/ Correa a RT: "Non ho un ordine di arresto dalla Giustizia ma dall...

Correa a RT: "Non ho un ordine di arresto dalla Giustizia ma dall'Ingiustizia dell'Ecuador."

 


L'ex presidente dell'Ecuador Rafael Correa ha commentato a RT l'ordine di detenzione preventiva pronunciata contro di lui dal giudice Daniela Camacho. "Non ho un mandato di cattura da parte dei tribunali di giustizia ecuadoriani. Ho un mandato di Ingiustizia dall'Ecuador. In Ecuador non c'è più stato di diritto", ha detto l'ex presidente.


"La strategia nei miei confronti è quella di uccidermi: mi hanno sospeso, ad esempio, la sicurezza presidenziale; di farmi prigioniero in Ecuador o di impedirmi di tornare in patria", ha dichiarato Rafael Correa, ex presidente dell'Ecuador


"Sapete quale è il quadro giuridico costituzionale per cui è stato nominato procuratore che mi sta perseguendo?" Chiede Correa, aggiungendo che il pubblico ministero è stato "nominato ad hoc, senza concorso, solo per il suo slogan di imprigionarmi".


L'ordine di custodia cautelare è stata emessa dopo che l'ex presidente non si è presentato presso la sede del Tribunale Nazionale a Quito per dichiarare il suo presunto coinvolgimento nel rapimento di Fernando Balda, un ex parlamentare del paese latino-americano nel 2012. Invece di comparire davanti al quartier generale giudiziario in Ecuador come collegato nella fase preliminare del processo, l'ex presidente è apparso al Consolato dell'Ecuador in Belgio, dove vive con la sua famiglia per un anno. Oltre al mandato di arresto, il giudice ha accolto la richiesta dell'Ufficio del Procuratore di richiesta dell'Interpol per arrestarlo e estradarlo.


Commentando il caso del rapimento di Balda, Correa ha denunciato che si tratta di un "grande ridicolo che non ha prospettive di successo a livello internazionale". Balda "è fuggito dalla giustizia ecuadoriana" e "era impegnato in azioni illegali in Colombia", afferma l'ex presidente, sottolineando che "è chiaro che si tratta di un abuso della polizia".
"Alcuni poliziotti hanno cercato di catturarlo e hanno visto che con false testimonianze potevano coinvolgere il presidente della Repubblica", si lamenta Correa.
 

"Non ci sono prove, nessuna indicazione contro di me", sottolinea Correa mentre colpisce il mandato di arresto del meccanismo "assolutamente illegale che sarebbe impossibile in qualsiasi paese". "Ma il mondo guarda dall'altra parte, se fosse successo nel mio governo con un avversario politico, sarei già alla Corte internazionale dell'Aia", ha sottolineato l'ex presidente.


 A proposito della situazione a livello regionale, l'ex presidente ha ricordato che il suo non è l'unico caso, citando accuse contro il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, l'argentino Cristina Fernandez de Kirchner e l'ex vice presidente ecuadoriano Jorge Glas. "Quello che stanno facendo contro di me è solo il quinto-sesto caso", afferma Correa, ricordando che solo nell'ultimo periodo è stato accusato di prevendita di petrolio di scarsa qualità, contratti petroliferi mal negoziati, racket, traffico d'influenza, e "tutto in gli ultimi mesi ", perché" hanno visto la strategia della giudizializzazione della politica ".


"È evidente che la giustizia viene cooptata per perseguitare i leader di sinistra", sottolinea l'ex presidente. "Più danno di noi, stanno facendo del male alle nostre democrazie, ai nostri paesi, alle istituzioni che sono così fondamentali per il buon vivere", conclude Correa.

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa