Cosa sta succedendo in Sudan?

Cosa sta succedendo in Sudan?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Una serie di scontri armati tra l'Esercito e il gruppo paramilitare delle Forze di supporto rapido (Rsf) sono scoppiati sabato mattina a Khartoum, capitale del Sudan, e in altre città vicine, dove si sono udite esplosioni e colpi di arma da fuoco, riferiscono i media locali. Secondo un comunicato delle Rsf, le Forze Armate del Paese africano hanno sferrato un "brutale attacco" con armi pesanti contro il suo quartier generale, situato in alcuni accampamenti nel sobborgo di Soba, per poi assediarlo, come si può vedere in diversi video pubblicati sui social network.

"Chiediamo al popolo sudanese e all'opinione pubblica internazionale e regionale di condannare questo comportamento codardo ed esortiamo il popolo sudanese a rimanere unito in questo momento storico critico", si legge nel testo.

Dalle RSF hanno annunciato di essersi difese e di "aver risposto alle forze ostili", provocando numerose vittime. Hanno anche spiegato di essere riusciti a espellerli dalle loro postazioni e sono riusciti a ottenere il controllo dell'aeroporto e della base di Marawi, nonché dell'aeroporto di Khartoum.

Successivamente, hanno annunciato di controllare diversi edifici statali, tra cui il Palazzo Repubblicano, sede presidenziale della nazione, nonché gli aeroporti di Merowe ed El-Obeid. "Assicuriamo ai cittadini […] che la situazione è sotto controllo", hanno dichiarato.

Il canale televisivo Al Jazeera sottolinea che questa informazione non è stata ancora verificata. Il servizio generale di intelligence sudanese nega che il gruppo paramilitare abbia preso il controllo del palazzo presidenziale.

Scontri si sono verificati anche nelle vicinanze del Comando dell'Esercito, della strada dell'aeroporto e della zona di Jabra. Allo stesso modo, i miliziani hanno chiuso il ponte Shambat a North Khartoum, mentre, secondo testimoni, ci sono state scaramucce nella zona di Kafouri.

Inoltre, ci sono stati scontri tra l'Esercito e le RSF presso la base aerea di Marawi, situata nel nord del Paese, tra i timori che la situazione attuale possa portare a una guerra su vasta scala nel Paese.

 La versione dell’esercito

Da parte sua, il generale Nabil Abdullah, portavoce dell'Esercito sudanese, ha accusato le Forze di supporto rapido di aver attaccato aree appartenenti alle Forze armate, che sono state costrette a rispondere. In questo senso, ha precisato che ormai considerano le Rsf una "forza ribelle" contro lo Stato.

Ore dopo, l'esercito ha riferito che l'aviazione sudanese sta effettuando una serie di attacchi contro le basi paramilitari delle RSF a Khartoum, riporta AFP.

I media locali riferiscono che tutti i ponti di questa città  sono stati chiusi e che il traffico aereo all'aeroporto internazionale della capitale è stato interrotto .

L'ambasciatore Usa in Sudan, John Godfrey, ha affermato che, sulla scia degli eventi "profondamente inquietanti" , ha deciso di rifugiarsi sul posto "con il team dell'Ambasciata", allo stesso modo in cui - ha osservato - "stanno facendo tutto i sudanesi in tutta Khartoum e altrove".

"L'escalation dalle tensioni all'interno della componente militare ai combattimenti diretti è estremamente pericolosa. Faccio appello urgente all'alto comando militare affinché fermi i combattimenti", ha aggiunto il diplomatico.

Allo stesso tempo, la missione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite in Sudan ha chiesto la cessazione “immediata” dei combattimenti.

Contesto del conflitto

Il conflitto tra le due parti si è intensificato questa settimana, a seguito di una serie di disaccordi su questioni di sicurezza e riforma militare. La crisi si è aggravata dopo che il gruppo paramilitare ha inviato convogli di attrezzature e forze nelle vicinanze dell'aeroporto di Marawi, a cui l'esercito si è opposto.

Le tensioni tra Esercito e Rsf sono andate aumentando negli ultimi mesi, costringendo a ritardare la firma di un accordo con le parti politiche per riattivare la transizione democratica del Paese, che ha il sostegno della comunità internazionale,  secondo quanto riporta PA .

Al-Arabiya riferisce infatti che questo giovedì l'Esercito ha denunciato i recenti movimenti delle RSF, in particolare nella città settentrionale di Merowe, che avrebbero compiuto senza coordinamento e illegalmente.

Secondo l'agenzia, le discrepanze sarebbero sorte su come il gruppo paramilitare, guidato dal generale Mohammed Hamdan Dagalo, dovrebbe essere integrato nelle Forze Armate e quale autorità dovrebbe sovrintendere a tale processo. Questa è una condizione chiave dell'accordo di transizione in Sudan, non ancora firmato.

Il rovesciamento nel 2019 del governo del presidente Omar al-Bashir è all'origine del conflitto. Sotto il suo governo, la forza paramilitare è nata dalle ex milizie conosciute come Janjaweed, che hanno condotto una brutale repressione nell'area del Darfur durante decenni di conflitto.

 

 

 

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti