World Affairs/Contro ogni revisionismo. La Russia pubblica documenti declassifi...

Contro ogni revisionismo. La Russia pubblica documenti declassificati per il 75° anniversario della liberazione di Budapest dai nazisti da parte dell'Armata Rossa

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

"La capitale dell'Ungheria era di grande importanza strategica per le forze naziste. Pertanto, alla periferia della città furono costruiti numerosi punti di difesa e la città stessa divenne una fortezza inespugnabile", affermano dal Ministero della Difesa russo

Il Ministero della Difesa russo ha pubblicato sul suo sito web diversi documenti declassificati in occasione del 75° anniversario della liberazione da parte dell'Armata Rossa della capitale ungherese dagli occupanti nazisti.

 

Il 13 febbraio 1945, le truppe sovietiche liberarono Budapest, completando l' offensiva strategica contro i nazisti nelle regioni centrali dell'Ungheria che durò 108 giorni e notti, partita il 29 ottobre 1944.
 
Tra i vari documenti declassificati unici dei fondi dell'Archivio centrale del ministero russo, che sono presentati in una nuova sezione storica del sito Web, vi è un piano di raggruppamento delle truppe naziste per il 1° dicembre 1944.
 
"La capitale dell'Ungheria era di grande importanza strategica per le forze naziste. Così alla periferia della città furono costruiti diversi punti di difesa e la città stessa divenne una fortezza inespugnabile", hanno spiegato dal Ministero della Difesa russo.
 
Atrocità naziste
 
Sebbene l'Ungheria fosse un alleato del Terzo Reich nella seconda guerra mondiale, le truppe naziste distrussero le chiese ungheresi, furono imposte ai giovani e ai più anziani i lavori forzati, rendendo impossibile la vita alla popolazione locale, compresi gli ucraini, e gli ebrei sterminati .
I documenti declassificati evidenziano le atrocità commesse dai nazisti contro i prigionieri di guerra e i civili in Ungheria.
 
"Vengono presentati i protocolli per l'interrogatorio dei prigionieri di guerra, che nelle loro testimonianze mostrano chiaramente che i nazisti trattavano il popolo ungherese come la popolazione di uno stato vassallo", hanno confermato dal Ministero.
 
Inoltre, questi documenti descrivono le rappresaglie dei nazisti contro gli ebrei della città ungherese di Szeged, dove 16.000 persone furono ammassate in un ghetto. Quindi, tutta questa popolazione ebraica con il pretesto di un'evacuazione è stata inviata "in direzione della Germania" in carri merci senza cibo e acqua e "nessuno conosce la sua destinazione successiva", si legge uno dei documenti declassificati.
 
I documenti evidenziano anche le atrocità delle truppe della Germania nazista nella vicina Ucraina , all'inizio della seconda guerra mondiale. Entro il 1° maggio 1942, i nazisti, in dono per il führer, "ripulirono completamente" il ghetto della città ucraina di Stálino con l'artiglieria antiaerea, il documento cita l'interrogatorio di un prigioniero di guerra che combatté insieme al nazisti sul fronte orientale.
 
"Ai lavoratori ucraini, i nazisti li colpivano anche per una piccola cosa. Ad  un lavoratore rimase privo di sensi, lo ricoprirono immediatamente di terra. Se un lavoratore voleva opporsi, gli sparavano immediatamente", il documento cita un prigioniero di guerra. Il numero di persone uccise dai nazisti in questa città ucraina è stimato tra 60.000-80.000, comprese le madri con bambini, donne e uomini di tutte le età.
 
Nella stessa città i nazisti sterminarono la popolazione in due autobus ermeticamente chiusi, dove i gas di combustione non uscivano all'esterno, ma si fermavano all'interno dei veicoli. I corpi delle persone assassinate furono gettati in una miniera.
 
Il Ministero della Difesa russo ha indicato di pubblicare questi archivi con l'obiettivo di proteggere la verità storica, contrastando le falsificazioni della storia e tentando di rivedere i risultati della seconda guerra mondiale.
 
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa