Coronavirus, questa crisi la paghino le multinazionali che eludono il fisco e i multi-miliardari

 Coronavirus, questa crisi la paghino le multinazionali che eludono il fisco e i multi-miliardari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Francesco Erspamer*


Dunque l’impatto del panico da coronavirus sull’Italia sarà dai 10 ai 30 miliardi, spiegano i giornali, come a dire che non ne hanno nessuna idea. Ma lo stesso, perché accettare che la nostra economia venga messa in ginocchio e milioni di cittadini ne paghino le conseguenze? O che il debito pubblico cresca ulteriormente? Non sono affatto un sostenitore del rigore e dell’austerity, al contrario. Ma il debito non è arrivato così in alto per una catena di catastrofi o viceversa per un piano di ricostruzione nazionale; è alto perché a poche multinazionali per lo più straniere e a un ristretto numero di avidi italiani è stato consentito di accumulare oscene fortune evadendo il fisco, spesso legalmente, o ottenendo a prezzi di svendita il permesso di sfruttare i beni comuni e pubblici (le privatizzazioni e le concessioni). Grazie alla corruzione di giornalisti e politici ma anche alla colpevole disattenzione della gente. È il momento che ridiano alla comunità quello che (secondo me) hanno rubato o (secondo i liberisti) meritato. Di miliardari ce ne sono una quarantina, in Italia, e complessivamente possiedono, contando solo i beni personali, quasi 150 miliardi.


Basterebbe che ciascuno di loro desse allo Stato, volente o nolente, una percentuale del suo patrimonio, diciamo un 20%. Vi pare troppo? Comunque gli resterebbe, al più povero di loro, abbastanza da far vivere nel lusso più sfrenato (sostanzialmente inimmaginabile da noi comuni mortali) anche i suoi figli e i figli dei figli; proprio non possiamo chiamarlo un sacrificio, tutt’al più un dovere civico. I multimilionari sono molti di più, decine di migliaia: vogliamo che facciano la loro parte per superare questa emergenza nazionale o lasceremo che si imboschino, come i loro progenitori durante le guerre mondiali da loro volute, quando invece di andare al fronte a rischiare la vita per la patria facevano soldi speculando sugli armamenti o sulle forniture? Se non sono cittadini come gli altri gli va tolta la cittadinanza e vanno buttati fuori dal paese, dal quale tanto scapperanno alla prima difficoltà.


Quanto ai politici e giornalisti che si riempiono la bocca di Italia e di prima-gli-italiani, è il momento che dimostrino coi fatti il loro nazionalismo e il loro populismo, invece di fare come al solito gli interessi delle multinazionali straniere.


*Professore all'Harvard University

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti