/ Cile: sale a 11 il bilancio provvisorio dei morti, mentre il fasc...

Cile: sale a 11 il bilancio provvisorio dei morti, mentre il fascio-liberista Piñera dichiara «guerra» al popolo

 

Le parole del presidente sono però contraddette dal generale Iturriaga

 

Sono almeno 11 le persone che hanno perso la vota a causa della brutale repressione scatenata dal regime di Piñera in Cile nel confronti della protesta popolare contro il neoliberismo selvaggio.

 

Le mobilitazioni sono iniziate lunedì 14 ottobre a causa dell'aumento del prezzo del biglietto della metropolitana di Santiago e, sebbene questo 19 ottobre, il presidente Sebastián Piñera abbia annunciato che l'aumento non sarà applicato, le proteste sono continuate.

 

Il 19 ottobre, le manifestazioni si sono diffuse in tutto il paese e sono diventate molto più intense, tra cui barricate, saccheggi e incendi; quella stessa notte 716 persone furono arrestate in tutta la nazione; il governo decretò uno stato di emergenza in gran parte dell'area centrale del paese e stabilì anche un coprifuoco per sabato e domenica sera.

 

Lo stato di emergenza è stata la misura che ha autorizzato l'esercito e le forze armate a dispiegarsi in gran parte del paese. 

 

Le manifestazioni di protesta non accennano a placarsi. Le lezioni sono già state sospese nella maggior parte delle scuole di Santiago e le organizzazioni sociali hanno richiesto un grande sciopero generale.

 

«Non sono in guerra con nessuno»: il generale responsabile dello stato di emergenza in Cile contraddice Piñera

 

Javier Iturriaga, capo della Difesa nazionale del Cile e responsabile dello stato di emergenza nella regione metropolitana, ha contraddetto le parole del presidente Sebastián Piñera il quale ha dichiarato che la nazione è "in guerra".

 

“Guardate, sono un uomo felice e la verità è che non sono in guerra con nessuno", ha affermato Iturriaga mentre consegnava alla stampa un saldo del secondo giorno dopo il coprifuoco decretato in diverse province.

 

Alle 06:00 di lunedì (ora locale), Iturriaga ha descritto la città di Santiago come "calma, pacifica" e gli ufficiali delle forze armate come "silenziosi".

 

"Siamo molto soddisfatti di ciò che abbiamo visto [...] ma allo stesso tempo molto attenti a risolvere qualsiasi inconveniente", ha affermato il generale.

 

Piñera, nel frattempo, ha invitato domenica a "iniziare a vincere questa battaglia" contro il vandalismo e il crimine.

"Siamo in guerra contro un nemico potente e implacabile, che non rispetta nulla o nessuno", ha detto il presidente, informando che Iturriaga ha organizzato 9.500 militari per proteggere la pace e controllare gli eccessi.

 

Le dichiarazioni del capo dello Stato sono state fortemente criticate da varie personalità politiche e sono state persino confrontate nei social network con le precedenti dichiarazioni dell'ex dittatore cileno Augusto Pinochet.

Fonte: Alba Ciudad - RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa