Colloqui telefonici Xi - Biden. Blinken e Yellen presto a Pechino

Colloqui telefonici Xi - Biden. Blinken e Yellen presto a Pechino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dai resoconti della stampa occidentale sembra che il colloquio telefonici tra i Presidenti di Cina e Stati uniti d’America, Xi Jinping e Joe Biden, sia stato una sorta di braccio di ferro dove entrambi, nonostante la cordialità di rito, hanno stabilito le loro linee rosse, facendo presagire niente di buono per il futuro.

Dal resoconto sui colloqui telefonici del Global Time, quotidiano ufficiale del Partito Comunista Cinese, sembra invece che qualche risultato di distensione fra le parti sia stato ottenuto, pur essendoci criticità, confermato dalla visita, a breve tempo, a Pechino di Janet Yellen e Antony Blinken, rispettivamente Segretario al Tesoro e di Stato dell’amministrazione Biden.

A tal proposito, riteniamo importante il resoconto, la lettura del Global Times sui colloqui telefonici tra Xi e Biden.

 

Il Presidente cinese Xi Jinping ha parlato ieri al telefono con il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, su richiesta di quest'ultimo. I due presidenti hanno avuto un candido e approfondito scambio di opinioni sulle relazioni Cina-Stati Uniti e sulle questioni di reciproco interesse.

Il presidente Xi ha sottolineato che il suo incontro a San Francisco con il presidente Biden lo scorso novembre ha aperto una visione orientata al futuro. Negli ultimi mesi, i loro funzionari hanno agito seriamente sulla base delle intese presidenziali. Le relazioni tra Cina e Stati Uniti cominciano a stabilizzarsi e questo è accolto con favore da entrambe le società e dalla comunità internazionale. D'altra parte, anche i fattori negativi della relazione sono aumentati e ciò richiede attenzione da entrambe le parti.

Il Presidente Xi ha ricordato che la questione della percezione strategica è sempre fondamentale per le relazioni tra Cina e Stati Uniti, proprio come il primo bottone di una camicia che deve essere sistemato. Due grandi Paesi come la Cina e gli Stati Uniti non devono tagliare i ponti o voltarsi le spalle a vicenda, tanto meno scivolare nel conflitto o nello scontro. I due Paesi dovrebbero rispettarsi a vicenda, coesistere in pace e perseguire una cooperazione vantaggiosa per tutti.

Le relazioni dovrebbero continuare a progredire in modo stabile, solido e sostenibile, anziché retrocedere.

Il Presidente Xi ha elencato tre principi generali che dovrebbero guidare le relazioni tra Cina e Stati Uniti nel 2024.

Primo: la pace deve essere valorizzata. Le due parti devono stabilire un piano di assenza di conflitti e scontri e continuare a rafforzare le prospettive positive delle relazioni.

 In secondo luogo, la stabilità deve essere la priorità. Le due parti devono astenersi dall'arretrare la relazione, dal provocare incidenti o dal superare il limite, in modo da mantenere la stabilità generale della relazione.

Terzo, la credibilità deve essere mantenuta. Le due parti devono onorare gli impegni reciproci con l'azione e trasformare la visione di San Francisco in realtà. Devono rafforzare il dialogo in modo reciprocamente rispettoso, gestire le differenze con prudenza, far progredire la cooperazione nello spirito del mutuo beneficio e intensificare il coordinamento sugli affari internazionali in modo responsabile.

Il Presidente Xi ha chiarito che la questione di Taiwan è la prima linea rossa da non oltrepassare nelle relazioni tra Cina e Stati Uniti. Di fronte alle attività separatiste "indipendentiste di Taiwan" e al loro incoraggiamento e sostegno esterno, la Cina non ha intenzione di stare con le mani in mano.

Ha esortato gli Stati Uniti a tradurre in azioni concrete l'impegno del Presidente Biden di non sostenere l'"indipendenza di Taiwan". Gli Stati Uniti hanno adottato una serie di misure per sopprimere il commercio e lo sviluppo tecnologico della Cina e stanno aggiungendo sempre più entità cinesi alle loro liste di sanzioni. Questo non è "de-risking", ma creazione di rischi. Se gli Stati Uniti sono disposti a cercare una cooperazione reciprocamente vantaggiosa e a condividere i dividendi dello sviluppo cinese, troveranno sempre la porta della Cina aperta; ma se sono irremovibili nel contenere lo sviluppo hi-tech cinese e nel privare la Cina del suo legittimo diritto allo sviluppo, la Cina non resterà a guardare.

Il Presidente Xi ha illustrato la posizione della Cina sulle questioni legate a Hong Kong, sui diritti umani, sul Mar Cinese Meridionale e su altre questioni.

Il Presidente Biden ha sottolineato che le relazioni tra Stati Uniti e Cina sono le più importanti al mondo. I progressi compiuti nelle relazioni dopo l'incontro di San Francisco dimostrano che le due parti possono far progredire la cooperazione gestendo responsabilmente le differenze.

Il Presidente Biden ha ribadito che gli Stati Uniti non cercano una nuova guerra fredda, che il loro obiettivo non è cambiare il sistema cinese, che le loro alleanze non sono mirate contro la Cina, che gli Stati Uniti non sostengono "l'indipendenza di Taiwan" e che non cercano un conflitto con la Cina.

Gli Stati Uniti seguono la politica di una sola Cina. È nell'interesse del mondo che la Cina abbia successo. Gli Stati Uniti non vogliono frenare lo sviluppo della Cina e non cercano un "disaccoppiamento" dalla Cina. Gli Stati Uniti invieranno il Segretario al Tesoro Janet Yellen e il Segretario di Stato Antony Blinken a visitare la Cina a breve per rafforzare il dialogo e la comunicazione, evitare errori di calcolo e promuovere la cooperazione, in modo da far progredire le relazioni su un percorso stabile e rispondere congiuntamente alle sfide globali.

I due presidenti hanno anche scambiato opinioni sulla crisi ucraina, sulla situazione nella penisola coreana e su altre questioni.

La telefonata è stata sincera e costruttiva per i due presidenti. Le due parti hanno concordato di rimanere in comunicazione e hanno incaricato i loro team di realizzare la visione di San Francisco, tra cui l'avanzamento dei meccanismi di consultazione su questioni diplomatiche, economiche, finanziarie, commerciali e di altro tipo, nonché la comunicazione tra le forze armate, la realizzazione del dialogo e della cooperazione in settori quali la lotta al narcotraffico, l'intelligenza artificiale e la risposta al clima, l'adozione di ulteriori misure per espandere gli scambi interpersonali e il miglioramento della comunicazione su questioni internazionali e regionali.

La parte cinese ha accolto con favore le visite in Cina del Segretario al Tesoro Yellen e del Segretario di Stato Blinken nel prossimo futuro.

Traduzione de l'AntiDiplomatico

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti