World Affairs/Coronavirus: la fine dell'eccezione africana

Coronavirus: la fine dell'eccezione africana

 

Anche se in ritardo, l'Africa è a sua volta colpita dalla pandemia di Covid-19. A partire dal 18 marzo, secondo l'OMS, 30 dei 54 paesi africani avevano identificato casi di contaminazione. Panoramica della situazione in tutte le sottoregioni del continente.

Fonte articolo
 
 
L'Africa è il continente più recentemente colpito dalla pandemia di Covid-19. Trenta stati dei 54 paesi del continente sono interessati. All'inizio relativamente risparmiata, rispetto all'Asia o all'Europa, l'Africa ha contato 596 casi confermati, tra cui 16 morti, dall'inizio dell'epidemia secondo i dati forniti il ??18 marzo dall'OMS. Di fronte al virus, non tutte le regioni africane sono su un piano di parità. 
 
Nord Africa
 
Il paese più colpito dalla pandemia con 196 casi confermati, tra cui sei morti, l'Egitto, sta cercando di fermare la diffusione del virus. Pertanto, le autorità del paese hanno deciso di sospendere i voli internazionali dal 19 marzo. 
 
 
 
 
L'Algeria, il terzo paese africano più colpito con 72 casi confermati e sei morti, ha annunciato la sospensione di tutti i collegamenti aerei e marittimi con l'esterno, ad eccezione del trasporto di merci o della chiusura delle scuole e moschee. Anche il Marocco e la Tunisia, che hanno contato rispettivamente 49 (inclusi due decessi) e 24 casi di contaminazione, hanno applicato queste misure. Per quanto riguarda la Libia, dilaniata dai conflitti armati interni, per il momento non ha confermato ufficialmente alcun caso, ma è circondata da paesi in cui circola l'epidemia. Per precauzione, il governo libico di unità nazionale (GNA) ha chiuso porti e aeroporti sotto il suo controllo.

 
Africa occidentale
 
La Nigeria, il paese più popoloso del continente con quasi 200 milioni di abitanti, ha deciso il 18 marzo di limitare l'ingresso di viaggiatori provenienti da "paesi con oltre 1.000 casi a livello nazionale", secondo un comunicato stampa dal comitato presidenziale di sorveglianza del coronavirus. Lo stesso giorno, i governatori degli stati nord-occidentali hanno deciso di chiudere gli istituti scolastici per un periodo di 30 giorni.
 
A quella data, il paese elencava ufficialmente solo tre casi di contaminazione. In Senegal, il presidente Macky Sall ha ordinato la chiusura delle scuole, il divieto di raduni religiosi e la sospensione di tutti i voli verso i paesi europei e del Maghreb più colpiti. Il paese ha 31 casi di contaminazione. Anche il Ghana e la Costa d'Avorio hanno adottato una misura simile chiudendo le porte del loro territorio ai viaggiatori provenienti da paesi considerati ad alto rischio, ad eccezione dei loro cittadini o residenti. 

Per quanto riguarda il Burkina Faso, che sta affrontando attacchi di gruppi armati, è ora afflitto dalla pandemia. Il paese conferma 20 casi e ha registrato un decesso, il primo nell'Africa sub-sahariana. "Alla luce dell'evoluzione dell'epidemia di coronavirus in Burkina Faso, il governo decide di chiudere tutti gli istituti di istruzione prescolare, primaria, post-primaria e secondaria, professionale e universitaria, da lunedì 16 marzo 2020 a martedì 31 marzo 2020 su tutto il territorio nazionale ", ha dichiarato il Ministro della Comunicazione Remis Fulgance Dandjinou. 
 
Africa centrale 
 
Il Camerun ha 10 casi confermati, tra cui il famoso sassofonista Manu Dibango, 86 anni. Il paese, che avrebbe ospitato il campionato delle nazioni africane, in programma dal 4 al 25 aprile 2020, ha deciso di rimandarlo a una data successiva con la voce del ministro dello sport del Camerun. Come molti paesi africani, il Camerun ha annunciato il 17 marzo la chiusura dei suoi confini, nonché scuole e università. È stata inoltre decretata la sospensione dei visti di ingresso nel paese.  Nella Repubblica Democratica del Congo, un altro gigante demografico del continente con oltre 80 milioni di abitanti, è stata anche implementata una serie di misure. Il 18 marzo, il presidente Felix Tshisekedi ha annunciato la sospensione, dal 20 marzo, dei voli da tutti i paesi considerati ad alto rischio. Questa misura non riguarda il trasporto di merci. È inoltre in atto un rafforzamento delle misure di sicurezza delle frontiere. Tutti i passeggeri a rischio verranno automaticamente messi in quarantena. Anche la chiusura di scuole e università per quattro settimane fa parte delle misure preventive decise da Kinshasa.  Il Ruanda, nonostante l'operazione di comunicazione " #safehands " condotta dal suo presidente Paul Kagame, registra otto pazienti portatori del coronavirus.


 
 
Africa orientale
 
Dopo l'invasione delle locuste, l'Africa orientale sta affrontando i suoi primi casi di contaminazione da coronavirus. L'Etiopia, che ha sei casi confermati di Covid-19, è il paese più colpito dell'Africa orientale dopo il Kenya, che ha registrato quattro casi di contaminazione. Se il governo etiope ha annunciato il 16 marzo la chiusura di tutte le scuole del paese, nonché la cancellazione di eventi sportivi e manifestazioni per 15 giorni, non ha ancora deciso di sospendere le rotte aeree.  Il Kenya, da parte sua, ha deciso di chiudere i suoi confini, fatta eccezione per i suoi cittadini e residenti stranieri che, una volta rientrati nel paese, dovranno sottomettersi all'auto-contenimento.
 
Africa meridionale 
 
Il Sudafrica è il secondo paese più colpito in Africa, con 116 casi contro 85 del giorno precedente. O un aumento di oltre un terzo. Per frenare la diffusione del virus, il presidente Cyril Ramaphosa il 15 marzo ha ordinato la chiusura delle scuole, il divieto di raduni di oltre 100 persone e il divieto di ingresso nel territorio dei cittadini dei paesi più colpiti dal Covid-19. Il Mozambico, per il momento completamente risparmiato dall'epidemia, ha deciso di prendere provvedimenti già il 28 gennaio sospendendo l'emissione di visti d'ingresso sul suo territorio ai cittadini cinesi.  Se i paesi africani sembrano attivamente attuare una serie di misure rivolte alle popolazioni, l'OMS, attraverso il suo direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha lanciato l'allarme sottolineando "la vulnerabilità del sistema sanitario relativamente precario” di questo continente.


 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa