Conferenza C.A.L.P. Fuori la guerra dai porti. Una lotta per un mondo diverso

Conferenza C.A.L.P. Fuori la guerra dai porti. Una lotta per un mondo diverso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Genova, Livorno, Napoli, Ravenna e poi in tutta Europa, nel mondo la lotta dei portuali che si sono rifiutati di scaricare le armi per le guerre di aggressione dell'Arabia Saudita allo Yemen e di Israele contro i palestinesi è diventata "fondamentale per tutti coloro che vogliono un mondo diverso, un mondo senza guerre, senza sfruttamento dei territori. Una lotta che partendo dall’unità dei lavoratori del settori può e deve divenire generale."

Oggi, alle ore 21, presso il Circolo CAP di Via Albertazzi a Genova, diretta FB e YouTube terremo una Conferenza Internazionale dei lavoratori dei Porti. Con questa lettera il Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali e USB Porti invitano alla partecipazione tutti i lavoratori portuali, tutti i lavoratori del settore interessati, tutte le associazioni antimilitariste e pacifiste.

Contro il commercio di armi, contro le guerre, contro le sanzioni e gli embarghi economici che strangolano vari paesi nel mondo.

Dopo il blocco e la battaglia contro i traffici di materiale bellico diretti in Arabia Saudita per la guerra in Yemen, la lotta, da Genova, si è allargata ad altri porti italiani, ai porti europei e nel mondo. Questa lotta ha avuto altri passaggi importanti nel blocco degli ordigni bellici verso Israele durante l’ennesima escalation del conflitto contro i palestinesi.

In questi mesi si sono succeduti incontri, ci sono state azioni coordinate tra lavoratori e associazioni in tutto il mondo. Questa lotta ha avuto anche dei passaggi repressivi con una inchiesta nei confronti del Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali con la richiesta assurda di “associazione a delinquere” per lavoratori che hanno sempre agito pubblicamente e alla luce del sole contro i traffici di armi in nome delle pace, della convivenza tra popoli e Stati.

Riteniamo che questa lotta sia fondamentale per tutti coloro che vogliono un mondo diverso, un mondo senza guerre, senza sfruttamento dei territori. Una lotta che partendo dall’unità dei lavoratori del settori può e deve divenire generale.

La Conferenza ha l’obiettivo di costruire una giornata Internazionale di lotta contro la produzione e la circolazione delle armi.

 

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti