World Affairs/Come l'Europa ha tradito l'Iran aiutando Trump ad affossare l'acc...

Come l'Europa ha tradito l'Iran aiutando Trump ad affossare l'accordo sul nucleare iraniano

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

L'Europa avrebbe potuto salvare l'accordo nucleare iraniano. Invece, ha abusato dello stato di diritto innescando in modo inappropriato il suo meccanismo di disputa, ma di fatto, ha fatto ha affossato l'accordo sul nucleare iraniano

Articolo di Scott Ritter, un ex ufficiale dell'intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti. Ha prestato servizio in Unione Sovietica come ispettore per l'attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo e dal 1991-1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite.
 
Diplomazia infelice
 
Il 5 gennaio 2020, Teheran ha annunciato che non avrebbe più ottemperato agli obblighi previsti dall'accordo nucleare iraniano, ufficialmente noto come programma d'azione congiunto globale (JCPOA). Le azioni dell'Iran sono in risposta al ritiro degli Stati Uniti dal JCPOA e alla reintroduzione di sanzioni economiche da parte degli Stati Uniti che erano state revocate all'entrata in vigore dell'accordo. 
 
In risposta alle azioni iraniane, i governi di Francia, Germania e Regno Unito - tutte le parti dell'accordo, insieme all'Unione europea (UE) - hanno invocato disposizioni all'interno del PACG, noto come meccanismo di risoluzione delle controversie (DRM), in uno sforzo per riportare l'Iran nella conformità.
 
L'attivazione del DRM da parte dei paesi europei, tuttavia, è una mossa ingenua progettata per fornire una copertura diplomatica per i fallimenti dell'UE in termini di attuazione del PACG. 
Inoltre, dato il probabile esito di questo processo, una convocazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in cui le sanzioni economiche saranno reintrodotte all'Iran per impostazione predefinita, gli europei hanno quasi assicurato la scomparsa del JCPOA, con la loro cosiddetta diplomazia che serve come poco più che un facilitatore di una più grande crisi tra Iran e Stati Uniti che, date le crescenti tensioni tra queste due nazioni all'indomani dell'assassinio di Qassem Soleimani, aumenta precipitosamente le prospettive di guerra.
 
 
I grandi poteri hanno sempre avuto una via d'uscita facile
 
Quando il JCPOA è stato completato nel luglio 2015, il mondo ha avuto la speranza che la crisi sulla capacità di arricchimento nucleare dell'Iran, che aveva minacciato di sfociare in guerra, fosse stata risolta e che la diplomazia avesse prevalso sul conflitto armato. 
 
Il JCPOA ha codificato una serie di restrizioni alla capacità dell'Iran di arricchire l'uranio, compresi il numero e il tipo di centrifughe che potrebbero essere utilizzate, dove potrebbe avvenire l'arricchimento, quale livello di arricchimento potrebbe verificarsi e quanto grande di una scorta di materiale nucleare arricchito Iran è stato permesso di mantenere e un regime di ispezione globale intrusivo progettato per verificare la conformità dell'Iran. 
 
Queste restrizioni sono state progettate per facilitare nel tempo attraverso una serie di cosiddette "clausole del tramonto", fino a quando tutto ciò che rimaneva era un processo di ispezione migliorato. In breve, il JCPOA ha legittimato il diritto dell'Iran ad arricchire l'uranio per scopi pacifici, riconoscendo allo stesso tempo le preoccupazioni di alcuni all'interno della comunità internazionale riguardo al potenziale per l'Iran di abusare di questa capacità di arricchimento per scopi militari.
 
Il JCPOA era, in effetti, un meccanismo completo di rafforzamento della fiducia destinato a costruire nel tempo la fiducia tra l'Iran e la comunità internazionale, in linea con il preambolo dell'accordo, che ha dichiarato che "l'Iran ribadisce che l'Iran non potrà mai cercare, sviluppare o acquisire alcun nucleare Armi."
 
Prima dell'attuazione del PACG, l'Iran era stato sottoposto a severe sanzioni economiche imposte sotto l'autorità del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. In cambio della conclusione dell'accordo, queste sanzioni sono state revocate. 
 
Tuttavia, l'accordo ha riconosciuto che potrebbero sorgere controversie in merito all'attuazione dell'accordo e ha messo in atto un meccanismo di risoluzione delle controversie che, se non fosse stata trovata una soluzione soddisfacente a un problema identificato, avrebbe comportato la reintroduzione automatica di tali sanzioni.
 
Un aspetto chiave di questo meccanismo era che se una delle parti dell'accordo avesse usato il suo veto nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per bloccare un voto relativo alla mancata esecuzione di una delle parti dell'accordo, le sanzioni economiche sarebbero automaticamente ripristinate.
 
Washington sabota il JCPOA 
 
Per i primi due o più anni di esistenza dell'accordo, da luglio 2015 a maggio 2018, l'Iran è risultato pienamente conforme ai suoi impegni.
 
Nel maggio 2018, tuttavia, gli Stati Uniti si sono ritirati precipitosamente dall'accordo, sostenendo che l'eventuale scadenza delle "clausole del tramonto" ha spianato la strada all'Iran per produrre un'arma nucleare, e come tale il JCPOA era poco più che un facilitatore del nucleare iraniano. 
 
Gli Stati Uniti hanno iniziato a imporre di nuovo le sanzioni economiche all'Iran, che includevano tutte le cosiddette sanzioni secondarie che si applicavano a qualsiasi nazione che violasse le sanzioni statunitensi. L'Iran ha giustamente visto la nuova imposizione di sanzioni da parte degli Stati Uniti come una violazione dell'accordo.
 
Inoltre, quando le società dell'UE hanno iniziato a opporsi alla loro volontà di fare affari con l'Iran per paura delle sanzioni secondarie statunitensi, l'Iran ha giustamente scoperto che l'UE stava violando anche il PACG.
 
L'Iran ha dato le restanti parti al JCPOA sei mesi dopo il ritiro degli Stati Uniti per sviluppare i meccanismi necessari per eludere l'impatto delle sanzioni economiche statunitensi. 
Entro novembre 2018, tuttavia, non erano stati implementati tali meccanismi e quando gli Stati Uniti hanno preso di mira la linfa vitale dell'Iran sanzionando le vendite di petrolio, l'Iran ha risposto invocando i suoi diritti ai sensi dell'articolo 26 e dell'articolo 36 del PACG, che consente all'Iran di "cessare di eseguire impegni previsti dal PACG, in tutto o in parte ", sia per la reintriduzione di nuove sanzioni relative al nucleare, sia per" significativa inosservanza "degli obblighi previsti dal PACG o, in questo caso, entrambi. 
 
Da quel momento, l'Iran si è gradualmente allontanato dalle restrizioni che le sono state imposte, rilevando ogni volta che le sue misure erano immediatamente reversibili qualora le questioni sottostanti fossero risolte in modo conforme alla lettera e all'intenzione del PACG.
 
 
La codardia europea
In breve, l'Iran ha richiesto che l'UE rispettasse i suoi obblighi di far fronte alle sanzioni economiche statunitensi. L'UE ha costantemente fallito nel fare ciò, con il risultato che l'Iran si è progressivamente allontanato dai suoi obblighi, portando all'attuale situazione in cui tutte le restrizioni imposte dal JCPOA, escluse le ispezioni internazionali, che continuano senza sosta, hanno cessato di essere operazione.
 
Quando si tratta di imporre la colpa all'attuale situazione, non vi è alcuna causalità " uovo o gallina" in discussione. La colpa spetta sia agli Stati Uniti per il ritiro dall'accordo, sia all'UE per non aver ottemperato ai suoi obblighi ai sensi del PACG per quanto riguarda l'impegno economico con l'Iran. 
 
L'Iran ha a lungo avvertito i governi di Francia, Germania e Regno Unito di non invocare il DRM, rilevando che il JCPOA non consente tale mossa se, come nel caso di oggi, l'Iran esercita il suo diritto legale in risposta a illegali e azioni unilaterali degli Stati Uniti.
 
Non vi è alcuna aspettativa realistica che l'Iran cambierà posizione al riguardo. La Russia e la Cina hanno già indicato che l'Iran ha pienamente i suoi diritti all'interno del PACG di annullare i suoi obblighi in merito alle restrizioni imposte al suo programma nucleare, citando il mancato rispetto degli Stati Uniti e dell'UE. 
 
Invocando il DRM, gli europei hanno, consapevolmente e deliberatamente, avviato un processo che può avere solo un risultato, la conclusione del JCPOA. In tal modo, l'UE ha ridato vita alle accuse infondate degli Stati Uniti sull'intenzione delle armi nucleari iraniane, creando un inevitabile scontro tra Washington e Teheran che ha il potenziale reale di trascinare il mondo intero con sé.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa