Combinare la superiorità aerea con la potenza d'urto, ecco perché l'Egitto ha preso caccia Su-35 e Rafale

Combinare la superiorità aerea con la potenza d'urto, ecco perché l'Egitto ha preso caccia Su-35 e Rafale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Avendo l’esigenza di rimodernare la propria flotta aerea, l’Egitto ha deciso di diversificare le sue scelte puntando su due modelli diversi di caccia prodotti da Russia e Francia. Si tratta dei caccia Su-35 e Rafale, due velivoli ritenuti dagli osservatori molto efficienti e affidabili. 

A tal proposito l’Egitto ha già ricevuto la metà dei 24 caccia Su-35 ordinati alla Russia ed ha deciso di portare il numero di caccia Rafale richiesti alla Francia a 54. 

In passato l’Egitto si affidava agli F-16 statunitensi, ma tuttavia, scrive Defense World, gli F-16 in forza all’Egitto sono tra i meno pericolosi in servizio con gli alleati dell'America, in quanto non hanno ricevuto armi moderne come i missili aria-aria AIM-120C. L’assenza del del lanciamissili AIM-120 ha ridotto il raggio di distruzione dei bersagli a meno di 70 km (utilizzando il vecchio AIM-7P Sparrow). Allo stesso tempo, i vicini dell'Egitto, come il Sudan, la Libia e l'Etiopia, hanno missili R-77 molto più potenti sviluppati dai sovietici installati su aerei come gli Su-27. 

Si ritiene che il rifiuto degli Stati Uniti di fornire all'Egitto missili avanzati fosse inteso a preservare la superiorità militare di Israele. Quindi Il Cairo ha deciso di aggiornare la propria flotta con i velivoli di produzione russa e francese. 

Sul perché l’Egitto abbia deciso questa combinazione di caccia, fonti egiziane spiegano che il caccia “Su-35 ha uno scopo diverso dal Rafale". Il caccia russo è progettato principalmente "per garantire la superiorità dell'esercito egiziano nel cielo regionale". Il caccia Su-35 può tracciare contemporaneamente fino a 4 bersagli terrestri o 30 bersagli aerei, oltre a colpire fino a 8 bersagli aerei contemporaneamente. È in grado di identificare la classe e il tipo di bersagli aerei e di effettuare riprese aeree dell'area. Rafale ha caratteristiche diverse. Ad esempio, UR SCALP ha la capacità di perforare bersagli ben difesi e aumenta significativamente la capacità di un attacco al suolo.

Combinare la superiorità aerea con la potenza d'urto, questo è l’obiettivo egiziano. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe