Chris Hedges - "Il trauma collettivo della società Usa è la strada verso la tirannia"

Chris Hedges - "Il trauma collettivo della società Usa è la strada verso la tirannia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Chris Hedges – Scheerpost


La società americana genera traumi e questo trauma si esprime in una varietà di patologie autodistruttive, tra cui l’erosione della democrazia e l’ascesa del neofascismo.

Il capitalismo aziendale, definito dal culto del sé e dallo sfruttamento spietato del mondo naturale e di tutte le forme di vita a scopo di lucro, prospera favorendo disturbi psicologici e fisici cronici. Le malattie e le patologie della disperazione: l’alienazione, l’ipertensione, il diabete, l’ansia, la depressione, l’obesità patologica, le sparatorie di massa (oggi  quasi  due al giorno in media), la violenza domestica e sessuale, le overdose di droga ( oltre  100.000 all’anno) e il suicidio ( 49.000 morti  nel 2022) – sono le conseguenze di una società profondamente traumatizzata. 

Vengono "celebrati" i tratti fondamentali degli psicopatici: fascino superficiale, grandiosità e importanza personale, bisogno di stimolazione costante, propensione alla menzogna, all'inganno, alla manipolazione e incapacità di provare rimorso o senso di colpa. Le virtù dell’empatia, della compassione e del sacrificio di sé vengono sminuite, trascurate e schiacciate. Le professioni che sostengono la comunità, come l’insegnamento, il lavoro manuale, le arti, il giornalismo e l’assistenza infermieristica, sono sottopagate e sovraccariche di lavoro. Le professioni che sfruttano, come quelle dell’alta finanza, delle Big Pharma, delle Big Oil e dell’informatica, sono elargite di prestigio, denaro e potere.

“Il fatto che milioni di persone condividano gli stessi vizi non rende questi vizi virtù, il fatto che condividano tanti errori non rende gli errori verità, e il fatto che milioni di persone condividano le stesse forme di patologia mentale non fa non rendere queste persone sane”,  scrive Eric Fromm  in The Sane Society.

I classici lavori sul trauma del Dr. Bessel van der Kolk,  del Dr. Gabor Maté  e  della Dr. Judith Herman  sostengono senza mezzi termini che ciò che è accettato come comportamento normale in una società aziendale è in guerra con i bisogni umani fondamentali e con la nostra salute psicologica e fisica. Enormi segmenti del pubblico americano, in particolare le decine di milioni di persone che sono state scartate ed emarginate, sopportano traumi cronici. Barbara Ehrenreich in “Nichel and Dimed: On (Not) Getting By in America” descrive la vita dei lavoratori poveri come una lunga “emergenza”. 

Questo trauma è tanto distruttivo per noi personalmente quanto lo è socialmente e politicamente. Ci lascia in uno stato di disforia in cui confusione, agitazione, vuoto e solitudine definiscono le nostre vite. Interi segmenti della società americana, soprattutto i poveri, sono stati resi superflui e invisibili. Come scrive il dottor van der Kolk, “il trauma avviene quando non siamo visti e conosciuti”.

"La nostra cultura ci insegna a concentrarci sulla nostra unicità personale, ma a un livello più profondo esistiamo a malapena come organismi individuali", osserva il dott. van der Kolk.

Il trauma intorpidisce la nostra capacità di sentire. Ci frattura. Ci disconnette dal nostro corpo. Ci mantiene in uno stato di ipereccitazione. Ci fa confondere i nostri desideri, spesso impiantati artificialmente dalla società dei consumi, con i nostri bisogni. Le persone traumatizzate vedono il mondo che li circonda come ostile e pericoloso. Mancano di un’immagine positiva di sé stessi e perdono la capacità di fidarsi. Molti sostituiscono l’intimità e l’amore con il sadismo sessuale, ed è così che siamo diventati una cultura pornificata. 

Il trauma crea quello che lo psichiatra Robert Jay Lifton  chiama un mondo “contraffatto” definito da nemici fantasma, bugie e oscure cospirazioni. Nega il senso di uno scopo e una vita piena di significato. 

Il trauma, scrive il dottor Herman, “spinge le persone sia a ritirarsi dalle relazioni intime sia a cercarle disperatamente”. Induce sentimenti di vergogna, senso di colpa e inferiorità, scrive, “così come la necessità di evitare ricordi del trauma che si verifica nella vita quotidiana. Il trauma compromette gravemente la capacità di intimità. Il trauma può ridurre drasticamente la concentrazione su obiettivi estremamente limitati, spesso questione di ore o giorni”. 

"Se il trauma comporta una disconnessione dal sé, allora ha senso dire che siamo collettivamente inondati da influenze che sfruttano e rinforzano il trauma", secondo il dottor Maté. “Le pressioni lavorative, il multitasking, i social media, gli aggiornamenti di notizie, la molteplicità di fonti di intrattenimento: tutto questo ci inducono a perderci in pensieri, attività frenetiche, gadget, conversazioni senza senso. Siamo coinvolti in attività di ogni tipo che ci attraggono, non perché siano necessarie, stimolanti o edificanti, o perché arricchiscono o aggiungono significato alla nostra vita, ma semplicemente perché cancellano il presente.

Il trauma spinge anche molti a fuggire tra le braccia di coloro che stanno orchestrando gli abusi.

Il trauma sistematico e ripetitivo, sia da parte di un singolo abusatore che di un sistema politico, distrugge l’autonomia personale. L'autore del reato diventa onnipotente. La resistenza è accettata come inutile. "L'obiettivo dell'autore del reato è instillare nella sua vittima non solo la paura della morte ma anche la gratitudine per aver potuto vivere", osserva il dottor Herman. Questo trauma getta le basi per la caratteristica più insidiosa di tutte le tirannie, grandi e piccole. Controllo totale. Il trauma prolungato riduce le sue vittime a uno stato di infantilismo psicologico. Li condiziona a invocare la propria schiavitù.

“Non ci accontentiamo dell’obbedienza negativa, nemmeno della sottomissione più abietta”,  scrisse George Orwell del “Partito Interno” al potere nel suo romanzo “1984”. “Quando finalmente ti arrenderai a noi, dovrà essere di tua spontanea volontà. Non distruggiamo l'eretico perché ci resiste; finché ci resiste non lo distruggeremo mai. Lo convertiamo, catturiamo la sua mente interiore, lo rimodelliamo. Bruciamo a lui tutto il male e tutte le illusioni; lo portiamo dalla nostra parte, non in apparenza, ma sinceramente, cuore e anima.

Fascismo cristiano, oggetto del mio libro “American Fascists: The Christian Right and the War on America”, preda di questo trauma. Replica i sistemi di controllo comuni a tutte le tirannie, comprese le sette. I fascisti cristiani abbattono abilmente gli aderenti, separandoli dalle loro famiglie e comunità. Manipolano la vergogna, la disperazione, i sentimenti di inutilità e di colpa – i sottoprodotti del loro trauma – per esigere un’obbedienza totale alla leadership della chiesa, che è quasi sempre bianca e maschile. Questi leader, presumibilmente portavoce di Dio, non possono essere messi in discussione o criticati. Il tessuto connettivo tra i diversi gruppi di milizie, i teorici della cospirazione di QAnon, gli attivisti antiaborto, le organizzazioni patriottiche di destra, i sostenitori del Secondo Emendamento, i neo-confederati e i sostenitori di Trump che hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio non è solo questo fascismo cristiano ma anche un trauma.

“I governi totalitari esigono la confessione e la conversione politica delle loro vittime”, ricorda il dottor Herman. “I proprietari di schiavi pretendono gratitudine dai loro schiavi. I culti religiosi richiedono sacrifici ritualizzati come segno di sottomissione alla volontà divina del leader. Gli autori di violenze domestiche esigono che le loro vittime dimostrino completa obbedienza e lealtà sacrificando tutte le altre relazioni. Gli autori di reati sessuali pretendono che le loro vittime trovino soddisfazione sessuale nella sottomissione. Il controllo totale su un'altra persona è la dinamica di potere al centro della pornografia. Il fascino erotico di questa fantasia su milioni di uomini terribilmente normali favorisce un’immensa industria in cui donne e bambini subiscono abusi, non nella fantasia ma nella realtà”.

Donald Trump è un carnefice e un salvatore. Personifica l'insensibile indifferenza del patriarcato, della ricchezza, dei privilegi e del potere nei confronti dei vulnerabili, così come la promessa che una volta che i suoi seguaci di culto si arrenderanno a lui, saranno protetti. Ispira in egual misura paura e conforto.

“Le persone che abbracciano le piccole tirannie sono molto più propense ad abbracciare quelle grandi”, mi ha spiegato il dottor Herman. “Quando hai un partito politico che abbraccia la subordinazione delle donne, la subordinazione delle persone di colore, la subordinazione delle persone non conformi al genere e la subordinazione dei non cristiani, allora non è un partito che abbraccia la democrazia. È un partito che cerca un leader fascista e lo troverà”.

Nel suo libro “ The Body Keeps Score: Brain, Mind, and Body in the Healing of Trauma” il Dr. van der Kolk apre con dure statistiche compilate dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie che mostrano che “un americano su cinque è stato molestato sessualmente da bambino; uno su quattro è stato picchiato da un genitore al punto da lasciare un segno sul corpo; e una coppia su tre commette violenza fisica. Un quarto di noi è cresciuto con parenti alcolizzati e uno su otto ha visto la propria madre picchiata”.

Il trauma endemico nella società americana, che sta peggiorando sotto l’assalto della gig economy, della marcata disuguaglianza sociale, della violenza indiscriminata della polizia, della crisi climatica e del sequestro del processo politico e della maggior parte delle istituzioni da parte delle multinazionali e degli oligarchi al potere, è il nostro problema più grave. La grave crisi sanitaria pubblica, ha gravi conseguenze individuali, sociali e politiche. 

“Se il trauma è veramente un problema sociale”, scrive il dottor Herman in “Truth and Repair: How Trauma Survivors Envision Justice”, “allora il recupero non può essere semplicemente una questione individuale privata. Le ferite del trauma non sono semplicemente quelle causate dalla percezione della violenza e dello sfruttamento. Le azioni o le inazioni degli astanti, di tutti coloro che sono complici o che preferiscono non sapere degli abusi o che incolpano le vittime, spesso causano ferite più profonde”. “La guarigione completa”, aggiunge, “poiché ha origine in un’ingiustizia fondamentale, richiede un’udienza completa all’interno della comunità per riparare attraverso una certa misura di giustizia i sopravvissuti al trauma che hanno subito”.

Puoi vedere la mia recente intervista in due parti con il Dr. Herman  qui  e  qui. Puoi vedere la mia intervista con il Dr. Maté  qui .

"Il recupero deve avvenire nelle relazioni", ha precisato il dottor Herman nella mia intervista. “Quando le persone si sentono riconnesse alle loro comunità e riaccettate nelle loro comunità, allora la vergogna e l’isolamento vengono alleviati, e questo crea davvero la piattaforma per la guarigione”.

La chiave è la comunità. Non comunità virtuali. Ma comunità in cui possiamo riconnetterci e vedere nelle nostre ferite le ferite degli altri. Richiede l’accesso, senza spese mediche onerose, ai professionisti della salute mentale. Richiede lo smantellamento delle strutture aziendali di oppressione. Richiede una nuova etica, che valorizzi l’empatia e il sacrificio di sé. Dobbiamo rifiutare il cinismo, l’indifferenza e il culto di sé che tutte le tirannie inculcano in coloro che dominano per mantenerli passivi. Dobbiamo tendere la mano ai nostri vicini, soprattutto a quelli in difficoltà e a coloro che sono demonizzati. Dobbiamo separarci dalla società dei consumi e allontanarci dal fascino del nostro narcisismo culturale. 

Il filosofo morale Bernard Williams sostiene che il risentimento e l’indignazione sono importanti quanto l’empatia e la connessione per consolidare i legami sociali. Non è solo la nostra dignità che dobbiamo proteggere, ma anche quella degli altri. Questi “sentimenti condivisi” scrive “legano insieme le persone in una comunità di sentimenti”. Gli atti di resistenza attorno a questi “sentimenti condivisi”, questa “comunità di sentimenti”, ci stabiliscono come esseri distinti e autonomi. Forse non sconfiggeremo queste tirannie, ma lottando contro di esse ci libereremo dalla morsa delle piccole e grandi tirannie che deformano la società americana.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti