Cooperazione Russia-Myanmar: dopo i caccia Sukhoi-30SME, Mosca esporta Pantsir-S1 e droni Orlan-10E

Cooperazione Russia-Myanmar: dopo i caccia Sukhoi-30SME, Mosca esporta Pantsir-S1 e droni Orlan-10E

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli armamenti prodotti in Russia sono apprezzati in tutto il mondo e Mosca continua ad esportarli in ogni angolo del globo. Un nuovo accordo in tal senso è stato firmato con il Myanmar.

La Russia fornirà al Myanmar un lotto di sistemi di difesa aerea missilistica e di artiglieria Pantsir-S1, veicoli aerei senza pilota Orlan-10E e radar, secondo quanto riferisce l’agenzia TASS.

L'accordo è stato firmato durante una cerimonia alla presenza del ministro della Difesa russo Sergey Shoigu, in visita ufficiale in Myanmar, e del comandante in capo delle forze armate del Myanmar, Min Aung Hlaing. Il viceministro della difesa russo Alexander Fomin ha firmato l'accordo per la Russia.

Dal 2001 è stata creata una base giuridica e normativa per una cooperazione tecnico-militare efficace e reciprocamente vantaggiosa, che fa progressi costanti. La Russia ha fornito al Myanmar 30 aerei MiG-29, dodici jet da addestramento al combattimento Yakolev-130, dieci elicotteri Mi-24 e Mi-35P, otto sistemi missilistici di difesa aerea Pechora-2M e anche radar, veicoli corazzati e pezzi di artiglieria. È stato concluso un contratto per la fornitura di sei aerei Sukhoi-30SME. Alcuni sono già stati consegnati.

L'hardware militare è sottoposto a riparazioni e manutenzione presso il centro speciale comune del Myanmar per tutti i tipi di attrezzature, sia aerei che blindati.

La cooperazione bilaterale ha visto un intenso sviluppo negli ultimi cinque anni. Le delegazioni del Myanmar partecipano regolarmente ai giochi dell'esercito internazionale e alle attività di addestramento al combattimento. L'anno scorso il contingente del Myanmar ha preso parte all'esercitazione Kavkaz-2020. Inoltre, nel 2018 è stato concluso un accordo intergovernativo su procedure più semplici per le navi militari russe che visitano i porti del Myanmar.

Il comando delle forze armate del Myanmar ha mostrato interesse per altri sistemi d'arma avanzati di fabbricazione russa.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti