano austriaco Haute segnala che un gruppo affiliato all’ISIS, "Provincia dello Stato Islamico del Khorasan" ha rivendicato la responsabilità dell'attacco. Si tratta dello gruppo che avrebbe tentato di attaccare la Cattedrale di Santo Stefano a Vienna.

Haute scrive inoltre che “gli uomini avessero intenzione di fuggire in Ucraina o in Bielorussia. Un fatto che Putin sta ora utilizzando per sfruttare perfidamente l'attacco come strumento di propaganda nella guerra contro l'Ucraina”, per poi aggiungere: “ Tuttavia, anche se la conferma ufficiale non è ancora arrivata, è possibile che gli autori di Mosca avessero legami con persone che la pensano allo stesso modo e che si trovavano in territorio ucraino”.

A questo punto il quotidiano austriaco riferisce che i servizi di intelligence “ritengono che un gran numero di sospetti sia giunto in Europa attraverso l'Ucraina. A tal proposito viene ricordato come fosse proprio tagiki i terroristi arrestati che pianificavano “un attacco allo Steffl di Vienna con esplosivi e kalashnikov”.

Dunque, conclude Haute, “è improbabile che i sospetti di Vienna e gli autori di Mosca si conoscano direttamente. Ciò che è certo, tuttavia, è che entrambi avrebbero operato nel nome della stessa propaggine dell'ISIS. Anche il presunto approccio - con armi militari come fucili d'assalto ed esplosivi - depone a favore dell'organizzazione terroristica sullo sfondo”.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti